Medici o ciarlatani? L'omeopatia nel Regno delle Due Sicilie. Dal 1822 al 1860
Autori e curatori
Contributi
Liborio Dibattista, Francesco Eugenio Negro
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 224,      1a edizione  2016   (Codice editore 1501.119)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 26.00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891709844
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 18.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891735829
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Fondandosi su una copiosa raccolta di fonti primarie sin qui inesplorate, quest’opera analizza il ruolo dell’omeopatia nella divulgazione scientifica attraverso periodici, libri e scritti sulla cura e prevenzione del colera, ma anche tramite piccoli prontuari di “medicina domestica” di primo intervento. In particolare il testo tratta le vicende del successo dell’omeopatia nello spazio geografico del Regno delle Due Sicilie dal 1822 al 1860.
Utili Link
Corriere della Sera Quando il sud abbracciò l'omeopatia (di Giuseppe Galasso)… Vedi...
Società e Storia Recensione (di Annalucia Forti Messina)… Vedi...
Archivio Storico per la Sicilia Orientale Recensione (di Francesca M.Lo Faro)… Vedi...
Presentazione del volume

Gli omeopati erano medici o ciarlatani?
Alla domanda risponde questo libro che, attraverso una copiosa raccolta di fonti primarie fin qui inesplorate, tratta le vicende del successo dell’omeopatia nel Regno delle Due Sicilie.
Viene così sanata la frattura che da più di trent’anni separa la storia della medicina italiana dagli studi dei più prestigiosi centri di ricerca internazionali di storia della medicina.
L’indagine si sofferma sull’approccio terapeutico che, evitando salassi, sanguisughe e purghe, fa dell’omeopatia una “medicina gentile” da preferire ai più tradizionali metodi di cura e studia il rinnovamento del rapporto medico-paziente, alla base della pratica medica omeopatica, che indirizza l’attenzione non alla malattia ma al malato nella sua integrità.
È un libro che fa scoprire al lettore le ragioni dell’esclusione della medicina hahnemanniana dalla storia della medicina italiana e dimostra come il giudizio severo che medici e storici della medicina proiettano all’indietro sull’omeopatia sia gravato del più classico degli errori storiografici: il presentismo.
Questo volume ha il merito di restituire l’omeopatia alla Storia.

Maria Chironna (detta Marisa), dottore di ricerca in Storia della Scienza, insegna Storia e Filosofia al Liceo classico. Collabora con la Robert Bosch Stiftung di Stoccarda. Diplomata in counseling presso la scuola di specializzazione della SIAB di Roma, studia i modi di applicazione del counseling alla didattica.

Indice
Liborio Dibattista, Una “medicina gentile”: la storia per la scienza
Francesco Eugenio Negro, Una terapeutica per la persona
Introduzione
L’omeopatia tra Illuminismo e Risorgimento
(L’omeopatia a Napoli; La rivoluzione di Hahnemann; L’omeopatia tra Illuminismo e Risorgimento; Conclusioni)
Omeopati e allopati: la relatività dei fatti e il peso delle parole
(I primi omeopati; Dalle teorie ai fatti; La prima clinica omeopatica; La seconda clinica omeopatica; Dagli esperimenti agli insulti; Conclusioni)
Le istituzioni
(L’insegnamento di medicina nelle capitali del Regno; Periodici, Accademie, dispensari; Un’occasione mancata: il Congresso del 1845; Conclusioni)
Farmacopea omeopatica
(Farmaceutica allopatica; Il caos delle materie mediche; Dal nord Europa alla Sicilia: un percorso di due secoli; Hahnemann: esperienza e sperimentazione; Divulgazione, ricerca, innovazioni; Patogenesi dei rimedi; L’omeopatia alle prove; Dosi, ripetizioni e diluizioni; Conclusioni)
Omeopatia e allopatia nella cura del colera (1836-37, 1854-55)
(Epidemia o contagio?; Impotenza della medicina nella cura del colera; Il caso di Cerda; Sistemi medici ed empiria; L’omeopatia; I risultati delle cure omeopatiche e la guerra delle cifre; La questione ippocratica; Un problema non proprio scientifico; Conclusioni)
Medici, pratici e pazienti
(Tre principi per il vero medico; Istruzioni per il medico e per il paziente; I laici; Una medicina gentile per donne e bambini; L’alfabetizzazione medica ai tempi del colera; Conclusioni)
Una difficile linea di demarcazione
(Maestri comuni; Dilettanti e professori, tentativi di conciliazione; Omeopati in cattedra; L’accusa di ciarlataneria: una lunga storia; Medici a Congresso; Conclusioni)
Conclusioni
(Quale scienza?; Gli omeopati e la vaccinazione; Le sperimentazioni delle sostanze tossiche di Claude Bernard; L’omeopatia e il vitalismo; Una “cosmologia” non del tutto alternativa; L’omeopatia: scienza o sistema?)
Bibliografia
Indice dei nomi.