L'arte di far credere
Contributi
Alberto Abruzzese, Antonio Rafele
Livello
Saggi, scenari, interventi. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 112,      1a edizione  2010   (Codice editore 244.48)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 15,50
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856833010
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 11,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856829433
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
In tanti si interrogano sulla povertà e sul degrado del dibattito pubblico italiano: a questi cittadini il libro offre spunti di riflessione e categorie interpretative inedite. Gli operatori dei media troveranno in queste pagine motivi per riflettere sulla potenza e sulle conseguenze della loro attività. I tanti appassionati del web coglieranno un’analisi originale delle potenzialità e dei limiti della comunicazione sulla Rete.
Presentazione del volume

Questo libro nasce dalla passione civile che accomuna gli autori. Essi non nascondono il loro disagio di cittadini di fronte a una qualità sempre più scadente del dibattito pubblico, a una sorprendente omologazione dell'opinione pubblica e a un'inquietante caduta dello spirito critico.
Al centro della riflessione vi è la situazione italiana. L'ormai lunga stagione del "berlusconismo", del dominio del populismo mediatico, spinge a evidenziare tecniche e strumenti utilizzati in Italia nella costruzione e nel condizionamento dell'opinione pubblica. Gli autori conducono la loro ricerca sul filo di un dialogo serrato con i testi classici e con le tesi dei più importanti studiosi moderni di media e di opinione pubblica: Aristotele e Quintiliano, Le Bon e Freud, Mac Luhan e Castells vengono ampiamente utilizzati per interpretare e decodificare le dinamiche della vita politica e culturale italiana.
In tanti si interrogano sulla povertà e sul degrado del dibattito pubblico italiano: a questi cittadini il libro offre spunti di riflessione e categorie interpretative inedite. Il volume è di interesse anche per tutti coloro che sono animati da passione politica: le analisi e le categorie interpretative qui proposte sono a un tempo inconsuete, illuminanti e di stringente attualità.
Gli operatori dei media, inoltre, troveranno in queste pagine motivi per riflettere sulla potenza e sulle conseguenze della loro attività. I tanti appassionati del web coglieranno invece una analisi originale delle potenzialità e dei limiti della comunicazione sulla Rete.

Renata Borgato, formatrice manageriale e consulente, è autrice di vari libri pubblicati da FrancoAngeli. Collabora con la IULM e con la cattedra di Psicologia dell'Università Bicocca di Milano.
Ferruccio Capelli, direttore della Casa della Cultura di Milano, è docente di Comunicazione pubblica presso la Facoltà di Sociologia, Università Bicocca di Milano. Ha scritto Sinistra light. Populismo mediatico e silenzio delle idee (2008). Collabora con riviste italiane e internazionali.
Mauro Ferraresi è docente di Sociologia dei consumi e di Linguaggi della pubblicità. È autore di numerosi libri e articoli prima di semiotica e di semiotica della narrazione, in seguito di sociosemiotica, di sociologia della comunicazione e di linguistica della traduzione.

Indice


Premessa
Ferruccio Capelli, Il ritorno della folla
Renata Borgato, Le dita dell'Aurora
Mauro Ferraresi, L'opinione al tempo della mediacrazia
Alberto Abruzzese, Antonio Rafele, Postfazione. Sospensioni. Barbari e nativi nel contesto italiano.