Lavoro, rappresentanza, riforme. La Cisl di Bergamo e lo sviluppo economico-sociale nel secondo Novecento (1943-1985)
Autori e curatori
Contributi
Gianluigi Petteni, Sergio Zaninelli
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 240,      1a edizione  2008   (Codice editore 537.9)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 28.50
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846492753

In breve
Le tappe fondamentali di evoluzione dell’Unione sindacale provinciale della Cisl di Bergamo dalle origini alla metà degli anni ’80. In particolare il testo affronta i temi: dell’identità del sindacato e della sua autonomia; del rapporto della Cisl orobica con lo sviluppo economico e sociale sia territoriale che nazionale; delle fasi di rivendicazione e scontro nelle vertenze sostenute; delle problematiche organizzative e di diffusione sul territorio della Cisl bergomense.
Presentazione del volume

La storiografia istituzionale, economica e sociale bergamasca si arricchisce con questa monografia di un nuovo contributo di sintesi, attinente alle vicende della Cisl provinciale con la sua cadenzata affermazione come "primo sindacato" durante la seconda metà del '900. Si ripercorrono le tappe fondamentali di evoluzione dell'Unione sindacale provinciale della Cisl di Bergamo dalle origini alla metà degli anni '80 del XX secolo.
In particolare vengono enucleate quattro questioni di fondo. La prima riguarda il tema dell'identità del sindacato, della sua autonomia, della responsabilità che porta con sé quale libera associazione democratica e partecipata. La seconda concerne il rapporto della Cisl orobica con lo sviluppo economico e sociale sia territoriale che nazionale, sviluppo nel quale il sindacato si inseriva e che doveva saper leggere sempre meglio. La terza attiene alle fasi di rivendicazione, di scontro, di maturazione nella fatica della lotta vissuta dai lavoratori nelle vertenze sostenute all'interno delle singole fabbriche. L'ultima questione ricomprende le problematiche organizzative e di diffusione sul territorio della Cisl bergomense, da sempre fortemente innestata nelle realtà locali e nel tessuto sociale provinciale.

Giovanni Gregorini svolge la propria attività di ricerca scientifica presso l'Istituto di Filologia e storia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Insegna inoltre Storia economica e sociale nelle facoltà di Sociologia a Brescia e di Economia a Cremona della stessa Università. Tra le sue pubblicazioni: Il frutto della gabella. La Ferma generale a Milano nel cuore del Settecento economico lombardo, Milano 2003; G. Gregorini-C. Facchini, Waves of steel. The works, Lovere and the lake: 150 years of history, Brescia 2006; Per i bisogni dei 'non raggiunti'. L'Istituto Suore delle Poverelle tra Lombardia orientale e Veneto (1869-1908), Milano 2007.

Indice


Gianluigi Petteni, Presentazione
Introduzione
Identità, libertà, responsabilità
(Una matrice che si rinnova; Lo scarto rispetto alle origini; I primi congressi dell'Usp; L'equivoco delle tensioni unitarie; Una Cisl che riflette e continua a crescere)
Sviluppo, trasformazione, cultura
(Tra congiuntura e struttura; I caratteri del progresso; I nodi della crisi strutturale; Il ruolo della cultura e della formazione)
La fatica della rivendicazione
(Vertenze, disagio, interessi; La contrattazione collettiva nazionale e aziendale; Nei difficili anni '70; Le dimensioni della rappresentazione)
L'organizzazione sul territorio e la sua struttura
(L'avvio dell'Usp; Nelle dinamiche discontinue della crescita; Verso il rafforzamento della logica categoriale)
Sergio Zaninelli, Postfazione
Appendice. Atto costitutivo della Cisl di Bergamo
Riferimenti bibliografici essenziali
Indice dei nomi.