Achille Ardigò e la sociologia della salute
Contributi
Antonio Maturo, Ivo Colozzi, Giovanni Boccia Artieri, Giuseppe Moro, Francesca Guarino, Donatella Nardelli, Alice Ricchini, Sebastiano Porcu, Sandro Spinsanti, Francesco Taroni, Giovanni Catti, Aldo Toni, Fabio Baruffaldi, Marco Cevenini, Enrico Lorenzi, Danilo Morini, Paolo Mengoli, Grazia Labate, Tommaso Cavallaro, Guido Giarelli, Siegfried Geyer, Paolo De Nardis
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 256,      1a edizione  2009   (Codice editore 1341.30)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 23.50
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788856811353

In breve
Il volume ricorda la figura di Achille Ardigò a un anno dalla sua morte, riflettendo sul contributo apportato alla sociologia della salute. Ardigò ha tematizzato il ruolo della malattia e della salute all’interno della sua sociologia, valorizzando il portato della sociologia come attore imprescindibile alla medicina; ma è anche il sociologo che si è fatto diffusore e interprete del concetto di mondo della vita nell’ambito di un nesso inscindibile con la salute umana.
Presentazione del volume

L'apporto che Achille Ardigò ha dato alla sociologia della salute è il tema della riflessione di questo numero monografico ad un anno dalla sua morte. Ardigò ha tematizzato il ruolo della malattia e della salute all'interno della sua sociologia. É l'autore che per primo ha valorizzato il portato della sociologia come attore imprescindibile e non ancillare alla medicina; ma anche il sociologo che si è fatto diffusore e interprete del concetto di mondo della vita nell'ambito di un nesso inscindibile con la salute umana.
Inoltre Ardigò ha indirizzato la sua attenzione verso la società in Rete di Internet e delle tecnologie della comunicazione. Pertanto, ripensare alla sanità al tempo di Achille Ardigò e delle reti di Internet e, contestualmente, alla salute, significa riflettere criticamente anche su quell'enorme apparato, in parte ereditato dalla società burocratica del novecento, che è oggi l'organizzazione sanitaria in un grande paese europeo.

Costantino Cipolla è professore ordinario di Sociologia generale e di Sociologia della salute e presidente del Corso di Laurea Magistrale in Sociologia, Politiche Sociali e Sanitarie presso l'Università di Bologna. Dirige il Master di I livello e-Health e Qualità dei Servizi Socio-Sanitari e il Corso di Alta Formazione in Sociologia della Salute e Medicine Non Convenzionali. È, inoltre, direttore della rivista Salute e Società. Fra le sue pubblicazioni per i nostri tipi ricordiamo: Epistemologia della tolleranza (1997), 5 voll.; (con G. Remuzzi), Dire, fare, curare. Parole tra medici e malati (2008); (con P. Roberti di Sarsina), Le peculiarità sociali delle medicine non convenzionali (2009).
Mauro Moruzzi è direttore generale di CUP 2000, società di e-Health a partecipazione pubblica. Insegna e-Care e Salute all'Università di Bologna e Sociologia dell'Organizzazione all'Università di Urbino. È co-direttore del Master e-Health e Qualità dei Servizi Socio-Sanitari e docente nel Master Universitario in "Management Innovativo delle Organizzazioni Sanitarie (Mios)" dell'Università di Urbino. È autore di diverse pubblicazioni, tra cui Internet e Sanità. Organizzazioni e management al tempo della rete (2008); Reti del Nuovo Welfare-La sfida dell'e-Care (2005); e-Care Sanità, Cittadini e Tecnologia al tempo della comunicazione elettronica (2003).

Indice


Costantino Cipolla, Editoriale
Mauro Moruzzi, Introduzione. Achille Ardirò e il paradigma socio-tecnico della Rete. Per una sociologia della sanità al tempo di Internet
Saggi
Antonio Maturo, La sociologia della malattia in Achille Ardirò e nei classici della sociologia della salute
Ivo Colozzi, Quale rete sviluppare per superare la crisi del welfare sanitario: la probabile risposta di Achille Ardigò
Giovanni Boccia Artieri, Analogie e mimesi tra scienze computazionali e sociologia: l'Intelligenza Artificiale in Achille Ardirò
Giuseppe Moro, Le convergenze parallele. Il confronto di Achille Ardirò con la sociologia di Niklas Luhmann
Francesca Guarino, Il ruolo dei mondi vitali nella salute
Confronti
Donatella Nardelli, I nodi concettuali del pensiero di Achille Ardirò sulla sanità
Alice Ricchini, Intervista con Costantino Cipolla. Sempre al di là del proprio presente e del proprio interesse
Esperienze
Sebastiano Porcu, Achille Ardirò e l'innovazione delle politiche socio-sanitarie negli anni '80 e '90
Sandro Spinsanti, La sociologia della salute nell'orizzonte delle Medical Humanities
Francesco Taroni, Il rimpianto di una conservazione mancata
Giovanni Catti, In ricordo di Achille Ardirò
Aldo Toni, Fabio Baruffaldi, La telemedicina: sfida e opportunità per l'Istituto Ortopedico Rizzoli
Donatella Nardelli, L'ultima lezione del professor Achille Ardirò
Marco Cevenini, Achille Ardirò e le malattie della povertà
Enrico Lorenzi, Ricordando un "Maestro"
Danilo Morini, Ardirò, Commissario Straordinario dell'IRCCS Istituti Ortopedici "Rizzoli"
Paolo Mengoli, Un ricordo del prof. Achille Ardirò
Grazia Labate, L'Umanità di Achille Ardirò
Alice Ricchini, Tommaso Cavallaro, Scritti editi e inediti di Achille Ardirò relativi alla sociologia della salute
Prospettive internazionali
Guido Giarelli, Il "quadrilatero" di Ardirò: genealogia e sviluppo di un paradigma emergente
Commenti
Siegfried Geyer, Le mutevoli prospettive della sociologia medica
Paolo De Nardis, Oltre la teoria, ovvero: la necessità del controllo degli asserti.