Il lascito di Atena. Funzioni, strumenti ed esiti della controversia giuridica
Contributi
Federico Reggio, Claudio Sarra, Paolo Sommaggio
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 172,   1a ristampa 2014,    1a edizione  2011   (Codice editore 503.11)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 23.50
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856844696
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 16.50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856868999
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Nelle Eumenidi di Eschilo, Atena pone le basi per la soluzione autentica di ogni futura controversia giuridica, istituendo l’Areopago, modello originario di ogni tribunale. Il volume si propone di raccogliere l’eredità di Atena, misurandosi con questioni che interessano oggi i diversi profili della controversia giuridica dal suo sorgere e strutturarsi, alla sua soluzione e alle sue ricadute nel tessuto sociale.
Presentazione del volume

Nelle Eumenidi di Eschilo le Erinni inferocite con Oreste, il matricida, affidano ad Atena il compito di soddisfare la loro sete di giustizia di fronte all'orrendo delitto. Atena va oltre: non solo compone il grave conflitto esploso nell'ordinamento della società arcaica, ma pone le basi per la soluzione autentica di ogni futura controversia giuridica. La dea, infatti, istituisce l'Areopago, modello originario di ogni tribunale; stabilisce, poi, le fondamentali regole procedurali sulla raccolta delle prove, sullo svolgimento del dibattimento, sulla formazione e sugli esiti del verdetto.
Nella sua saggezza, però, Atena si fa carico di un compito ancora più arduo e, tuttavia, essenziale: offrire soddisfazione a chi chiede giustizia, senza conceder nulla alla sete di vendetta. Grazie alla sua opera di pacificazione, fondata anche sul riconoscimento delle ragioni di chi si sente vittima, consente quindi la trasformazione delle implacabili Erinni nelle benevole Eumenidi. Un nuovo ordine può così sorgere, fondato sulla mediazione razionale. Pertanto, il suo lascito appare essenziale e quanto mai attuale per orientare la riflessione filosofico-giuridica e metodologica sulle funzioni, sui metodi e sui possibili esiti della controversia giuridica.
Gli autori dei saggi contenuti in questo volume si propongono di raccogliere l'eredità di Atena, misurandosi con questioni che interessano oggi i diversi profili della controversia giuridica dal suo sorgere e strutturarsi, alla sua soluzione e alle sue ricadute nel tessuto sociale.

Francesca Zanuso , professore ordinario di Filosofia del Diritto nell'Università degli Studi di Verona, è autrice di pubblicazioni dedicate ai presupposti antropologici e culturali della controversia giuridica nella modernità tra cui: Utopia ed utilità. Saggio sul pensiero filosofico-giuridico di J. Bentham (1989), Conflitto e controllo sociale nel pensiero giuridico-politico moderno (1994), A ciascuno il suo. Da Immanuel Kant a Norval Morris: oltre la visione moderna della retribuzione (2000). Per i nostri tipi ha curato il volume Il filo delle Parche. Opinioni comuni e valori condivisi nel dibattito biogiuridico (2009).
Stefano Fuselli , professore straordinario di Filosofia del Diritto nell'Università degli Studi di Verona, è autore di pubblicazioni dedicate alla logica e alla epistemologia della controversia giuridica fra cui: Processo pena e mediazione nella filosofia del diritto di Hegel (2001) e, per i nostri tipi, il saggio Verità ed opinione nel ragionamento giudiziale (2007), nonché il volume Apparenze. Accertamento giudiziale e prova scientifica (2008).

Indice


Francesca Zanuso, Stefano Fuselli Introduzione
Claudio Sarra,
Il diritto e il dilemma. Il modello giuridico di fronte alla scelta tragica
Francesca Zanuso,
L'ordine oltre le norme. L'incauta illusione del normativismo giuridico
Stefano Fuselli,
Credere per provare. Appunti sullo statuto epistemologico della prova penale
Paolo Sommaggio,
La logica come giurisprudenza. Saggio introduttivo sulla rivoluzione epistemologica di Stephen Toulmin ed i suoi riflessi per la metodologia giuridica
Federico Reggio,
La sfida della Giustizia Rigenerativa. Verso un modello 'dialogico' di risposta al reato.