Anziani & continuità assistenziale. Individuare una strategia condivisa di medio periodo per le condizioni della non autonomia
Autori e curatori
Contributi
Massimo Occello
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 224,      1a edizione  2012   (Codice editore 1130.300)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 26.00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788820414559
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 18.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856858402
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Un’analisi “partecipata” sul tema degli anziani non autosufficienti: il Rapporto conduce il lettore attraverso la consapevolezza del numero degli anziani non autosufficienti al 2020 e al 2030 (+22,0% e +48,0% rispetto ad oggi), e mostra un confronto tra bisogni e servizi e una valutazione della spesa pubblica attuale e di quella di prospettiva.
Utili Link
L'Adige Non autosufficienti… Vedi...
Italia Sera Assistenza agli anziani e lavoro giovanile (di mauro De Vincentiis)… Vedi...
Presentazione del volume

Il volume si configura come un percorso di analisi "partecipata" sul tema degli anziani non autosufficienti, residenti nella Provincia Autonoma di Trento e nel Comune di Trento.
L'iniziativa è stata promossa da un gruppo di cooperative sociali che intendevano ragionare sul loro ruolo presente e futuro, tenuto conto della necessità più ampia di ripensare le politiche sociali, strette tra bisogni (in crescita) degli anziani non autosufficienti e risorse pubbliche (in contrazione) sia a livello nazionale che a livello provinciale.
La scelta è stata quella di affidarsi ad un soggetto terzo autorevole che pilotasse l'operazione di analisi, mentre i promotori hanno provveduto a coinvolgere nella riflessione i diversi protagonisti pubblici e privati che offrono, a vario titolo, politiche e servizi di assistenza sul territorio.
Il risultato è un testo che tenta - sul piano dell'approccio - di risalire il fiume del pensiero corrente, riconoscendo la necessità:
- di ridurre la frammentazione pronunciata che caratterizza l'offerta di assistenza sul piano delle competenze, dei servizi, degli operatori, delle risorse e persino dei dati;
- di rovesciare l'ottica tradizionale che tende a privilegiare la logica dell'offerta rispetto a quella dei bisogni e della domanda;
- di spostare il ragionamento dal breve al medio periodo, poiché appare evidente il peggioramento rapido del rapporto tra il numero degli anziani non autosufficienti e la disponibilità di risorse pubbliche;
- di guardare agli anziani con una visione a 360°, attorno a cui ripensare sia le politiche di assistenza (per i più fragili) sia le politiche di promozione (per i più autonomi).
Mentre il risultato del Rapporto - sul piano concreto - è l'esplicitazione di un ragionamento che conduca il lettore attraverso la consapevolezza del numero degli anziani non autosufficienti al 2020 e al 2030 (+22,0% e +48,0% rispetto ad oggi), il confronto tra bisogni e servizi, l'esplorazione di un particolare aspetto di debolezza (quello delle "giunzioni" tra un servizio e l'altro), la valutazione della spesa pubblica attuale e di quella di prospettiva, l'effettuazione di una cost-analysis sperimentale dei servizi di assistenza a domicilio e in RSA.
Il tutto si è avvalso anche di un'indagine di campo su un panel di più di 100 anziani non autosufficienti e dei rispettivi care giver proprio per raccogliere in via diretta le opinioni sulla quotidianità dell'aiuto necessario e su quello ricevuto, nonché sui relativi costi.
Trovare un linguaggio comune e lavorare per una strategia condivisa di medio periodo ha portato infine ad avviare una riflessione su un Glossario comune e su un set di Principi comuni cui ispirarsi sul piano delle politiche e dell'azione concreta: questo nella convinzione che serva oggi una convergenza di responsabilità da parte dei decisori, degli operatori e delle stesse famiglie, in una logica di autentica "filiera pattizia" che deve immaginare come far quadrare il cerchio tra aspettative elevate e risorse scarse, operazione di gran lunga più impegnativa rispetto a quanto si è sperimentato in passato.

Nadio Delai , sociologo, è stato direttore generale della Fondazione Censis, successivamente direttore di RaiUno e quindi direttore delle Politiche economiche e sociali presso le Ferrovie dello Stato. Attualmente è presidente di Ermeneia - Studi & Strategie di Sistema, società di consulenza e ricerca, al servizio di imprese, associazioni di rappresentanza e istituzioni. Da molti anni si occupa di analisi delle politiche sociali, con una particolare attenzione ai temi dell'anziano.

Indice


Massimo Occello, Presentazione
Introduzione
(Una convergenza da promuovere; Un confronto inevitabile tra bisogni in crescita e risorse in contrazione; La necessità di attuare una strategia condivisa di filiera)
Una mappa quantitativa dell'autonomia del mondo anziano
(Evoluzione demografica 2011-2030 dei 65enni e oltre; Una possibile segmentazione, a seconda del livello di autonomia personale)
La mappa dell'offerta attuale di servizi
(La situazione attuale a livello nazionale e provinciale; La specifica situazione del Comune di Trento)
L'emergere della fragilità delle "giunzioni"
(La relazione tra non autonomia definitiva e non autonomia temporanea; L'ambito specifico delle dimissioni ospedaliere degli anziani; Il quadro delle ulteriori "giunzioni" potenzialmente delicate)
Il confronto tra fabbisogni e servizi
(La situazione odierna e di prospettiva per la non autosufficienza; I bisogni scarsamente coperti della non autonomia temporanea e delle altre "giunzioni" deboli; L'offerta di aiuto spontaneo interfamiliare)
La valutazione della spesa per l'assistenza agli anziani
(La spesa a livello nazionale e provinciale; Un esempio di cost-analysis dei servizi; Trovare la soglia di convenienza tra assistenza domiciliare e residenzialità)
Il caso dell'assegno di cura
(L'esperienza "estesa" della Provincia Autonoma di Bolzano; Il servizio "aggiunto" nel caso della Provincia Autonoma di Trento; Un promemoria che mette al centro l'anziano non autosufficiente)
Cento casi per capire
Il profilo dell'assistito; La frammentazione e il sovraccarico dei servizi; Il ruolo significativo, ma anche problematico, della badante; Interessi differenziati nei confronti di eventuali servizi aggiuntivi; Il costo rilevante sia per la PA che per le famiglie; La centralità delle giunzioni e il ricorso "liberatorio" alla RSA)
L'importanza di disporre di un linguaggio comune
(Un Glossario per la non autosufficienza da costruire; Un set di principi da condividere)
Allegati
(La metodologia di segmentazione degli anziani rispetto al livello di autonomia personale; L'evoluzione demografica 2011-2030 per fasce di età e sesso in Italia, nella Provincia di Trento e nel Comune di Trento; L'evoluzione demografica 2011-2030 per fasce di età e sesso nelle Comunità di Valle; I dati di dettaglio sulle dimissioni ospedaliere 2011 nella Provincia di Trento e nel Comune di Trento; Scheda di cost-analysis per posto letto in RSA; Schede riassuntive di cost-analysis di 99 situazioni di assistenza domiciliare; Testo della Legge della Provincia Autonoma di Trento del 24.07.2012, n. 15 sulla tutela delle persone non autosufficienti e delle loro famiglie).