De philosophia numquam nimis. Studi in onore di Angelo Marchesi
Autori e curatori
Contributi
Stefano Caroti, Chiara Cotifava, Graziella Federici Vescovini, Giovanni Ferrari, Gisèle Fisher Servi, Alessandra Greppi, Antonio Lambertino, Mara Meletti Bertolini, Roberto Pinzani, Fabio Rossi, Alberto Siclari
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 304,      1a edizione  2006   (Codice editore 870.24)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 36.00
Disponibilità: Limitata


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846474612

Presentazione del volume

Con il motto: "La filosofia non è mai troppa/non è mai abbastanza", di antica ascendenza bernardiana, si vuole indicare l'anima metodologica dell'impegno teoretico in ambito filosofico e religioso di Angelo Marchesi, per oltre vent'anni professore di Filosofia della religione nell'Università degli Studi di Parma.
In questa disciplina egli si è cimentato e continua a farlo avendo ben chiaro in mente il suo ruolo di intellettuale fornito "solamente" degli strumenti dell'analisi concettuale che la tradizione filosofica occidentale gli ha consegnato. E, da questo punto di vista, il suo impegno può anche definirsi "analitico", nel senso più puro del termine, perché metodologicamente coerente, limpido e costante; il che lo qualifica ad occupare un posto originale nell'ambito del variegato mondo della filosofia della religione contemporanea, italiana e straniera.
I suoi colleghi ed amici intendono onorarlo con il presente volume miscellaneo offrendo a lui ed a tutti gli studiosi un frutto delle loro ricerche, le quali, pur se storicamente e metodologicamente determinate, sono tuttavia prova del loro affetto e del loro impegno scientifico.
La reactio in Gaetano da Thiene, un tardo scolastico del XIV secolo, la visione di Dio in Niccolò Cusano, la formazione culturale del giovane Lutero, i due volti della divinità in Hoeffding, la nozione di categoria semantica in Husserl, l'idea di soggetto in Wittgenstein, i Quaderni morali di Sartre, la scrittura dell'etica in Ricoeur, alcune interpretazioni di logici contemporanei dei paradossi zenoniani, la nozione del vedere nel pensiero francese post strutturalista, interpretazioni della filosofia della religione di Greisch, la concezione del dolore, da Giobbe ad Auschwitz. Questi i temi affrontati.
In molti dei presenti contributi, anche nei meno, a prima vista, sospettabili, l'idea di Dio e della divinità, considerata in sé ed/od in rapporto al mondo, è ben presente ed innegabile. Così: Dio, uomo, mondo; modi di dire e vedere Dio, l'uomo, il mondo; modalità di concepire ed esprimere i rapporti fra questi termini, da vari punti di vista: di filosofia naturale, metafisico, semantico, morale, analitico, religioso, storico. Ecco il profondo filo logico e la trama strutturale che lega i saggi qui offerti.
Visti entro questa luce, essi concorrono, singolarmente e nella loro complessità, a costituire la ricchezza e l'interesse di questa pubblicazione.

Indice


Franco De Capitani, Introduzione
Alberto Siclari, Presentazione
Bibliografia degli scritti di Angelo Marchesi
Saggi
Stefano Caroti, La discussione rinascimentale sulla "reactio": Gaetano da Thiene
Graziella Federici Vescovini, La vision de Dieu et le mur de la coïncidence des opposés
Franco De Capitani, "Mysterium et misericordia". La formazione culturale del giovane Lutero: da Aristotele a Staupitz
Alberto Siclari, I due volti del Dio di H•ffding
Roberto Pinzani, Sulla nozione di categoria semantica nelle "Ricerche Logistiche" di Husserl
Giovanni Ferrari, La concezione del soggetto in Ludwing Wittgenstein
Mara Meletti Bertolini, La riconciliazione di storia e destino nei "Cahiers pour une morale" di J.-P. Sartre
Chiara Cortifava, Paul Ricoeur e la nuova scrittura dell'etica
Gisèle Fisher Servi, Il paradosso della dicotomia: fisica e matematica a confronto
Alessandra Greppi, Sulla cecità e sulle lacrime
Fabio Rossi, Filosofia della religione e Storia della filosofia della religione in Jean Greisch
Antonio Lambertino, Il dolore perché? Da Giobbe ad Auschwitz. Brevi riflessioni
Indice dei nomi.