Segni d'impoverimento. Una riflessione socio-antropologica sulla vulnerabilità
Autori e curatori
Contributi
Paolo Guidicini
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 160,   1a ristampa 2006,    1a edizione  2003   (Codice editore 1563.43)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 17.00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846448408

Presentazione del volume

La povertà, così come si è venuta a delineare all'interno degli studi più recenti, non sembra più essere una condizione statica nel tempo ma è interpretabile solo in termini di "processo".

Spiegarla nella sua dinamica processuale significa non solo sostenere che le situazioni dei soggetti sono instabili nel tempo, ma anche che le stesse si muovono lungo un continuum di fasi della vita fra loro assai diverse: di "caduta", di "risalita", di "ricaduta", ecc.

Seguendo quest'ottica il volume si propone di offrire una lettura dei meccanismi che innescano i percorsi di impoverimento e degli steps che precedono le forme di povertà più estrema.

Centrale diventa, quindi, l'analisi della fase di vulnerabilità attraversata dai soggetti in più ambiti vitali per individuare le cause di rischio di scivolamento verso la povertà e che cosa non funziona nella gestione individuale, interpersonale e sociale della situazione critica vissuta.

Attraverso una ricerca empirica di tipo socio-antropologico, che attribuisce rilevanza in particolare alla dimensione soggettiva , sono state così raccolte e presentate delle storie di casi e alcune "traiettorie biografiche" in cui si evidenzia da un lato la concatenazione di eventi destabilizzanti nella vita dei soggetti e dall'altro tutte quelle microfratture , spesso poco visibili e marginali, che risultano però determinanti al fine di comprendere la logica che porta all'insorgere di vere e proprie "derive".

Nei racconti proposti vengono pertanto narrate le vicende e le esperienze sotterranee di uomini che quotidianamente possiamo incrociare senza, peraltro, riuscire a vedere e conoscere in modo esplicito i "segni" di impoverimento che caratterizzano i percorsi della loro esistenza.

Chiara Francesconi , dottore di ricerca in Sociologia e politiche sociali, fa parte del Centro Studi sui Problemi della Città e del Territorio (Ce.P.Ci.T.) del Dipartimento di Sociologia dell'Università di Bologna. In particolare si occupa di esclusione sociale grave in ambito urbano e delle trasformazioni dell'area metropolitana. Tra le sue ultime pubblicazioni presso Franco Angeli: "Un luogo e la sua identità" in P. Guidicini e M. Castrignano (a cura di), Antropologia di un luogo turistico , 2002; "Segni di glocalismo nel periurbano" (con M. Castrignano), in Sociologia Urbana e Rurale , anno XXIV, n° 69.

Indice


Paolo Guidicini, Presentazione
Introduzione
Povertà, impoverimento e vulnerabilità
(Dalla povertà all'impoverimento; Le fasi del percorso d'impoverimento; Vulnerabilità e "traiettorie biografiche"; "Processi d'impoverimento" e ricerca socio-antropologica)
"Casi" d'impoverimento: etnografo e operatore a confronto
("Casi" e dimensioni d'analisi; Il caso di G.L.: contesto familiare debole e consumo compensatorio; Il caso di E.A.: gestione del tempo fra lavoro e sfera affettiva; Il caso G.R.: cura dell'immagine e propensione al risparmio; Il caso di V.O.: fragilità sentimentale e deriva professionale; Il caso di F.V.: "rispetto del dovere" e "cultura alternativa"; Il caso di M.G.: la responsabilità fra paura e inadeguatezza)
"Traiettorie biografiche" e vulnerabilità
(Percorsi "in itinere"; La "traiettoria biografica" di P.R.; La "traiettoria biografica" di A.G.; La "traiettoria biografica" di D.B.)
Ricostruire i "segni" dell'impoverimento