I fondi interprofessionali. Cosa sono, cosa offrono e come funzionano
Autori e curatori
Collana
Livello
Testi per professional
Dati
pp. 144,      1a edizione  2014   (Codice editore 2001.107)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19.00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 12.99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 12.99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Cosa sono i fondi interprofessionali? A che servono? Funzionano veramente? E come vi si può accedere? Con chi si deve parlare? Un testo per consulenti aziendali, commercialisti, fiscalisti e consulenti del lavoro, titolari di impresa, responsabili risorse umane, associazioni di imprese, sindacati e funzionari della Pubblica Amministrazione.
Presentazione del volume

I fondi interprofessionali paritetici, istituiti con la legge 338/2000 e nati operativamente nel 2003, rappresentano una grande occasione per il mondo del lavoro che ancora oggi non viene del tutto sfruttata. Questi fondi gestiscono oggi il gettito dello 0,30%, la quota per la formazione continua, di circa 9 milioni di lavoratori e sono in continua espansione.
- Cosa sono i fondi interprofessionali?
- A che servono?
- Funzionano veramente?
- E come vi si può accedere?
- Con chi si deve parlare?
A queste ed altre domande l'autore, decano del settore, risponde analizzando le problematiche di accesso ai Fondi per finanziare la formazione dei lavoratori dipendenti.
Il testo è rivolto a:
- consulenti aziendali per la formazione, l'organizzazione, la qualità, la sicurezza ecc.;
- consulenti esperti di finanziamenti pubblici;
- commercialisti, fiscalisti e consulenti del lavoro;
- titolari di impresa;
- responsabili risorse umane;
- associazioni di imprese;
- sindacati;
- funzionari della Pubblica Amministrazione che si occupano di politiche del lavoro e di sviluppo di impresa.
Per ciascuno di questi attori l'autore descrive il ruolo che può svolgere nel complesso scenario dei fondi interprofessionali analizzandone, da tecnico super partes, le problematiche e sviluppando proposte e consigli per una migliore operatività. Vengono esaminati in particolare gli aspetti socioculturali, psicologici, organizzativi ed economici del processo, cercando nel contempo di chiarirne il quadro normativo.

Giovanni Galvan è un esperto di formazione professionale e di finanziamenti da parte di fondi pubblici, settori nei quali opera dagli anni ottanta. Dal 2003 si occupa di fondi interprofessionali ed è attualmente vicedirettore di uno di essi.

Indice


Ringraziamenti
Introduzione
Cosa sono i Fondi Interprofessionali Paritetici per la formazione continua
(Come nasce la risorsa dello 0,30% per la formazione continua; Di chi è la quota dello 0,30%; Come si aderisce ai Fondi Interprofessionali; La portabilità di risorse tra Fondi Interprofessionali; I Fondi Interprofessionali: troppi?; Troppi Fondi Interprofessionali? Forse sì ma...; Come si sceglie un Fondo Interprofessionale?; Il bancomat della formazione; Ma non solo bancomat; Il passaggio obbligato della concertazione)
I Fondi Interprofessionali sanno spendere?
(Il ruolo degli enti; Il ruolo delle imprese; La qualità degli interventi; Ma allora questi Fondi Interprofessionali servono
veramente o stiamo sprecando lo 0,30?; Maggio 2013 - L'eccezione che conferma la regola (speriamo))
Cosa offrono i Fondi Interprofessionali alle imprese?
(I contributi alla formazione tramite gli Avvisi; I conti aziendali e gli sportelli; I Piani e i Progetti; Attività formative ammissibili; Attività non formative; I voucher per la formazione individuale; Le Azioni di Sistema; Le attività propedeutiche)
Tecnici e consulenti: l'indotto dei Fondi Interprofessionali
(I tecnici informatici ed i sistemi informativi; I funzionari per i controlli e le revisioni contabili; Gli esperti sulla normativa e gli uffici legali; Gli esperti della Comunicazione)
Il ruolo delle Pubbliche Amministrazioni
(Il Governo; Il Ministero del Lavoro; Le Regioni; Gli altri enti locali: Province e Comuni)
Il ruolo dell'INPS
(I versamenti con DM 2013/UNIEMENS; Le risorse derivanti dal DMAG (operai agricoli))
Il ruolo delle parti sociali
(Le rappresentanze delle imprese (organizzazioni datoriali); Le organizzazioni sindacali dei lavoratori)
I Proponenti e gli stakeholders
(Le associazioni di imprese; I Sindacati dei lavoratori; Agenzie per il lavoro riconosciute dal Ministero del Lavoro; Enti o società di formazione; Le imprese; Le reti di imprese; I contratti di rete; ATI o ATS di più soggetti proponenti)
Enti attuatori e professionisti della formazione
(Gli enti che vengono dall'esperienza dei Fondi Strutturali; Gli enti che vengono dall'esperienza del mercato privato; Gli enti costituiti ad hoc per i Fondi Interprofessionali; I liberi professionisti della formazione; Altri consulenti aziendali)
I consulenti del lavoro, i commercialisti ed i servizi per il personale
Le imprese
(Le grandi imprese ed il conto formazione; Imprese medie; Le piccole imprese e le microimprese)
I lavoratori
(Per chi viene pagato lo 0,30%; Chi viene formato con i Fondi Interprofessionali; La certificazione delle competenze)
Gli equivoci più diffusi sui Fondi Interprofessionali
Ipotesi per lo sviluppo
(Comunicazione; Condivisione di valori, ascolto e concertazione delle regole; Territori e contratti di rete; Accessibilità; Certificazione; Qualità e valutazione ex post)
Fonti documentali
(Le fonti web; Cenni sulla bibliografia)
Glossario.


Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo

Pubblicazioni in Open Access