Per la storia dell'impresa multinazionale in Europa
Autori e curatori
Contributi
C. Beaud, J. P. Daviet, G. Jones, Stefania Licini, A. Mantegazza, U. Wengenroth
Livello
Dati
pp. 184,      1a edizione  1987   (Codice editore 527.33)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 26.50
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788820422431

Presentazione del volume

Tutti i saggi qui pubblicati sono stati redatti nell'ambito di un progetto di ricerca dell'Istituto universitario europeo di Firenze sul tema "The early phase of multinational enterprise in Germany, France and Italy". Essi sono stati presentati e discussi, insieme ad una serie di altre relazioni. in un convegno che si è svolto a Firenze dal 17 al 19 ottobre 1984, sotto il patrocinio dell'Istituto Universitario Europeo. della Fondazione G. Feltrinelli e dell'Associazione di Storia e Studi sull'Impresa. Pur nella foro diversità i sei saggi qui raccolti presentano due caratteristiche comuni: in ognuno di loro viene trattata la storia di una singola impresa o - come nel caso dell'articolo di Ulrich Wengenroth - l'analisi dello sviluppo storico di un settore.

Dalla metà del XIX secolo fino allo scoppio della seconda guerra mondiale, gli esempi qui esposti evidenziano l'espansione ed i collegamenti internazionali nell'ambito del capitale e della tecnologia da un lato, e le strategie imprenditoriali multinazionali dall'altro.

Indice

Peter Hertner - Introduzione
Ulrich Wengenroth - Materie prime: imprese multinazionali per l'acquisizione e la lavorazione di materiali ferrosi prima della i guerra mondiale
Jean-Pierre Daviet - Un processo di multinazionalizzazione di lunga durata: il caso della Saint-Gobain (1853-1939)
Geoffrey Jones - La Courtaulds nell'Europa continentale (1920-1945)
Claude Beaud - La Schneider in Russia (1896-1914)
Stefania Licini - La finanza americana nella storia della Ercole Marelli: il prestito obbligazionario del 1928
Amilcare Mantegazza - Il progetto di una joint venture ítalo-americana nell'industria aeronautica: la Caproni e la Curtiss Aeroplane Company alla fine degli anni '20





Pubblicità