Tina Modotti. Fra arte e rivoluzione
Autori e curatori
Contributi
Claudio Natoli
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 320,   figg. 39,  3a ristampa 2016,    1a edizione  2005   (Codice editore 1573.337)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 34.00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846468796

Utili Link
Messaggero Veneto Intervista a Italo Zannier, critico e storico della fotografia (di Luciano Santin)… Vedi...
Il Messaggero di S.Antonio Quando il fuoco non muore (di Laura Pisanello)… Vedi...
Presentazione del volume

Il percorso umano e conoscitivo di Tina Modotti (1896-1942), fotografa e militante politica, si articola in fasi ben distinte, nel corso delle quali la protagonista acquista dimensioni drammatiche sino ad assumere un ruolo quasi di vittima degli eventi storici.

Nella sua breve vita la Modotti, emigrata dalla nativa Udine nel 1913 alla volta prima della dorata California e poi del luminoso Messico, è un personaggio accattivante nella sua complessità, reso spesso un mito dalle precedenti biografie che tendono a trascurare alcuni aspetti politici salienti.

Letizia Argenteri "legge" la Modotti alla luce degli eventi storici - il periodo italiano di fine secolo, l'emigrazione friulana negli Stati Uniti d'America, la California dei bohémiens, il Messico degli anni venti, l'Unione Sovietica del regime stalinista e la Spagna dilaniata dalla guerra civile.

Attingendo a fonti mai utilizzate prima - la stampa degli emigrati italiani della costa americana occidentale, i documenti della Fondazione Istituto Gramsci e della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, e gli archivi della Hoover Istitution, della Fondazione J. Paul Getty e della Geisel Library della UCSD (University of California in San Diego) - l'autrice separa il mito dalla realtà, sviluppando l'intreccio di una vita vissuta intensamente fra arte e rivoluzione.

Letizia Argenteri è professore di Storia nel Dipartimento di Social Sciences al San Diego Mesa College e scholar affiliata all'UCLA Center for the Study of Women di Los Angeles. Nativa di Bollate (Milano), è laureata in Lingue e Letterature Straniere a Milano. Inoltre ha studiato Storia cultural-intellettuale all'UCLA (University of California in Los Angeles), dove ha ottenuto un Ph.D in Storia europea. Tra le numerose pubblicazioni, che trattano il nazionalismo, D'Annunzio e la musica, il rapporto di Pirandello col fascismo, il colonialismo italiano e il concetto di storia e memoria, ricordiamo Il re borghese. Costume e società nell'Italia di Vittorio Emanuele III (Arnoldo Mondadori, 1994). Il testo sulla Modotti, pubblicato in versione inglese col titolo Tina Modotti: Between Art and Revolution (New Haven/Londra, Yale University Press, 2003), è stato definito dal Library Journal "rigorosissimo e molto accurato nella ricerca e interpretazione dei dati storici" e "la migliore biografia della Modotti".

Indice


Ringraziamenti
Claudio Natoli, Introduzione
Prefazione
Udine
America! America!
Robo e la carriera d'attrice
Messico!
Edward Weston
Il richiamo del partito
Persona indesiderata
La macchina fotografica, alleata e compagna
Espulsione
Vittorio Vidali
María
Il ritorno della Hija
La fine
Conclusione
Lettera a Tina
Bibliografia
Indice analitico.