Il processo di apprendimento individuale e organizzativo

La formazione nella società della conoscenza

Autori e curatori
Contributi
Giorgio Bertini, Barbara Camilli, Guido Gay, Michelangelo Patron, Marco Rotondi, Carla Trevisani, Marco Vergeat
Livello
Testi per professional
Dati
pp. 192,   1a ristampa 2008,    1a edizione  2005   (Codice editore 1303.9)

Il processo di apprendimento individuale e organizzativo. La formazione nella società della conoscenza
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 22,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846461209

In breve

Con un taglio esemplificativo (ottenuto attraverso il racconto di esperienze o casi brevi ma significativi) questo libro si rivolge a tutti coloro che vogliono capire come aiutare i singoli e le organizzazioni a guidare con successo i processi di cambiamento.

Presentazione del volume

Nelle organizzazioni attuali la conoscenza assume un'importanza sempre maggiore proprio perché è l'individuo, con il suo patrimonio di competenze, idee, relazioni e comportamenti, che rappresenta l'asset strategico per il loro successo. Da questo punto di vista i processi di apprendimento, sia individuali che collettivi, costituiscono una realtà che le organizzazioni devono curare e gestire con attenzione particolare.

Dopo un'introduzione di Stefano Paneforte che mette a fuoco la necessità di guardare all'apprendimento come a una 'risorsa chiave', Marco Rotondi fa il punto 'critico' sui diversi modelli della formazione oggi in uso e indica le nuove vie per una formazione che sia più incisiva e più rispondente ai bisogni delle persone sul lavoro.

Guido Gay e Michelangelo Patron ripercorrono le tappe della costituzione e dello sviluppo del Centro di Formazione Management del Terziario (CFMT), nato per favorire la crescita professionale e personale dei dirigenti del settore Terziario, che costituisce un fatto nuovo nel panorama della formazione manageriale italiana. Giorgio Bertini, a partire da esperienze di apprendimento organizzativo raccolte nel corso di una ricerca Isfol, riflette sulle ragioni della scarsa diffusione di questo approccio e ne propone una possibile evoluzione centrata sull'autogestione e sull'autovalutazione dell'apprendimento. Barbara Camilli e Carla Trevisani illustrano il cammino intrapreso da Telecom Italia nella direzione del cambiamento attraverso la definizione di un modello organizzativo, basato sulle famiglie professionali. Infine, Marco Vergeat affronta il complesso problema della valutazione della formazione, mettendo in risalto gli strumenti utilizzati nel processo e presentando, fra l'altro, l'esperienza di Isvor Fiat.

Giorgio Bertini è un dirigente industriale, docente universitario e consulente di direzione. Barbara Camilli è assegnista di ricerca presso la cattedra di Organizzazione Aziendale della Facoltà di Economia della Sapienza. Guido Gay è stato presidente del CFMT e dirige oggi la rivista Il Giornale del Dirigente. Stefano Paneforte è docente universitario e titolare dell'omonimo Studio di consulenza. Michelangelo Patron è direttore generale del CFMT. Marco Rotondi è presidente dell'Istituto Europeo Neurosistemica (IEN). Carla Trevisani è responsabile di Learning Services in Telecom Italia. Marco Vergeat è amministratore delegato di Isvor Fiat e di Isvor Knowledge Sistems Spa.

Indice


Stefano Paneforte , Prefazione
Stefano Paneforte , La formazione come leva dell'apprendimento organizzativo
(L'importanza di apprendere nell'attuale scenario competitivo: verso l'apprendimento organizzativo; La formazione come "service" per il cambiamento; L'apprendimento: un riferimento all'antropologia culturale; Conclusioni; Bibliografia)
Marco Rotondi, Formazione senza aula
(Limiti della formazione tradizionale; Modelli mentali di riferimento; L'apprendimento dall'esperienza; Nuove vie per una formazione più incisiva; Work Learning Place: apprendere mentre si lavora; Personal training; Formazione outdoor; Conclusioni; Bibliografia)
Guido Gay, Michelangelo Patron , La nascita di una scuola di manager
(L'importanza dell'aggiornamento e della formazione continua in un epoca di grandi e veloci cambiamenti; L'obsolescenza professionale, patologia tipica del manager; La nascita del CFMT; La costituzione di un Osservatorio sul Terziario: la ricerca, i Forum, l'attività editoriale)
Giorgio Bertini , Esperienze di apprendimento organizzativo
(Premessa: alcune esperienze italiane di apprendimento organizzativo; La regioni della ridotta applicazione dell'apprendimento organizzativo; Autonomia e autogestione nell'apprendimento; Come attivare la motivazione ad apprendere?; Apprendimento autogestito e organizzazioni; Verso un apprendimento organizzativo autogestito; Valutazione conclusive; Bibliografia)
Barbara Camilli, Carla Trevisani , Apprendimento e competenze: le comunità professionali, un nuovo modo per vivere l'organizzazione
(L'organizzazione e la relazionalità; Famiglie professionali e comunità professionali; Il processo d'apprendimento nelle comunità professionali; La formazione e l'apprendimento; La famiglia professionale da sistema professionale a modello di funzionamento organizzativo: il Gruppo Telecom Italia; Bibliografia)
Marco Vergeat , Valutare la formazione
(La valutazione della formazione: molti studi, meno esperienze significative; Modelli e metodologie di valutazione della formazione; La valutazione costi-benefici della formazione; La valutazione: attività integrata nel processo formativo; Un caso di valutazione della formazione; l'esperienza Isvor Fiat; Conclusioni: rilanciare l'impegno nella valutazione per una formazione di valore; Bibliografia).



newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi

Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo

Pubblicazioni in Open Access