Psicoterapia del trauma e pratica clinica. Corpo, Neuroscienze e Gestalt
Autori e curatori
Contributi
Luigi Janiri, Margherita Spagnuolo Lobb
Livello
Testi per psicologi clinici, psicoterapeuti
Dati
pp. 296,      1a edizione  2016   (Codice editore 1252.17)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 35.00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 24.99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 24.99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Il libro di Miriam Taylor rappresenta un contributo fondamentale alla terapia del trauma. Scritto dalla prospettiva della psicoterapia della Gestalt, il libro integra le più rilevanti ricerche e teorie contemporanee e i più recenti modelli di lavoro con il trauma. Una risorsa sia per gli psicoterapeuti che per gli allievi.
Utili Link
Quaderni di Gestalt Recensione (di Luigi Janiri)… Vedi...
Stateofmind.it Recensione (di Simona Noviello)… Vedi...
Presentazione del volume

Il libro di Miriam Taylor rappresenta un contributo fondamentale alla terapia del trauma. Scritto dalla prospettiva della psicoterapia della Gestalt, il libro integra le più rilevanti ricerche e teorie contemporanee e i più recenti modelli di lavoro con il trauma. Si tratta di un’opera molto ben strutturata: un’ottima risorsa sia per gli psicoterapeuti che per gli allievi. Mi ha particolarmente colpito la fluidità con cui l’autrice ha saputo integrare modelli teorici complessi con esplorazioni e illustrazioni della pratica clinica.
Dalla presentazione di Luigi Janiri

Il libro di Miriam Taylor presenta un sofisticato lavoro teorico e clinico sul trauma, da una prospettiva fenomenologica. La forza clinica di questo libro sta non solo nei riferimenti ai processi cerebrali, ma soprattutto nel modo in cui l’autrice integra meravigliosamente le conoscenze attuali sull’esperienza del trauma con la competenza gestaltica esperienziale, usando la “finestra di tolleranza” e altri concetti della teoria del trauma. Il suo libro ha avuto un impatto immediato sul mio lavoro.
Lynne Jacobs, psicoanalista, psicoterapeuta della Gestalt, co-fondatrice del Pacific Gestalt Institute, USA

Si tratta di una declinazione particolare degli studi più recenti sul trauma, che consente di applicare nella pratica clinica il superamento del pensiero dicotomico tanto auspicato da filosofi, sociologi e psicoterapeuti nella società post-moderna: non c’è un ego da sostenere né un nemico da sconfiggere ma una relazione da creare, una sofferenza da amare, nella consapevolezza di una fallibilità condivisa.
Margherita Spagnuolo Lobb, Direttore Istituto di Gestalt HCC Italy (Siracusa, Palermo, Milano)

Miriam Taylor, psicoterapeuta della Gestalt, opera privatamente e presso strutture pubbliche. Insegna al Metanoia Institute, in Inghilterra. In Italia collabora con l’Istituto di Gestalt HCC Italy (Siracusa, Palermo, Milano).

