Arrigo Serpieri: tra scienza e praticità di risultati. Dall'economia agraria alla bonifica integrale per lo sviluppo del paese
Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 288,      1a edizione  2015   (Codice editore 363.105)

Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 25.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891721426
Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Una ricostruzione del percorso scientifico del Serpieri, con l’obiettivo di farne emergere l’autentico pensiero teorico-analitico, spesso alterato o modificato per interessi di parte, ma anche frainteso per non aver approfondito la sua complessa opera bibliografica.
Presentazione del volume

Con questo volume s'intende ricostruire il percorso scientifico del Serpieri, facendone emergere, contributo dopo contributo, l'autentico pensiero teoricoanalitico. Che spesso, purtroppo, è stato alterato o modificato per interessi di parte, ma anche frainteso per non avere approfondito la sua complessa opera bibliografica, invero ragguardevole, come dimostra l'allegata Appendice relativa agli "Scritti scientifici e giornalistici del Serpieri (1901-1958)". Questa, peraltro, è da considerarsi come la bibliografia più completa tra quelle finora disponibili, forse anch'essa non ancora del tutto esaustiva data la capacità di scrittura praticata per quasi un sessantennio da questa "personalità imponente", per dirla con Manlio Rossi Doria.
Benché la costruzione teorica del Serpieri costituisca l'elemento centrale del saggio, nel contempo, si è cercato di valorizzarne anche la dimensione operativa, ovvero quella legata alla sua visione di una scienza economica tesa verso la "praticità di risultati". Ciò è da connettersi, con tutta evidenza, alla "bonifica integrale". Con la stessa, lo studioso intendeva recuperare alla piena produzione i terreni degradati ai fini della colonizzazione, cioè a dire dar luogo all'insediamento in forma stabile dell'uomo sulla terra per attenuare gli effetti negativi dovuti alla sottoccupazione bracciantile che da sempre gravava sull'agricoltura.
Lo sosteneva anche l'idea che attraverso l'ampliamento della terra coltivata, perciò l'incremento della base produttiva del settore e la maggiore occupazione agricola, fosse possibile indurre un maggiore benessere nel paese. Questo spiega perché alla bonifica integrale si è dedicata un'ampia analisi ricercandone, tra l'altro, una misura quantitativa finora mai tentata circa gli effetti moltiplicativi sul reddito nazionale dovuti agli investimenti di bonifica mediante la teoria della domanda aggregata keynesiana.
Se possiede qualche validità l'assunto "qualsiasi avanzamento teorico presuppone la conoscenza del passato", conoscenza senza la quale non sono possibili i progressi necessari alla sopravvivenza di un'area disciplinare soprattutto qualora, con la stessa, s'intenda accrescerne i caratteri di scientificità nell'intessere collettivo; allora, ritornare all'opera del Serpieri diventa essenziale non solo per l'economista agrario, specie se anch'esso aspiri ancora oggi, come il fondatore della disciplina, a ricercare soluzioni economico-sociali innovative in termini di utilità, ma anche per tutti coloro che attraverso la conoscenza del patrimonio storico-culturale del paese intravedono la possibilità di nuovi percorsi che aiutino l'Italia a superare le tante difficoltà in cui si dibatte ormai da tempo. E per superale, ancora una volta, l'agricoltura, cioè il settore che svolge un ruolo essenziale per l'attività umana, potrebbe costituire una delle possibili vie di riscatto del paese.

Giancarlo Di Sandro è professore emerito dell'Università di Bologna. Già docente di economia e politica agraria presso la Facoltà di Economia di Forlì dello stesso ateneo. È autore di numerosi studi sul ruolo dell'agricoltura nel sistema economico in un'ottica ricardiana, sulla teoria della produzione e della distribuzione del reddito secondo modelli non neoclassici e sulla storia del pensiero economico-agrario italiano (1800-1980), tra cui quello pubblicato con FrancoAngeli nel 2011 nel volume L'agricoltura e gli economisti agrari in Italia dall'Ottocento al Novecento.

Indice
Introduzione
(Il campo d'indagine: il "percorso" scientifico-operativo del Serpieri; Le date essenziali della vita del Serpieri)
La teoria economica accolta
(La visione teorica-metodologica serpieriana; Il quadro analitico generale di riferimento)
Arrigo Serpieri: il fondatore dell'economia agraria moderna
(La costruzione del paradigma economico-agrario (1901-1929); Dalla Guida alle Istituzioni (1929-1946))
Gli studi post Istituzioni
(L'analisi socio-economica dell'agricoltura italiana; La bonifica integrale e i suoi effetti moltiplicativi; Serpieri e la riforma agraria nel secondo dopoguerra)
Appendice
(La maglia reticolare burocratico-occupazionale nel 1922-1940)
I contributi del Serpieri nell'agricoltura attuale
(I "nodi" della realtà agricola ante guerra e la teorizzazione serpieriana; Serpieri e l'agricoltura d'oggi)
Appendice bibliografica
(Scritti scientifici e giornalistici del Serpieri (1901-1958))
Riferimenti bibliografici.