L'analisi e la gestione del rischio nel lavoro manuale ripetitivo. Manuale per l'uso del sistema OCRA per la gestione del rischio da sovraccarico biomeccanico in lavori semplici e complessi
Contributi
Marco Andriuolo, Alfonso Cristaudo, Rudy Foddis, Luca Galinotti, Marta Iuzzolini, Olga Menoni
Collana
Livello
Studi, ricerche. Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 594,   2a ristampa 2018,    1a edizione  2014   (Codice editore 1339.19)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 52.00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891707918

In breve
Il metodo OCRA è il riferimento negli standard internazionali in materia di prevenzione del rischio da movimenti ripetitivi. Il volume si focalizza sulla checklist OCRA e sulle sue diverse “varianti”: la mini-checklist, la checklist classica, la checklist analitica e per compiti con cicli lunghi…
Presentazione del volume


Questo volume è ormai il terzo che la scuola milanese di ergonomia -oggi EPM International Ergonomics School- dedica alla prevenzione del rischio da movimenti ripetitivi e al metodo OCRA che, dal 2007, è il riferimento negli standard internazionali sulla materia.
OCRA, negli ultimi anni, è divenuto un vero e proprio sistema di analisi e gestione del rischio da sovraccarico biomeccanico degli arti superiori articolato in più modelli operativi in grado di "adattarsi" alle diverse esigenze e contesti applicativi.
Il volume è focalizzato sulla checklist OCRA e sulle sue diverse "varianti": la mini-checklist, la checklist classica, la checklist analitica e per compiti con cicli lunghi. Uno spazio è dedicato alle modalità di analisi preliminare, anche da parte di non esperti, del lavoro manuale ripetitivo. Un approfondimento riguarda l'indice OCRA, il metodo di studio originale, sicuramente complesso ma ora reso ancora più orientato alla (ri)progettazione dei cicli lavorativi, in particolare industriali.
Viene diffusamente affrontato il complesso problema dell'analisi "multi-compiti", in presenza di rotazioni, su diversi lavori, sia giornaliere che secondo cicli settimanali, mensili o annuali. Un apposito capitolo è dedicato allo studio di alcuni lavori complessi per tipologia organizzativa (pulizie, mense, assistenza ospedaliera, lavanderie industriali, agricoltura).
In tutti i passaggi vengono presentati esempi applicativi, attraverso l'uso di fogli di calcolo predisposti da EPM e scaricabili gratuitamente dal sito www.epmresearch.org.
Il volume si completa con alcuni indirizzi sulle procedure, le metodiche e l'uso dei risultati della sorveglianza sanitaria per una completa ed efficace gestione del rischio, visto che le malattie professionali che ad esso conseguono sono ormai notoriamente ai primi posti tra i problemi di salute occupazionale pressoché in tutto il mondo.

