Da "figli di un dio minore" a protagonisti della partecipazione. Storia della Filca, la federazione delle costruzioni e del legno della Cisl
Autori e curatori
Contributi
Domenico Pesenti
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 400,      2a edizione, nuova edizione  2010   (Codice editore 537.8)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 42.50
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856831870

In breve
Le vicende della Filca, la federazione dei lavoratori delle costruzioni e del legno della Cisl. Sulla base di una vasta documentazione archivistica, il testo evidenzia come la Filca abbia saputo raccogliere e sviluppare la tradizione del solidarismo mutualistico della Cgdl riformista e l’impianto fortemente innovativo e partecipativo propugnato dalla Cisl di Pastore e Romani.
Utili Link
Conquiste del Lavoro Vedovato e la storia della Cisl… Vedi...
Vedi...
Bollettino Archivio Storia Mov. Soc. Catt. Italia Recensione (di Nicola Martinelli)… Vedi...
La Vita del Popolo Le battaglie vincenti della Filca Cisl (di Mario Cutuli)… Vedi...
Conquiste del Lavoro Lo sciopero delle maioliche (di Manlio Talamo)… Vedi...
Presentazione del volume

Il volume ricostruisce le vicende della Filca, la federazione dei lavoratori delle costruzioni e del legno della Cisl, ispirandosi esplicitamente ad una chiave interpretativa - quella elaborata da Mario Romani - fondata su solidi riferimenti culturali autonomi e non sulla precomprensione ideologica del fenomeno sindacale, o, tanto
meno, su intenti celebrativi. L'autore mette in luce, sulla base di una vasta documentazione archivistica e di un attento confronto con la storiografia specifica, come la Filca abbia saputo, nell'arco di più di cinquant'anni di attività, raccogliere e sviluppare, coniugandole creativamente - anche se non sempre in modo lineare e talora al prezzo di forti conflitti interni -, sia la tradizione del solidarismo mutualistico della Cgdl riformista (casse e scuole edili), sia l'impianto fortemente innovativo e partecipativo propugnato dalla Cisl di Pastore e Romani. Non si può spiegare altrimenti lo straordinario trend associativo di lungo periodo di tale federazione, sia in valori assoluti, sia in rapporto alla Fillea-Cgil, la quale, secondo i dati forniti dalle stesse casse edili, è addirittura stata recentemente superata in un settore nel quale aveva sempre vantato un'egemonia che sembrava inattaccabile.
Anche nella Cisl, del resto, la federazione degli edili e del legno ha visto crescere in modo rilevante, specie nell'ultimo ventennio, il proprio peso e la propria influenza, tanto da diventare, se non un "modello" da seguire, almeno un punto di riferimento 'forte' anche per le altre federazioni dell'industria, e non solo.
Questa nuova edizione riporta gli avvenimenti accaduti dopo il 2008, anno della precedente edizione.

Giuseppe Vedovato, laureato in filosofia, ha svolto numerose ricerche storiche sulla Cisl e da diversi anni collabora con la Fondazione Giulio Pastore. Ultimamente ha pubblicato, tra l'altro, due volumi sulla Storia della Cisl di Venezia (Edizioni Lavoro, 2004; Fondazione Corazzin, 2007).

