Di padre in figlio. Una ricerca etnosociologica sul turismo balneare romagnolo
Autori e curatori
Contributi
Emilia Lanciotti, Roberto Zoffoli
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 144,      1a edizione  2011   (Codice editore 1805.25)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20.00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856836967
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 14.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856867152
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Il volume presenta un percorso di ricerca qualitativa e visuale, focalizzato sullo studio e l’evoluzione di alcune località balneari collocate sulla costa adriatica: Cervia, Milano Marittima, Pinarella. Ne emerge un intreccio complesso e talvolta contrastante fra “vecchio” e “nuovo”, fra autenticità, standardizzazione e complessità dell’attuale offerta turistica.
Presentazione del volume

Quali cambiamenti ha comportato, a livello sociale e territoriale, l'eccezionale sviluppo della costa balneare romagnola dall'avvento del turismo di massa al suo consolidamento e alla crisi successiva? Sulle attuali dinamiche sociali e d'imprenditoria del turismo locale quanto hanno influito la repentina crescita di una domanda standardizzata e quella successiva di soluzioni sempre più complesse e differenziate in termini di servizi? Nel tentativo di rispondere, almeno in parte, a queste domande il volume presenta un percorso di ricerca qualitativa e visuale , focalizzato sullo studio e l'evoluzione di alcune località balneari collocate sulla costa adriatica : Cervia, Milano Marittima, Pinarella.
In una prima fase dell'indagine sono state individuate le principali trasformazioni strutturali attraverso un' analisi d'ambiente effettuata con la tecnica della rifotografia , accogliendo così la tesi secondo la quale i tratti fisici di un territorio esprimono - al pari di altre variabili - la vita del territorio stesso. L'intreccio fra "vecchio" e "nuovo" che ne emerge risulta particolarmente marcato quando, in una fase successiva della ricerca, l'osservazione si indirizza e si focalizza sugli stabilimenti balneari che, fin dall'inizio dello sviluppo turistico romagnolo, hanno avuto un ruolo cruciale in quanto "prodotti" per eccellenza della società balneare.
Attraverso lo studio di casi di due stabilimenti molto differenti fra loro, ma gestiti fin dall'origine da famiglie autoctone , è evidente come oggi il territorio cervese offra ai turisti da un lato ricchissime e illimitate possibilità di scelta, dall'altro un autentico "ideale" turistico in cui una certa cultura imprenditoriale locale viene ancora costantemente richiesta quale tratto distintivo e qualificante delle località. L'esperienza maturata all'interno delle famiglie degli imprenditori locali, e trasmessa di padre in figlio , appare pertanto essere - indipendentemente dall'evoluzione delle strutture e dalla tipologia dei turisti accolti - la principale garanzia di un preciso modello turistico e la "direttrice" di uno sviluppo sempre più complesso che rimane, però, in equilibrio con il proprio territorio.

Chiara Francesconi è ricercatore in Sociologia generale presso l'Università degli Studi di Macerata dove insegna Sociologia del welfare, Politica sociale e Sociologia del turismo. È membro della SISTUR (Società Italiana di Scienze del Turismo). Tra le sue ultime pubblicazioni per FrancoAngeli "Immagini di un luogo turistico fra passato e presente", in Sociologia urbana e rurale , anno XXV, n. 72.

Indice


Roberto Zoffoli, Presentazione
Introduzione
L'evoluzione e i caratteri del turismo balneare romagnolo
I dati strutturali del cambiamento nell'area cervese
Analisi d'ambiante e ricerca visuale
Postcards fra passato e presente
Analisi focalizzata e case studies: gli stabilimenti balneari
La "trasmissibilità tradizionale"
Emilia Lanciotti, La "trasmissibilità innovativa"
Conclusioni
Riferimenti bibliografici.