La pedagogia della liberazione di Paulo Freire. Educazione, intercultura e cambiamento sociale
Autori e curatori
Collana
Livello
Textbook, strumenti didattici. Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 162,   2a ristampa 2018,    1a edizione  2016   (Codice editore 1115.1.18)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20.00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891740175

In breve
La figura e il pensiero di Paulo Freire (1921-1997), pedagogista brasiliano, intellettuale esule ed educatore cosmopolita. Avvalendosi degli studi di Freire ancora non tradotti in italiano, si toccano questioni cruciali del dibattito educativo contemporaneo, come il tema dell’interculturalità, della lotta all’esclusione sociale, dell’educazione permanente, del ruolo della scuola nella società.
Presentazione del volume

Il volume propone un percorso di scoperta della figura e del pensiero di Paulo Freire (1921-1997), pedagogista brasiliano, intellettuale esule ed educatore cosmopolita. Nell'ambito della riflessione freiriana, la pratica educativa si caratterizza per la sua valenza emancipatrice e dialogica, tesa ad agire nella storia e cambiare la realtà sociale.
Ne emerge un'idea di pedagogia militante, schierata a favore degli "oppressi", ancorata al progetto di una società nella quale le relazioni tra i soggetti possano essere liberate dal millenario rapporto "oppressore-oppresso" e affrancate dallo sfruttamento, dalla discriminazione e dalla violenza.
Avvalendosi degli studi di Freire ancora non tradotti in lingua italiana, il volume si rivolge a quanti si occupano, a vario titolo, di educazione, trattando questioni cruciali del dibattito educativo contemporaneo - tra di esse, l'interculturalità, la lotta all'esclusione sociale, l'educazione permanente, il ruolo della scuola nella società - per suggerire una visione non dell'esistente, ma di un "inedito possibile".

Marco Catarci è professore associato di Pedagogia sociale presso il Dipartimento di Scienze della Formazione dell'Università degli Studi Roma Tre, dove collabora con il CREIFOS (Centro di ricerca sull'educazione interculturale e sulla formazione allo sviluppo). È autore di volumi, saggi e articoli sui temi dell'immigrazione, della formazione e dell'inclusione sociale dei rifugiati. Tra di essi: All'incrocio dei saperi. Una didattica per una società multiculturale (Roma 2004), Il pensiero disarmato. La pedagogia della nonviolenza di Aldo Capitini (Torino 2007) e, per i tipi della FrancoAngeli, L'integrazione dei rifugiati. Formazione e inclusione nelle rappresentazioni degli operatori sociali (2011), Le forme sociali dell'educazione. Servizi, territori, società (2013).

Indice
Introduzione. L'emancipazione come dimensione peculiare dell'educazione
La pedagogia problematizzante di Paulo Freire
(Percorso biografico di un intellettuale esule; Personalismo, teologia della liberazione e marxismo umanista; Educazione come pratica della libertà. L'esperienza dei circoli di cultura; Coscientizzazione; Dialettica oppressori-oppressi; Concezione "bancaria" e "problematizzante" dell' educazione; Teoria dialogica e antidialogica)
L'educazione come pratica politica nella pedagogia critica di Paulo Freire
(L'educazione non può essere neutrale; Critica al discorso neoliberale; Pedagogia critica; Competenza alfabetica e partecipazione politica; Rilievi critici al pensiero di Freire)
Una rilettura freiriana di alcune nozioni chiave del dibattito contemporaneo sull'educazione
(Interrogare Freire per osservare e agire nel contemporaneo; L'"unità nella diversità". Educazione interculturale e giustizia sociale; L'educazione come lotta all'esclusione sociale in dialogo con gli oppressi; L'educazione permanente per "essere di più"; La scuola democratica e l'insegnante come "intellettuale trasformativo")
Allegato. Cronologia dell'itinerario biografico e scientifico di Paulo Freire
Bibliografia.