Geografie di prossimità. Prove sul terreno
Contributi
Angela Alaimo, Sara Ariano, Pierpaolo Faggi, Franco Farinelli, Alessandra Scroccaro
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 240,      1a edizione  2014   (Codice editore 1111.1)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 31.00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21.50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21.50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
L’avvicinarsi non è un’operazione neutrale: comporta la ridefinizione delle relazioni e delle posizioni reciproche. È un esercizio di potere. Il movimento di avvicinamento attiva la prossimità. Le dinamiche di prossimità analizzate – geografica, istituzionale, cognitiva, sociale e organizzativa – sono interpretate come epifenomeni delle territorialità, cioè di come si organizzano le relazioni – sociali, politiche ed economiche – attraverso i territori in cui hanno luogo.
Utili Link
Bollettino della Società Geografica Italiana Recensione (di T.Banini)… Vedi...
Presentazione del volume


La distanza è una caratteristica essenziale per ragionare in termini spaziali: in un certo senso la geografia esiste perché esiste la distanza, perché luoghi, cose, persone, sono disposte a una qualche distanza, gli uni dagli altri. "Così vicini, così lontani", "troppo vicini, troppo lontani"... alla "giusta distanza".
Ma qui tratteremo di approssimazioni: dei modi e dei tempi, dei limiti e delle opportunità legati all'avvicinarsi di soggetti, di organizzazioni, di territori. Gli avvicinamenti possono essere voluti, desiderati ma alle volte subiti o imposti. E allora si creano nuove distanze. L'avvicinarsi non è infatti un'operazione neutrale: comporta la ridefinizione delle relazioni e delle posizioni reciproche. È un esercizio di potere.
Il movimento di avvicinamento attiva la prossimità. Le dinamiche di prossimità analizzate - geografica, istituzionale, cognitiva, sociale e organizzativa - sono interpretate come epifenomeni delle territorialità, cioè di come si organizzano le relazioni - sociali, politiche ed economiche - attraverso i territori in cui hanno luogo.
Ne risultano incroci di prossimità, costellazioni interlocali di attori e territori. Sono esito dell'incontro-scontro fra territorialità locali che si sovrappongono, si intersecano e si raggrumano nel veloce flusso globale.

Marina Bertoncin è professore ordinario di Geografia e insegna Territory and Local Development presso l'Università di Padova.
Andrea Pase è professore associato di Geografia e insegna Analisi del Territorio presso l'Università di Padova.
Daria Quatrida è dottore di ricerca in Geografia e assegnista senior presso l'Università di Padova.

Indice
Franco Farinelli, Il terreno, il campo, la cognizione
Introduzione
Parte I. Approssimazioni
Alla prova del terreno: metariflessioni sulla prossimità
(Prossimità e lavoro di terreno; Prepararsi al terreno: il disegno della ricerca e la costruzione di una prossimità geografica immaginata; L'incontro con il terreno: incroci di prossimità; Scrittura del terreno: uno spazio dei possibili)
Terreni
(Angela Alaimo, Avvicinarsi: shadowing e prossimità nel lavoro di campo in Tunisia; Alessandra Scroccaro, Esperimenti di prossimità: fuori e dentro le fabbriche italiane in Romania; Sara Ariano, Gruppi di ricerca, stili di approssimazione e ricadute sul lavoro di campo; Daria Quatrida, Prossimità di vita: soggiorno lungo chez l'habitant; Pierpaolo Faggi, Tornare sui propri passi: prossimità nelle missioni di terreno)
Parte II. Tipi e incroci di prossimità
Presentazione
Annotazioni teoriche
(Traiettorie territoriali; Il campo dinamico della territorialità: locale e interlocale; Costellazioni interlocali e nuovi disegni di potere)
Tipi di prossimità
(La prossimità: espressione di territorialità interlocali; La prossimità geografica; La prossimità istituzionale; La prossimità organizzativa; La prossimità cognitiva; La prossimità sociale)
Sul terreno: tipi di prossimità
(Progetti irrigui in Africa saheliana; Localizzazioni e delocalizzazioni: il Nord Est; Delta del Po: dal Piano di Area al progetto Parco Interregionale)
Incroci di prossimità
(Prossimità geografica e organizzativa; Prossimità geografica e cognitiva)
Sul terreno: incroci di prossimità
(Prossimità geografica, organizzativa e istituzionale nel Contratto di foce; Prossimità geografica, cognitiva e sociale nei processi di delocalizzazione (Romania); Prossimità geografica, cognitiva e sociale: il "dopo progetto" di sviluppo nel Sahel)
Riferimenti bibliografici.