Il territorio tra "strutture" e "strategie". Strutturazioni territoriali e criteri della pianificazione strategica per la definizione di modelli di sviluppo locale per centri di medie e piccole dimensioni
Autori e curatori
Contributi
Mauro Francini, Giuseppe Imbesi
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 352,      1a edizione  2011, allegati: allegato on-line   (Codice editore 1862.143)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 37.50
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856834987
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 26.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856843194
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Il volume analizza il territorio, nazionale in generale e calabrese in particolare, tra “strutture” e “strategie”. Le strutture si sostanziano nelle forme emergenti del territorio e nelle procedure utili a perseguire adeguate azioni di sviluppo, mentre le “strategie” rappresentano gli obiettivi e le eventuali linee evolutive degli stessi, mediante la predisposizione di un piano d’azione.
Presentazione del volume

La dimensione territoriale, punto di partenza di questo volume, risulta essere quella di maggiore interesse al fine di attivare azioni compatibili con le nuove esigenze di sviluppo locale in contesti caratterizzati da diffusi centri di medie e piccole dimensioni.
Di seguito vengono analizzate le peculiarità della pianificazione strategica, in grado di facilitare la predisposizione di una metodologia di azione più flessibile e innovativa rispetto a quanto ad oggi realizzato in molti contesti nazionali in generale e calabresi in particolare. A tal fine, uno degli obiettivi trasversali risiede nella necessità di differenziare i ruoli e i contenuti del piano strategico rispetto al piano urbanistico.
Poiché la pianificazione strategica deve essere supportata da opportuni strumenti e tecniche, in seguito all'analisi dell'evoluzione temporale dei modelli della pianificazione territoriale, vengono definiti i processi di governance, le tecniche di negoziazione, gli strumenti della valutazione e i metodi di analisi a supporto delle decisioni, gli orientamenti del processo partecipato, le caratteristiche del marketing applicato al territorio.
In definitiva viene analizzato il territorio tra "strutture" e "strategie". Le strutture si sostanziano nelle forme emergenti del territorio e nelle procedure utili a perseguire adeguate azioni di sviluppo, mentre le "strategie" rappresentano gli obiettivi e le eventuali linee evolutive degli stessi, mediante la predisposizione di un piano d'azione.

Annunziata Palermo, ingegnere, dottore di ricerca in Tecnologie e pianificazione ambientale, assegnista di ricerca presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università della Calabria, si occupa di pianificazione strategica, di sistemi territoriali integrati di centri a bassa densità (a vocazione turistica e rurale), di processi partecipati nella valutazione e nella gestione del piano. Trasversali ai principali temi di ricerca sono quelli inerenti il cultural heritage, i fenomeni migratori, l'interazione trasporti-territorio. Collabora a diverse attività di ricerca condotte all'interno del Laboratorio di Pianificazione territoriale dell'omonimo dipartimento e fa parte del coordinamento didattico della Scuola Estiva Unical. Svolge attività di tutoraggio in diversi corsi di Ingegneria civile e per l'ambiente e il territorio dell'Unical. È autrice di diversi contributi scientifici.

Indice


Mauro Francini, Presentazione. Un percorso di ricerca
Introduzione
Dal ruolo della dimensione territoriale nelle politiche di sviluppo locale alla pianificazione territoriale strategica
(Premessa; Le problematiche interconnesse al ruolo della dimensione territoriale nelle politiche di sviluppo locale; Nozioni di strategia e di pianificazione; L'evoluzione della pianificazione territoriale strategica; Le caratteristiche peculiari, i nodi cruciali e i possibili rischi; La pianificazione strategica e la dimensione territoriale negli indirizzi programmatici comunitari; La concezione strategica nelle leggi urbanistiche regionali e il rapporto tra pianificazione strategica e pianificazione "ordinaria")
Analisi di alcuni piani strategici internazionali e nazionali per ambiti territoriali d'intervento e focus programmatici
(Premessa; Città-regione, metropoli, aree metropolitane, e regione urbana; Agglomerazione e/o distretti; Reti di città; Sub-ambiti provinciali e parti di città; Le diverse ragioni che hanno influenzato la realizzazione di alcuni piani strategici in Italia)
L'evoluzione degli strumenti e delle tecniche a supporto dell'approccio strategico
(Premessa; Dall'analisi dell'evoluzione dei modelli della pianificazione all'approccio strategico; Il processo di governance e le tecniche di negoziazione; I metodi di analisi a supporto delle decisioni: dalla misurazione di correlati empirici alla valutazione pluralista; Gli orientamenti del processo partecipato; Le caratteristiche del marketing applicato al territorio)
La struttura di un "modello procedurale"
(Premessa; Le fasi del modello; Le sotto-fasi del processo partecipato)
L'approccio strategico in un sub-ambito provinciale: finalità trasversali e analisi preliminari
(Premessa; La definizione dell'ambito sub-provinciale d'intervento; Il piano strategico nelle politiche regionali della Calabria; La gestione integrata delle zone costiere; I Sistemi Turistici Locali; Analisi preliminari)
Conclusioni
Giuseppe Imbesi, Postfazione. Scrivere un libro...
Bibliografia
Appendice. Schede di sintesi delle leggi urbanistiche regionali e delle p.a. italiane.