Architettura e fenomenologia della città-natura - diretta da A. Sichenze

Direzione: Armando Sichenze

La storia ci presenta piccoli centri posti tra civiltà e natura, bellissimi e talvolta abbandonati; da una parte e dall’altra ci pone di fronte ad un territorio di macerie, di città disperse, di tracce confuse e di individualità alla deriva, in cui pure viviamo. Sembra che in queste condizioni l’accesso esperienziale alla città, al mondo e in particolare al “mondo della vita”, venga normalmente perduto. Ma perché dobbiamo rassegnarci a tutto questo accettandolo come un dato? In fondo più di mezzo secolo di esperienze hanno descritto una traiettoria di studi e progetti riferibili ad una ricca tradizione fenomenologica, architettonica e urbana. Da questa abbiamo imparato a ritrovare il “fuoco sotto la cenere”.
Ma è possibile, ora, prolungare questa esperienza fino alle condizioni attuali e ricercare il senso delle cose, anche in orizzontale: inseguendo nel bosco di Internet un istinto di sopravvivenza? È ancora possibile pensare una città-natura in architettura per coglierne il senso nel progetto, rappresentandone le condizioni di sostenibilità nella realtà, ricostruendone, nella storia, una genealogia? Forse stiamo “mutando”. Tra discordanti nature e diversificati destini la città-natura è già oltre. Sin dentro le trasmutazioni della metropoli e non solo in un suo grande parco. La città­natura non è un oggetto, è una condizione di possibilità e sensi differenti. È lo scomporsi e ricomporsi della città nel tempo, per ritrovarsi diversamente. In essa l’architettura esprime una com-posizione di principi di città: nel senso della “città che nasce” e al tempo stesso della città che, in un suo punto, si può ri-generare insieme alla natura, proponendo quanto vi è di essenziale, in architettura, per la vita e la sopravvivenza.
La collana, proponendo di studiare questi fenomeni dai diversi punti di vista, vuol fornire elementi critici a una “comunità scientifica e di pratiche”. Una comunità pensante, operante e progettante. In questo quadro saranno ben accolti sia contributi manualistici e antologici, storie di singole città-natura e rassegne di progetti, sia punti di vista di diverse discipline, posizioni di architettura e quant’altro possa servire a chi studia e progetta architettura, città­natura e metropoli.

La ricerca ha estratto dal catalogo  3  titoli.
 
  Titolo Tipologia
Comunità disegno. Laboratorio a cielo aperto di disegno e rappresentazione nei Sassi di Matera Comunità disegno. Laboratorio a cielo aperto di disegno e rappresentazione nei Sassi di Matera
Antonio Conte (82.3)
Il Seminario/Laboratorio svolto nei Sassi di Matera è stato per dottorandi, tutor, docenti e maestri, l’occasione per percorrere insieme un pezzo di “formazione”, di “apprendimento”, di “conoscenza” attraverso il disegno, di “condivisione critica” e di “scambio tra culture” consolidate di nuovi e vecchi Atenei con finalità didattiche filtrate da diverse concezioni scientifiche.
Libro
Genealogia di un comporre in architettura  Genealogia di un comporre in architettura
Maria Italia Insetti, Adriana Labella … (82.1)
Il volume illustra l’esperienza didattica di uno studente di Composizione architettonica, organizzata seguendo un apprendimento che matura secondo una sequenza di azioni come: leggere (ideare) il concept, conoscere (razionalizzare) la costruzione, pre-organizzare (sviluppare) il processo progettuale, riattraversare (focalizzare) l’esperienza, accogliere (sperimentare) la ricerca.
Libro
Architettura e management della città-natura Architettura e management della città-natura
Ina Macaione (82.2)
La città­natura: un complesso di beni, condizioni e servizi, curato dai settori dell’Ambiente, dei Beni Culturali e del Turismo. Viene proposta una nuova articolazione dei profili professionali che confluiscono nel management della città­natura, consentendo di scoprire la possibilità di un nuovo accesso al “mondo della vita” nel mondo della città­natura.
Libro