Paesaggio come esperienza. Evoluzione di un'idea tra storia, natura ed ecologia
Autori e curatori
Contributi
Francesca Mazzino, Massimo Quaini, Mariella Zoppi
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 164,      1a edizione  2016   (Codice editore 1151.1.19)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 23.00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 16.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 16.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
La storia della relazione mai interrotta tra paesaggio ed ecologia è qui raccontata attraverso le esperienze di una serie di figure rappresentative, in grado di restituire un’immagine variegata ed eterogenea che spazia dalle descrizioni letterarie, all’estetica, alla filosofia della natura, alle trattazioni di esploratori-botanici, all’opera di attori che hanno trasformato intensamente tanto l’aspetto fisico, quanto la percezione del paesaggio.
Presentazione del volume

Un paesaggio, per essere definito tale, deve essere percepito. Costituendo un legame inscindibile tra ambiente circostante ed esperienza estetica, il paesaggio si rivela quindi essere una categoria mutevole rispetto ai tempi, alla cultura di riferimento, e, in ultima analisi, alla sensibilità personale. L'esperienza del paesaggio ha ispirato lo sviluppo delle scienze naturali, soprattutto a partire dal XIX secolo.
Tuttavia, il pensiero scientifico ha spesso cercato di oggettivare il paesaggio, almeno fino a quando non si è sviluppata una visione di carattere relazionale ed ecologico della natura, capace cioè di integrare anche l'esperienza umana e degli animali non umani nell'orizzonte dell'impresa scientifica. A centocinquant'anni dalla nascita del termine, l'ecologia ha acquistato via via sempre maggior importanza, al punto da allargare la sua sfera d'influenza ben oltre le scienze naturali, fino a costituire un paradigma di riferimento per le discipline del progetto, in particolare per la sua capacità di rispondere alle necessità di confrontarsi con le leggi della vita e con le relazioni all'interno di sistemi complessi. La storia della relazione mai interrotta tra paesaggio ed ecologia è raccontata nel libro attraverso le esperienze di una serie di figure rappresentative, in grado di restituire un'immagine variegata ed eterogenea che spazia dalle descrizioni letterarie, all'estetica, alla filosofia della natura, alle trattazioni di esploratori-botanici, all'opera di attori che hanno trasformato intensamente tanto l'aspetto fisico, quanto la percezione del paesaggio. Il potere, nelle sue varie forme, ha cercato, infatti, di trasformare il paesaggio attraverso un'azione imponente, salvo poi dover ammettere che tali trasformazioni - così come la messa a punto delle condizioni per una fruizione di massa del paesaggio, insieme risposta ad un'istanza democratica e strumento di potere - avevano snaturato quegli stessi beni a cui si voleva attribuire valore. Un'azione più sottile, ma non meno profonda, si è compiuta attraverso una trasformazione culturale ed estetica. Nella memoria collettiva permangono, infatti, le tracce di figure e narrazioni che hanno saputo raccontare il rapporto tra uomo e natura attraverso il paesaggio e che hanno contribuito a determinarne l'attuale concezione culturale, a ribadire che il paesaggio non è mai un oggetto soltanto fisico, ma implica la nostra capacità di saperlo vedere e conoscere criticamente.

Paola Sabbion è architetto paesaggista e dottore di ricerca in Architettura. Insegna e svolge attività di ricerca presso il Dipartimento di Scienze per l'Architettura (DSA) della Scuola Politecnica dell'Università di Genova. È autrice di diversi saggi e articoli sulla storia e sulle teorie contemporanee del paesaggio.

Indice
Mariella Zoppi, Francesca Mazzino, Presentazioni
Introduzione. Paesaggio ed ecologia
Definire il paesaggio
(La percezione del paesaggio; Paesaggio come esperienza; Paesaggi e atmosfere; I sensi e il senso del luogo; Paesaggi di dati)
Muoversi nel paesaggio
(Viaggiare, esperire; Il giro del mondo e il sentiero di sabbia; Il viandante e lo spirito della natura; La strada come casa; Camminare per protesta)
La strada del progresso
(Strade come paesaggi; Infrastrutture e potere; Highway to Hell; Il persistente fascino della macchina)
Il paesaggio e la tecnica
(I paesaggi della tecnica e l'esperienza del mutamento; Da coketown all'ideale pastorale; I paesaggi dell'energia; La geografia dello svago; La tecnica nell'era dell'ecologia)
Inventare il paesaggio
(Verso una filosofia della natura; Dalla poesia agli environmental studies; Etica ecologica e diritto al paesaggio)
Conclusione. Progetto ecologico: scenografie e sceneggiature
Massimo Quaini, Postfazione
Riferimenti bibliografici.