Armi e nazione. Dalla Repubblica Cisalpina al Regno d'Italia (1797-1814)
Autori e curatori
Contributi
Arianna Arisi Rota, Maria Luisa Betri, Paola Bianchi, Luigi Amedeo Biglione di Viarigi, Marziano Brignoli, Daniela Camurri, Umberto Carpi, Vittorio Criscuolo, Piero Crociani, Antonino De Francesco, Nino Del Bianco, Piero Del Negro, Franco Della Peruta, Luisa Dodi, Annalucia Forti Messina, Stefano Levati, Emanuele Pagano, Luigi Pepe, Emanuele Pigni, Lauro Rossi, Carlo Zani
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 496,      1a edizione  2009   (Codice editore 1301.10)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 36.50
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788856810837
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 25.50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856809985
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Un momento fondamentale per la storia dell’Italia risorgimentale, quello della costruzione di un esercito nazionale “italico” basato sulla coscrizione obbligatoria, introdotta per volontà di Napoleone Bonaparte e di Francesco Melzi d’Eril nel 1802. L’attenzione è centrata oltre che sulla costruzione dell’esercito, sui protagonisti e sul significato che la pluriennale esperienza vissuta dalle milizie italico-napoleoniche ha avuto nel processo di formazione della coscienza nazionale e del sentimento patriottico risorgimentale.
Utili Link
Focus Storia Wars La nascita degli eserciti moderni (di Lidia Di Simone)… Vedi...
Società e Storia Recensione (di Marco Rovinello)… Vedi...
Presentazione del volume

Il volume intende approfondire un momento fondamentale per la storia dell'Italia risorgimentale, quello della costruzione di un esercito nazionale "italico" basato sulla coscrizione obbligatoria, introdotta per volontà di Napoleone Bonaparte e di Francesco Melzi d'Eril nel 1802. L'attenzione è centrata oltre che sulla costruzione dell'esercito e sui fenomeni connessi (strutturazione delle armi e dei corpi, coscrizione obbligatoria, renitenza, diserzione), sui protagonisti e sul significato che la pluriennale esperienza vissuta dalle milizie italico-napoleoniche ha avuto nel processo di formazione della coscienza nazionale e del sentimento patriottico risorgimentale. Infatti con la creazione di questo esercito (nel quale militarono, a partire dal 1797, più di 200.000 uomini, dei quali oltre la metà morti in battaglia o di malattia) si entrò in una nuova fase della moderna storia italiana, decisiva per il suo futuro corso storico.

Il volume è promosso dalle Raccolte Storiche del Comune di Milano, dal Comitato di Milano dell'Istituto per la Storia del Risorgimento italiano e dal Comitato nazionale per le celebrazioni del bicentenario della prima Repubblica Italiana.

Maria Canella, dottore di ricerca in Storia della società europea presso il Dipartimento di Scienze della Storia e della Documentazione storica all'Università degli Studi di Milano, si occupa di storia della città e del territorio in area lombarda tra XIX e XX secolo, con particolare attenzione agli aspetti sociali. Ha collaborato inoltre a mostre storiche dedicate a Napoleone e la Repubblica Italiana (1802-1805), Milano 2002; Il laboratorio della modernità. Milano tra austriaci e francesi, Milano 2003.

Indice


Franco Della Peruta, L'esercito del Regno italico
Parte I. I protagonisti
Piero Del Negro, Italiani in Russia
Umberto Carpi, Lettere e armi
Lauro Rossi, Ugo Foscolo soldato e scrittore militare
Maria Luisa Betri, Per una biografia di Pietro Teulié, generale e ministro democratico: il triennio democratico
Paola Bianchi, Carlo Zucchi. Appunti per una biografia militare fra età napoleonica e Risorgimento
Arianna Arisi Rota, Domenico Pino. Il mestiere delle armi e le insidie della pace
Luigi Amedeo Biglione di Viarigi, I generali Giuseppe, Angelo e Teodoro Lechi nell'età rivoluzionaria e napoleonica
Nino Del Bianco, Francesco Melzi e il potere militare nella Repubblica italiana
Luisa Dodi, Giuseppe Filippo De Meester da giacobino a esule del '21
Antonino De Francesco, Vincenzo Solinghi, ufficiale medico browniano
Parte II. Le istituzioni
Vittorio Criscuolo, L'educazione militare nella formazione della coscienza nazionale italiana
Marziano Brignoli, Gli istituti di formazione professionale per gli ufficiali dell'esercito italiano
Emanuele Pigni, La Guardia reale italiana di Napoleone
Piero Crociani, La Real Marina italiana
Stefano Levati, Reclutamento e prospettive di carriera degli ufficiali napoleonici: il caso dei commissari di guerra
Emanuele Pagano, Soldati, mariti e padri. La disciplina del matrimonio nell'esercito italico
Carlo Zani, Le infrastrutture al servizio della guerra. Il campo fortificato di Montichiari e la fonderia di cannoni di Caionvico
Annalucia Forti Messina, Sanità militare italica e patria italiana
Luigi Pepe, La legge per la pubblica istruzione del 1802
Daniela Camurri, Nuove istituzioni mussali e tutela delle opere d'arte dalla Repubblica cisalpina al Regno d'Italia: l'opera della Commissione di Belle Arti nel Dipartimento del Reno
Indice dei nomi,