Edoardo Perino. Un editore popolare nella Roma umbertina
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 160,      1a edizione  2012   (Codice editore 1615.57)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21.50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820400026

In breve
La figura dell’editore popolare Edoardo Perino, che riuscì, nel periodo umbertino, ad acquistare uno spazio dominante nel panorama editoriale della capitale, pubblicando periodici a basso costo come “il Rugantino” e “L’Illustrazione per tutti”, giornali per bambini, pubblicazioni a dispense di romanzi storici, collane scandalistiche come “I Processi Celebri” o pedagogico divulgative come la “Biblioteca Patriottica”.
Utili Link
Il Sole 24 Ore Edoardo Perino, che popolarità (di Cesare De Michelis)… Vedi...
Presentazione del volume

Il "Sonzogno romano". Così viene definito da colleghi e letterati dell'epoca l'editore popolare Edoardo Perino. Nato a Torino, si trasferisce nel 1870 giovanissimo a Roma, dove apre un chiosco di giornali nei pressi di Piazza Colonna. In breve tempo, grazie alla sua intraprendenza, riesce ad acquistare uno spazio dominante nel panorama editoriale della capitale, pubblicando periodici a basso costo come "il Rugantino" e "L'Illustrazione per tutti", giornali per bambini, pubblicazioni a dispense di romanzi storici, collane scandalistiche come "I Processi Celebri" o pedagogico divulgative come la "Biblioteca Patriottica".
Malgrado i suoi metodi spesso pirateschi - scarso rispetto del diritto d'autore, uso spregiudicato delle illustrazioni ad effetto - ed i suoi rapporti con personaggi discussi del tempo, come il giornalista e deputato Pietro Sbarbaro, riesce a divenire un punto di riferimento importante per molti scrittori di successo, da Emma Perodi a Ruggero Bonghi, allo stesso Edmondo De Amicis.
La sua parabola si conclude con la morte a metà degli anni '90. Il figlio Antonio non riesce a seguirne le orme e Roma perde ancora una volta l'occasione per divenire un centro editoriale di primaria importanza.

Maria Iolanda Palazzolo è professore di Storia della stampa e dell'editoria presso l'Università di Pisa. Ha pubblicato tra l'altro: I libri il trono l'altare. La censura nell'Italia della Restaurazione (FrancoAngeli 2004) e La perniciosa lettura. La Chiesa e la libertà di stampa nell'Italia liberale (Viella 2010).
Sara Mori è dottore di ricerca in Storia presso l'Università di Pisa. Ha collaborato con il Gabinetto Vieusseux di Firenze. Ha pubblicato numerosi saggi sulla circolazione libraria nell'Ottocento e per i nostri tipi: Fogli volanti toscani. Catalogo delle pubblicazioni della Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea di Roma (2008).
Giorgio Bacci si è perfezionato in Storia dell'arte contemporanea presso la Scuola Normale Superiore di Pisa dove attualmente è assegnista di ricerca. Studioso di storia dell'illustrazione, ha pubblicato, oltre a numerosi saggi e articoli, L'emigrazione tra arte e letteratura. Sull'Oceano di Edmondo De Amicis Illustrato da Arnaldo Ferraguti (Tommasi 2008) e Le Illustrazioni in Italia tra Otto e Novecento. Libri a figure, dinamiche culturali e visive (Olschki 2009).

Indice


Maria Iolanda Palazzolo, Prima di Perino. L'editoria romana alle soglie dell'Unità
Sara Mori,
L'azienda, il catalogo
(Gli esordi; I primi anni: dall'acquisto della Bodoniana allo "stabilimento proprio" di Via del Lavatore (1882-1887); Di processo in processo; Dalla morte al fallimento; Il catalogo Perino; Le "Biblioteche"; Patriottismo, anticlericalismo e monarchia; La produzione dialettale; Le letture "piacevoli": i generi popolari; La produzione per l'infanzia; Conclusioni)
Giorgio Bacci, "Col maggior senno e garbo possibile": Edoardo Perino e il ruolo delle illustrazioni
(Un processo, le collane illustrate e l'ideale patriottico; Il settimanale più ambizioso: "L'Illustrazione per tutti"; Gli altri periodici: la strategia delle immagini)
Indice dei nomi e tipografi.