Indice
Margherita Spagnuolo Lobb, Nota introduttiva
Luigi Janiri, Presentazione all’edizione italiana
Ringraziamenti
Introduzione
(Definire il trauma; Terapie contemporanee del trauma; Il corpo traumatizzato; L’applicazione delle neuroscienze; Riduzionismo e tecnica; La Gestalt come terapia del trauma; A proposito del libro)
Parte I. Ampliare il campo della scelta
Rendere possibile il cambiamento
(Il cambiamento dal punto di vista del paziente; Considerazioni introduttive; Teoria Paradossale del Cambiamento e trauma; Altri fattori nel processo di cambiamento; Neuroscienze, trauma e cambiamento; Creare le condizioni per la crescita; Verso un modello integrato di cambiamento; Sommario)
L’organizzazione delle parti e del tutto
(Una metafora del lavoro; Orientarsi nel trauma; La figura e lo sfondo del trauma ? Il campo, il sé e l’altro; Adattamenti creativi; Polarità, equilibrio e olismo; Rigidità, caos e complessità; Ristrutturare lo sfondo; Sommario)
Lavorare con l’arousal
(Il trauma come problema di arousal; Arousal e Gestalt; Il sistema nervoso autonomo; Il modello della finestra di tolleranza; Lavorare con l’arousal; Sommario)
Lì ed allora, qui ed ora
(L’atemporalità del trauma; Oltre il qui ed ora; Differenziare l’esperienza; Consapevolezza del qui ed ora; Consapevolezza e metodo fenomenologico; Consapevolezza, fenomenologia e processo di cambiamento; Il ruolo della mindfulness nella terapia del trauma; Sommario)
Parte II. Ai limiti del sé
Dalla paura alla sicurezza
(Evitamento, trigger e fobie; Risposte alla paura; Orientarsi nel pericolo; Neurobiologia della paura; Difese di sopravvivenza; Comportamenti a rischio; Stabilire la sicurezza; Caso clinico: Eve (parte prima); Sommario)
Dall’helplessness all’autonomia
(Helplessness e processi sani: una prospettiva gestaltica; Due tipi di helplessness nel corpo; L’impatto psicologico dell’helplessness; Cambiamento di locus di controllo; Agency, scelta e autonomia; L’azione; Caso clinico: Eve (parte seconda); Sommario)
Dalla disconnessione al contatto
(Prospettive teoriche sulla dissociazione; Depersonalizzazione e derealizzazione; Dare senso alla dissociazione; La dissociazione e il corpo; Il sé frammentato; Dissociazione e relazione; Sostenere il contatto; Caso clinico: Eve (parte terza); Sommario)
Dalla vergogna all’accettazione
(Leggere la vergogna attraverso la lente del trauma; La vergogna come attacco al sé; Vergogna, colpa e responsabilità; Corpi pieni di vergogna; Un mondo poco ricettivo; Lavorare con la vergogna; Caso clinico: Eve (parte quarta); Sommario)
Parte III. Un’appartenenza relazionale per il trauma
Il ruolo del terapeuta
(Il terapeuta e il cambiamento; Potere e orizzontalismo; Instaurare la relazione; La teoria polivagale e l’impegno sociale; Questioni transferali; Il terapeuta come (ri)organizzatore; Il terapeuta e la regolazione emotiva; Il terapeuta e il qui ed ora; Sommario)
Il terapeuta ben equipaggiato
(Storia personale 1: radunare le risorse; Neuroni specchio; La vulnerabilità del terapeuta; Storia personale 2: sentirsi malfermo; Il terapeuta incarnato; Storia Personale 3: una finestra di tolleranza allargata; Esperimenti; La mindfulness come risorsa; Guarigione reciproca; Sommario)
La relazione incarnata
(Dilemmi relazionali; Quello che già sappiamo; Regolazione reciproca; Un’esperienza oltre le parole: dare senso insieme; Toccare; Considerazioni specifiche sulla tolleranza della relazione; Sommario)
Trasformare le ferite relazionali
(Attaccamento disorganizzato e trauma complesso; Rottura e riparazione nella terapia del trauma; Disregolazione e finestra di tolleranza; Sopravvivere alle rotture; Che cosa sta succedendo? Rendere manifesto il trauma; Atti di trionfo; Integrazione, narrazione e attaccamento guadagnato; Caso clinico: Eve (parte quinta); Sommario)
Bibliografia.


Le nostre spedizioni verranno sospese dal 19 Dicembre al 6 Gennaio (inclusi).
  • Psichiatria, neuropsichiatria, neuroscienze, psicofisiologia, psicobiologia
  • Psicologia cognitiva, psicologia della personalità
  • Psicologia sociale, di comunità, politica, ambientale, dell'emergenza, del turismo
  • Scienze e tecniche psicologiche per l'intervento clinico

    Scienze e tecniche psicologiche per il lavoro, l'impresa, le organizzazioni

    Teoria e tecniche dei test, psicometria, psicodiagnostica

    Scienze e tecniche psicologiche dello sviluppo e dell'educazione

    Teoria e tecniche per la riabilitazione

    Prevenzione e clinica delle dipendenze

    Psicologia giuridica, investigativa, forense, criminale, psicologia della devianza

    Psicologia della salute, psicologia del benessere, educazione al benessere

    Psicologia dell’arte e della letteratura, psicologia estetica

    Storia della psicologia

    Professione psicologo

    Servizi di cura


    Pubblicità