Sante Giuffrida e il rinnovamento educativo nell'Italia unita
Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 168,   1a ristampa 2017,    1a edizione  2014   (Codice editore 249.2.9)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21.00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891712493

In breve
La ripresa in ambito storico-educativo della figura e dell’opera di Sante Giuffrida (1842-1929) – pubblicista, saggista e autore di manuali di “metodo” per la formazione dei maestri – costituisce un’occasione interessante per gettare nuova luce su quei processi di trasformazione della cultura pedagogica maturati nella seconda metà del XIX secolo, mediante i quali ebbero modo di prendere il largo significativi motivi di modernizzazione del Paese.
Presentazione del volume

Sante Giuffrida (1842-1929), prima maestro elementare, poi professore di Pedagogia nelle R. Scuole Normali maschili e femminili di Catania, fu tra le voci eminenti del dibattito che interessò il tema della costruzione di una nuova "scienza dell'educazione" durante la lunga fase di affermazione della cultura positivistica in Italia, tra Otto e Novecento.
Pubblicista, saggista e autore di manuali di 'metodo' per la formazione dei maestri, interpretò con lucidità e consapevolezza quei motivi di rinnovamento della cultura pedagogica che nell'Italia postunitaria si proposero come prospettive di sviluppo civile per una nazione faticosamente in marcia verso 'la conquista dell'alfabeto'.
La ripresa in ambito storico-educativo della sua figura e della sua opera può costituire un'occasione interessante per gettare una luce su quei processi di trasformazione della cultura pedagogica maturati nella seconda metà del XIX secolo, mediante i quali ebbero modo di prendere il largo significativi motivi di modernizzazione del Paese.
Il rinnovamento auspicato e promosso da Giuffrida, secondo la visione pedagogica "progressista" tipica del suo tempo, interessò le questioni dell'allargamento dei processi formativi e delle pratiche di istruzione popolare, nonché della mobilitazione degli strumenti dell'educazione e delle istituzioni scolastiche in funzione del raggiungimento di ideali di crescita sociale e di incivilimento.

Letterio Todaro è ricercatore confermato di Storia della Pedagogia presso il Dipartimento di Scienze della Formazione dell'Università di Catania. I suoi interessi riguardano prevalentemente lo sviluppo dei modelli e delle pratiche della formazione in età contemporanea, con particolare riferimento all'analisi degli intrecci tra cultura pedagogica e sviluppo delle istituzioni formative e scolastiche. Tra i suoi recenti lavori si segnalano, Formazione e poiesis dell'umano. Dewey, Frye, Bruner (Pisa, 2011); La pedagogia di Giovanni Antonio Colozza e la cultura italiana tra Otto e Novecento (Catania, 2012).

Indice
Introduzione
Cultura pedagogica e costruzione dell'identità nazionale nell'Italia postunitaria: la testimonianza di un educatore
Un ritratto a tinte forti: la scuola italiana dopo l'Unità nelle "Memorie di un educatore"
La lotta contro l'ignoranza e il sollevamento della condizione magistrale: l'esperienza dell'"Educatore Siciliano"
Tra antropologia e metodo sperimentale: Giuffrida e gli esordi della pedagogia scientifica in Italia
La pedagogia alla ricerca di nuovi strumenti operativi: per un 'Prospetto antropologico' a servizio della scuola
Da Pestalozzi a Gabelli: la centralità della riforma di 'metodo' per lo sviluppo di una 'scuola educativa'
L'educazione e i 'tempi moderni': l'avvenire della scuola, la democrazia, il progresso
Giuffrida e la manualistica di pedagogia per la scuole normali alla fine del XIX secolo
Giuffrida storico della pedagogia
"I tempi volgono fatalmente a democrazia": la pedagogia di Giuffrida tra moderatismo e riformismo al volgere del XX secolo
Bibliografia.