Quando le formiche spostano un elefante. Genitori di gruppi di auto-mutuo aiuto raccontano le dipendenze e la cura familiare
Autori e curatori
Contributi
Giorgio Bosini, Fabio Gianotti, Vanna Iori, Anna Papagni, Gigi Rubini, Daniela Scrollavezza
Livello
Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 108,   2a ristampa 2016,    1a edizione  2014   (Codice editore 1930.13)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 14.00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891707345
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 10.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891720245
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
A partire dall’esperienza concreta e dalla storia di un’associazione che lavora da più di trent’anni sull’uso di sostanze stupefacenti e sulle dipendenze, il libro intende mostrare il valore dell’auto-mutuo aiuto attraverso la narrazione dei vissuti di quanti lo hanno sperimentato.
Utili Link
Il Nuovo Giornale Mio figlio si droga…… Vedi...
Libertà di Piacenza Se i genitori raccontano la tossicodipendenza… (di Clara Dolci)… Vedi...
Studi Cattolici Recensione (di Dario Romano)… Vedi...
Presentazione del volume

A partire dall'esperienza concreta e dalla storia di un'associazione che lavora da più di trent'anni sull'uso di sostanze e sulle dipendenze, il libro intende mostrare il valore dell'auto-mutuo aiuto attraverso la narrazione dei vissuti di quanti lo hanno sperimentato.
Nella condivisione e nell'ascolto dell'esperienza altrui, si scopre la circolarità virtuosa tra cura di sé, cura dell'altro e della comunità: è quanto emerge dalle parole e dai silenzi, dai sorrisi e dalle lacrime, dai progressi e dai rallentamenti di genitori ancora in cammino, desiderosi di continuare a darsi e dare la mano.
Il titolo richiama non solo la fatica di spostare qualcosa di pesante e opprimente, ma anche l'importanza di portare alla luce qualcosa di grosso che, alle volte, la società preferisce non vedere. Non si parla, quindi, solo della rimozione di un "problema" comune, ma del viaggio di scoperta di una realtà complessa e significativa.
L'originalità del volume sta nella capacità di affrontare un tema delicato e spinoso com'è quello delle dipendenze, attraverso lo sguardo dei genitori che lo raccontano, delle loro emozioni e attenzioni, delle paure e delle speranze. Ne scaturisce un approccio sistemico non puramente teorico, ma ancorato all'esperienza, da cui giungono orientamenti preziosi per aver cura della famiglia nel suo complesso.
Schede di lavoro illustrano il percorso di scrittura autobiografico fatto con i genitori e si offrono come spunto formativo.
Assistenti sociali, educatori, facilitatori di gruppi di auto-mutuo aiuto, operatori socio-sanitari e volontari sono i destinatari del volume, assieme a tutti quei genitori che, a fronte di disagi e sofferenze, si adoperano per far scaturire risorse dalle fragilità attraverso l'incontro e il dono reciproco.

Alessandra Augelli è docente di Pedagogia della famiglia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore - Sede di Piacenza. Da anni svolge attività di formazione sui temi delle relazioni affettive, privilegiando metodologie narrative e autobiografiche. Si occupa di educazione familiare con particolare attenzione all'età adolescenziale e giovanile. Ha scritto diversi articoli e saggi in volumi collettanei. In questa stessa collana ha pubblicato Erranze. Attraversare la preadolescenza (2011).

Indice
Vanna Iori, Presentazione
Alessandra Augelli, Introduzione
Daniela Scrollavezza, L'alleanza con i genitori
Anna Papagni, Dall'angoscia alla serenità: nei volti i passi della risalita
Don Giorgio Bosini, Un percorso di aiuto spirituale che porta alla conoscenza di sé
Gigi Rubini, Come fiore di tarassaco: il volontario, anima del gruppo
Fabio Gianotti, Uno sguardo esterno: i vissuti di un educatore
Parte I. Riflessioni
D alla dipendenza alla reciprocità
La scrittura come scoperta e condivisione
Dietro le parole, i vissuti: dal pregiudizio alla speranza
E mozioni e sentimenti dell'esperienza genitoriale "difficile"
Il gruppo: varcare la soglia, per diventare testimone
"In altre parole": cura e amore familiare
Parte II. Proposte operative
Parole che pesano, parole che sollevano
Dalle parole alle immagini
Senza più parole
Le parole mancanti
Viaggio nell'intimità familiare
Frammenti di storia di gruppo
Dar forma al possibile
Lettera a un figlio
Fronteggiare le avversità
Per dieci minuti
Ritratto di famiglia
Qualcuno con cui correre
Conclusioni
Bibliografia.