Indice
Introduzione
(Il quadro di contesto; Cenni sulla normativa; L'approccio alla valutazione e gestione del rischio)
Note di analisi semplificata dell'organizzazione del lavoro aziendale: dalla macro alla micro analisi dei posti di lavoro e alle basi per lo studio espositivo dei lavoratori (i gruppi omogenei)
(Note introduttive: i settori produttivi e la classificazione delle attività; I sistemi produttivi: classificazione, definizioni, analisi; Modalità di realizzazione del prodotto; Come si struttura un reparto: definizioni dei diversi tipi di macchine e altre stazioni operative; Come si analizza un reparto: identificazione delle aree produttive, delle macchine, delle stazioni di montaggio e allocazione degli operatori; L'analisi della mansione: alcune definizioni essenziali; L'analisi della mansione: studio dei compiti svolti sulle stazioni produttive (i posti di lavoro); L'analisi del compito ripetitivo: analisi della tipologia e del contenuto del ciclo che lo caratterizza; L'analisi del compito ripetitivo: micro-analisi della struttura del compito nel ciclo)
Prima identificazione dei potenziali rischi e loro pre-valutazione (premappa)
(Il TR ISO 12295: key enters e quick assessment; La pre-mappatura dei pericoli e dei disagi)
Aggiornamento di procedure e di criteri di applicazione della Checklist OCRA classica
(I contenuti e le metodiche applicative; Il significato del punteggio finale della Checklist OCRA e dell'indice OCRA: classificazione del rischio e predittività; Il modello cartaceo della Checklist OCRA; La lista delle principali azioni tecniche e loro definizione)
Le varianti della Checklist OCRA
(Premessa; La valutazione del rischio da sovraccarico biomeccanico degli arti superiori con strumenti semplificati: la mini-Checklist OCRA. Contenuti, campo applicativo e validazione; Criteri e modelli di analisi dei compiti a ciclo lungo; Il recupero interno al ciclo)
La valutazione delle rotazioni fra compiti
(Premessa e struttura generale di una analisi multicompiti; L'analisi espositiva a compiti multipli con rotazioni giornaliere; L'analisi multi-compiti a ciclo annuale in agricoltura: l'analisi organizzativa della distribuzione dei compiti e della loro durata nell'anno. Gli indici di rischio intrinseci il calcolo l'indice espositivo finale; L'analisi di compiti multipli a ciclo settimanale e mensile spesso presenti nei servizi (supermercati, pulizie): l'analisi organizzativa della distribuzione dei compiti e della loro durata nella settimana e/o nel mese. Gli indici di rischio intrinseci e il calcolo l'indice espositivo finale; Studio delle rotazioni fra compiti utilizzando la mini-Checklist OCRA)
La mappatura dei rischi da movimenti ripetitivi degli arti superiori: criteri, tecniche e obbiettivi
(Introduzione; La descrizione del lavoro e della forza lavoro e l'individuazione delle postazioni ripetitive; Il programma informatizzato per la mappatura dei compiti ripetitivi; La mappatura di postazioni organizzate a "isola produttiva" o "postazioni multi-compiti" caratterizzate dallo svolgimento di più compiti; La mappa di valutazione dell'esposizione effettiva di singoli operatori in presenza di rotazione fra compiti; Considerazioni applicative di sintesi sulla prima fase di mappatura dei rischi da movimenti e sforzi ripetuti degli arti superiori)
Lo studio dei lavori complessi: casi applicativi
(Premessa al capitolo; Lavori in imprese di pulizie; La grande distribuzione e il lavoro manuale ripetitivo nei supermercati; Elenco dei compiti per mansione e/o area; Preparazione pasti per collettività: lavoro a ciclo mensile; Marta Iuzzolini, Rudy Foddis, Alfonso Cristaudo, Lavori in lavanderie industriali; Marco Andriuolo, Lavori in edilizia: esempio di studio del sovraccarico biomeccanico in alcune specifiche lavorazioni; Olga Menoni, Luca Galinotti, Lo studio del sovraccarico biomeccanico negli addetti all'assistenza in strutture ospedaliere)
L'indice OCRA
(Il quadro generale per l'analisi dell'esposizione a movimenti ripetitivi: definizioni, analisi organizzativa e il modello generale di calcolo; L'analisi del lavoro organizzato: lo studio dei contenuti del turno, la distribuzione e durata delle pause, il calcolo del tempo netto di lavoro ripetitivo; L'individuazione delle azioni tecniche e calcolo della frequenza di azione; L'analisi e la quantificazione della forza attraverso la scala di Borg; L'analisi e la valutazione delle posture di lavoro incongrue e della stereotipia; L'individuazione e la quantificazione dei fattori di rischio complementari; Il modello di calcolo dell'indice; L'analisi di compiti multipli in rotazione con l'indice OCRA; Una novità: la scomposizione in microfasi e i mini indice per fasi)
La sorveglianza sanitaria
(Premessa; Finalità della sorveglianza sanitaria; Le patologie di interesse; Principali quadri clinici e brevi cenni di patogenesi; Organizzazione della sorveglianza sanitaria; Strumenti della sorveglianza sanitaria; L'occorrenza delle alterazioni muscolo-scheletriche in popolazioni lavorative non esposte a sovraccarico biomeccanico degli arti superiori; Il giudizio di idoneità al lavoro; Adempimenti medico legali; Criteri medico-legali di valutazione del nesso di causalità: definizioni ed elementi sintetici. Discussione di casi esemplificativi)
Orientamenti per la (ri)progettazione del lavoro e dei posti di lavoro con compiti ripetitivi e criteri per il reinserimento lavorativo di soggetti portatori di patologie muscolo-scheletriche degli arti superiori
(Criteri generali di riprogettazione; Criteri per il reinserimento lavorativo)
Bibliografia essenziale.