Indice


Domenico Pesenti, Prefazione
Premessa
Introduzione. Le principali vicende dell'associazionismo sindacale in Italia e in Europa nel settore delle costruzioni prima della nascita della Cgil unitaria (1944)
(Dal mutualismo alla resistenza; Dalla federazione muraria (1886) alla Fine (1899-1900); Le ragioni della assoluta minorità dei cattolici nel settore edile; Le contraddizioni dei riformisti e la nascita del sindacato nazionale delle costruzioni e ammobiliamento aderente all'Usi (1913); Le ragioni del successo del sindacalismo rivoluzionario e del fallimento dei tentativi di instaurare relazioni industriali mature; Uno sguardo al sorgere delle unioni internazionali nel settore delle costruzioni in legno; Il notevole ruolo dei cattolici nelle conquiste sindacali del primo dopoguerra, nonostante le intolleranze e le violenze dei socialisti; Ancora sui motivi della particolare difficoltà dei cattolici a organizzare gli edili; Il corporativismo autoritario del Ventennio fascista; La cooperazione delle costruzioni edili; Osservazioni riassuntive)
Le fondazioni delle costruzioni e del legno dal Patto di Roma alla costituzione della Cisl
(L'egemonia socialcomunista nella Cgil unitaria (1944-1948) e la costruzione della Filea; I congressi nazionali di Filea, Filie e Filil si svolgono tra la primavera del 1947 e quella del 1948 in un crescendo di tensioni interne; La scissione del luglio-agosto 1948 e la costituzione di Federedili, Fullav, Lfilie e sindacato cementieri aderenti alla Lcgil; Le difficoltà dell'attività contrattuale tra antagonismo ideologico dei socialcomunisti e oltranzismo padronale; I congressi dell'autunno 1949 delle fondazioni delle costruzioni; Il nuovo contratto degli edili ("una vittoria che non ci soddisfa") e l'emergere di una divergenza con la Filea sulle classi edili)
Le federazioni delle costruzioni e del legno dalla nascita della Cisl (1950) al primo congresso della Filca (1959)
(1950: nascono la Filde e le altre federazioni nell'ambito della Cisl, il sindacato nuovo di Pastore e Romani; Una federazione subito combattiva non solo nei confronti della Filea ma anche del padronato e delle amministrazioni locali; I primi congressi delle federazioni del legno e delle industrie estrattive (autunno 1951); Al primo congresso della Filde emergono numerosi indizi di difficoltà interne e nel rapporto con la confederazione; La sempre più laboriosa "rinnovazione" dei contratti, i (parziali) successi nella elezione delle Ci e il trend associativo insoddisfacente dopo il 1950; Il passaggio delle consegne tra Lorenzo Ferro e Stelvio Ravizza e l'accordo di unificazione tra Filde, Fullav e Flavca; I congressi del 1955 ratificano il "patto di unione" e danno il via alla Filca come federazione dei tre sindacati; Il processo di unificazione e di rafforzamento dei sindacati provinciali procede nonostante notevoli difficoltà e incomprensioni; L'avvio del periodico della Filca Il sindacato nelle costruzioni e la realizzazione del convegno dei lavoratori cementieri; Il primo congresso nazionale della Filca)
Il decennio 1959-1968 tra mancate riforme, estensione della bilateralità e lento processo di verticalizzazione e di unità d'azione
(Le vertenze contrattuali del 1959: il buon risultato degli edili e le difficoltà degli altri settori delle costruzioni; Il consiglio generale di Marina di Massa e la rinnovata polemica con la Uil sulla preminenza nella federazione internazionale; 1961-'62: mentre procedono la verticalizzazione e l'attività contrattuale e il tesseramento langue, si celebra il secondo congresso nazionale; Le difficoltà a gestire l'azione unilaterale della Filea per il rinnovo degli integrativi territoriali del 1962; Il terzo congresso nazionale; Dopo il terzo congresso emergono delle divergenze interne, mentre cresce lo scontro con il padronato e l'insoddisfazione per il disinteresse delle istituzioni governative e della stessa Cisl per le iniziative e le proposte della Filca; Il rinnovo contrattuale degli operai edili del 1966 istituisce l'indennità di mestiere e generalizza la quota di servizio; Il convegno di Rimini sul futuro delle casse edili: è ormai inderogabile l'esigenza di coordinamento e di omogeneizzazione degli indirizzi assistenziali e amministrativi; Il consiglio generale di Paese (Treviso) si divide sulle "incompatibilità"; I convulsi avvenimenti della prima metà del 1968; L'assemblea dei quadri del 6-7 giugno 1968)
Negli anni dell'antagonismo e della sua crisi (1969-1978) la Filca esplode organizzativamente ma rischia di perdere la propria identità
(Continuità o rottura dell'identità cislina? Una chiave di lettura degli "anni fatali"; Il quarto congresso: anche nella Filca irrompe l'antagonismo classista; Il "Documento di Desenzano" e la faticosa ricucitura unitaria successiva; L'autunno caldo e l'esplosione della contrattazione integrativa; L'apertura "condizionata e prudente" al processo unitario dopo l'iniziale "fuga in avanti"; L'assemblea organizzativa dei quadri dirigenti conferma la linea della "unità al più presto ma con tutti"; Il "congresso straordinario" del 1972 approva il patto federativo per l'unità; La costituzione della "federazione Feneal-Filca-Fillea" tra "pariteticità" ed egemonia; Il quinto congresso: unità sì, ma senza forzature ed elusioni; Il promemoria a Storti: la Filca rivendica la raggiunta maturità e denuncia la volontà egemonica della Fillea; La crisi all'interno della segreteria e l'assemblea organizzativa di Firenze; La leadership del "fimmino" Nino Pagani e il sesto congresso; Le diverse interpretazioni della "linea dell'Eur")
Dalla lunga crisi interna, strategica e di leadership, alla riscoperta dell'identità partecipativa (1979-1991)
(Il passaggio delle consegne tra Pagani e Pelachini e la celebrazione della "quarta" assemblea organizzativa all'insegna della ripresa del protagonismo Cisl: La breve e tormentata parabola della leadership di Pelachini fino alla reggenza di Carlo Mitra; Il settimo congresso: superare la "centralità" della bilateralità e della contrattazione territoriale nell'edilizia; Le consultazioni ambigue e inconcludenti dei lavoratori sulla "piattaforma unitaria" e l'integrazione di segreteria approvata dal consiglio generale del 5 novembre 1982; La "svolta" dell'"accordo Scotti" e la problematica conclusione del rinnovo contrattuale; La quinta assemblea organizzativa torna a valorizzare la specificità della categoria e innova sul piano organizzativo; 14 febbraio 1984: il "Patto di San Valentino" e la rottura della Flc; All'ottavo congresso nazionale esplode lo scontro interno; Il travaglio dopo l'ottavo congresso fino all'elezione di Natale Forlani, avvenuta poco dopo la sesta assemblea organizzativa di Alghero; Dall'assemblea organizzativa di Alghero al congresso di Sanremo: la Filca ritrova l'unità interna, la piena consapevolezza della propria specificità e una strategia coerentemente partecipativa; Il nono congresso nazionale: la Filca, unita e orgogliosa della propria identità, si candida alla leadership nella categoria e nel settore industria della Cisl; Dal nono congresso al passaggio delle consegne tra Forlani e Bonanni: le proposte Filca per il rinnovo dei contratti e per la democrazia economica; La settima assemblea organizzativa)
La Filca continua il suo protagonismo di fronte alla grande crisi dell'edilizia e alle sfide di tangentopoli e di Maastricht, del "bipolarismo imperfetto" e della globalizzazione (1992-2001)
(Una chiave di lettura degli avvenimenti e del ruolo della Cisl negli anni '90; Il consiglio generale del 9-10 gennaio 1992 appoggia la ripresa della strategia concertativa promossa da D'Antoni e rilancia la linea partecipativa della Filca; Il seminario su Partecipazione e nuova contrattazione: "Voi siete i metalmeccanici degli anni '70"; Il decimo congresso nazionale: la Filca reagisce a tangentopoli rilanciando l