Fare capitalismo nell'economia dell'innovazione
Autori e curatori
Contributi
Giuseppe Berta
Traduttori
Matteo Vegetti
Livello
Saggi, scenari, interventi
Dati
pp. 322,      1a edizione  2015   (Codice editore 1802.1)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 34,00
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 23,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 23,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Oggi, con lo Stato paralizzato e impossibilitato ad agire come operatore economico e un mercato dei capitali limitato, l’economia dell’innovazione si trova in una fase di stallo. Le analisi e le indicazioni contenute in questo libro rappresentano un importante contributo al suo rilancio. William H. Janeway combina riflessioni personali (frutto di una carriera come venture capitalist di grande successo) con lo sviluppo di una teoria originale del ruolo delle bolle speculative e dello Stato nel processo di innovazione.
Utili Link
Fondazionepirelli.org Recensione… Vedi...
HBR Recensione (di Giuseppe Berta)… Vedi...
il Manifesto Gli spettri dell'innovazione (di Benedetto Vecchi)… Vedi...
Presentazione del volume

"Quella di Janeway è un'analisi magistrale, sia dal punto di vista storico sia da quello teorico, del gioco a tre giocatori che vede coinvolti lo Stato, l'imprenditoria privata che promuove l'innovazione e il capitalismo finanziario [...]. Il libro, con la sua chiara esposizione ispirata alle teorie di Minsky degli eccessi finanziari della schumpeteriana distruzione creatrice, dovrebbe essere una lettura obbligatoria per tutti"
Nouriel Roubini (New York University)
"...l'unico libro che attribuisce il giusto peso alla necessaria interazione tra mercati dei prodotti e dei servizi reali, mercati finanziari e Stato. Lo fa in modo intelligente, profondo e con numerosi riferimenti alla storia economica e a quella personale dell'autore, brillante investitore. Se volete comprendere come funziona l'economia dell'innovazione, non cercate altrove... leggete questo libro"
Tim O'Reilly (Fondatore e CEO di O'Reilly Media)

L'economia dell'innovazione ha origine con la scoperta scientifica e raggiunge il suo culmine grazie alla speculazione finanziaria. Negli ultimi due secoli e mezzo, la crescita economica è stata alimentata da una sequenza di procedimenti per tentativi ed errori: ricerche e invenzioni originali e controcorrente, a monte, esperimenti per mettere a frutto il nuovo spazio economico creato dall'innovazione, a valle. Ognuna di queste attività ha generato inevitabilmente molti sprechi lungo il percorso: programmi di ricerca finiti nel nulla, invenzioni inutili, iniziative commerciali fallite. Contrariamente al dogma sul quale si fonda l'economia neo-classica, la principale virtù di un'economia di mercato non è l'efficienza, bensì la capacità di tollerare gli inevitabili sprechi.
Attingendo alle sue esperienze professionali, William H. Janeway, economista e venture capitalist di successo, costruisce un chiaro quadro di queste dinamiche. Le riflessioni personali maturate durante la sua quarantennale carriera si accompagnano all'esposizione di una teoria originale che mette in evidenza il ruolo fondamentale giocato dallo Stato, sia per finanziare la ricerca che dà luogo a scoperte e invenzioni, sia per preservare la continuità nell'economia di mercato quando scoppia la bolla speculativa che ne ha finanziato la trasformazione. Questo processo, secondo Janeway, è trainato da tre insiemi di giochi ininterrotti, reciproci e interdipendenti che vedono coinvolti lo Stato, l'economia di mercato e il capitalismo finanziario.
Oggi, con lo Stato paralizzato e impossibilitato ad agire come operatore economico e un mercato dei capitali limitato a una sparuta minoranza, l'economia dell'innovazione si trova in una fase di stallo. Le analisi e le indicazioni contenute in questo libro rappresentano un importante contributo al suo rilancio.

William H. Janeway, dopo aver conseguito un Ph.D in Economia presso l'Università di Cambridge, ha intrapreso una carriera come venture capitalist, fondando e dirigendo il Warburg Pincus Technology Investment Team, che ha sostenuto finanziariamente molte aziende che hanno avuto un ruolo chiave nella nascita dell'economia di Internet. Janeway è Teaching Visitor presso il Dipartimento di Economia dell'Università di Princeton, nonché membro del board del Social Science Reserach Council e dell'Institute for New Economic Thinking, di cui è anche co-fondatore.

Indice
Giuseppe Berta, Prefazione all'edizione italiana
Ringraziamenti
Introduzione. L'economia dell'innovazione
Parte I. Le regole del gioco
Apprendistato
La scoperta dei computer
Investire sull'ignoranza
Parte II. Lo svolgimento del gioco
L'agente finanziario
La strada verso BEA
L'apoteosi
Parte III. La logica del gioco: il ruolo delle bolle
La banalità delle bolle
Come si spiegano le bolle
La necessità delle bolle
Parte IV. La logica del gioco: il ruolo dello Stato
Dove si trova lo Stato?
"Il fallimento del fallimento del mercato"
La necessità dello spreco
Conclusioni
Bibliografia.


Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo

Pubblicazioni in Open Access


Pubblicità