Appunti di comunicazione politica e d'impresa. La società a "testa bassa"
Autori e curatori
Contributi
Pino Polistena
Livello
Saggi, scenari, interventi. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 196,      1a edizione  2016   (Codice editore 244.1.75)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 26.00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891742964

In breve
Il volume evidenzia l’importanza di una convergenza di finalità tra le imprese e la società, istituzionale e politica, affinché stabiliscano forme di cooperazione in chiave partecipativa, innovativa e creativa. Una cooperazione necessaria per sviluppare nuovi processi di ripresa economica e stimolare percorsi di rigenerazione della democrazia e dei valori.
Presentazione del volume

Il volume mette in evidenza l'importanza di una chiara convergenza fra impresa, società e istituzioni politiche, affinché stabiliscano forme di cooperazione, ricomponendo questi tre ambiti in chiave partecipativa, innovativa e creativa. Attualmente la separazione tra società politico-istituzionale e sistema delle imprese offre, come risultato, divaricazione sociale, estensione delle ingiustizie, spreco d'intelligenza individuale e collettiva con conseguente riduzione della competitività e della produttività delle imprese, freno all'innovazione politica, sociale, culturale e produttiva, ritardi e distacco verso i bisogni dei cittadini e verso le nuove generazioni.
La comunicazione, politica e d'impresa, può rappresentare un fattore strategico innovativo, unificante e stimolante per ricostruire percorsi moderni e solidali di società valorizzando la centralità della risorsa umana negli ambiti produttivi e sociali. Per questo serve abbassare il baricentro delle gerarchie d'impresa e delle istituzioni politiche, sviluppando nuove forme di democrazia orizzontale e ridisegnando struttura e bisogni sociali alla luce delle profonde modificazioni che la crisi ha innescato. Le frecce delle verticalità devono ri-volgersi verso il basso, in direzione del popolo.
Oggi si continua a perdere visione. Impresa, società e politica, procedono a testa bassa disperdendo patrimoni di saperi, d'esperienze, di opportunità, di capacità strategiche e innovative. Dobbiamo rianimare valori, intelligenze creative e partecipazione altrimenti saremo destinati all'emarginazione e al populismo deleterio e distruttivo. Ridisegnare e comunicare le priorità del paese è il messaggio che proviene anche dalle tristi vicende del terremoto.

Franz Foti, giornalista, blogger di Huffington Post e consigliere della Federazione Nazionale della Stampa, insegna Comunicazione pubblica e istituzionale presso l'Università degli Studi dell'Insubria di Varese. Dal 1998 al 2007 ha collaborato con il "Corriere della Sera" ed è stato direttore responsabile del periodico "Incontri" (Editore Dircredito). Dal 2011 al 2013 è stato consigliere nazionale dell'Ordine dei giornalisti e membro della Commissione culturale ricoprendone la carica di presidente sino al 2012. Tra le sue pubblicazioni Milano metropoli frammentata (FrancoAngeli), (con Strada, Zapelli e Leonardi); Valutare gli insegnanti? (La Nuova Italia); Politica senza classe. Strategie e comunicazione di governanti sconnessi dal Paese (Centro di Documentazione Giornalistica); I disarmati, ceti medi al crepuscolo, quarta via sfida per il futuro (Editori Internazionali Riuniti); Teorie e Tecniche della Comunicazione Pubblica (FrancoAngeli).

Indice
Franz Foti, Presentazione
Parte I. La comunicazione d'impresa
La comunicazione d'impresa
(Il ciclo della comunicazione; Il comunicatore; La comunicazione positiva e la comunicazione negativa; Comunicazione, fattori personali; La comunicazione nasce da un'idea; La comunicazione breve e veloce; L'impegno, fattore di comunicazione efficace; Le otto raccomandazioni da tenere presente)
Comunicazione innovativa e umanesimo ambientale
(Organizzazione orizzontale e ambiente emotivo; Ambiente, performance individuale e comunicazione; Il modello "Aira": ascolta, impara, rifletti e agisci; Ogni azione comunicativa richiede una strategia; Piano della comunicazione aziendale; Alcuni tipi di comunicazione)
La comunicazione efficace: evitare facili errori
(I quattro fronti della comunicazione; Riunioni: operazioni preliminari; Come organizzare il pensiero; Ascolto, tecniche verbali e non verbali; Comunicazione e ansia professionale)
La comunicazione del merito
(L'apporto del merito; Il merito ha un valore sociale; Il merito e la cultura del lavoro; Le competenze che interessano il merito; Capacità individuali; Gli indici di valutazione della performance (IVP))
L'innovazione è il centro di ogni cosa
(I consigli di Oscar Farinetti; Comunicazione: emozione, comportamento, atteggiamento e motivazione; La motivazione; La comunicazione interna e la comunicazione esterna; La ripetizione può nuocere; Comunicazione e "disruptor")
Impresa e comunicazione di genere
(Le caratteristiche di genere; Genere maschile e comunicazione; Genere femminile e comunicazione; Peculiarità maschili e femminili nella comunicazione; Differenze di genere nei processi decisionali; Potere maschile e femminile: un difficile campo di battaglia; Dialogo e concentrazione: generi a confronto; Equilibrio sociale e genere femminile)
La gestione dei processi comunicativi
(Le espressioni della comunicazione; Il messaggio verbale orale; Quando un incontro può ritenersi utile; Stili e profili comunicativi; Il feedback)
Parte II. La comunicazione politica
Capire per comunicare
(La crisi e la trappola della paura; La comunicazione politica e la conoscenza; Comunicazione ed effetti di una proposta politica; La comunicazione politica efficace)
Comunicazione, potere politico e consenso
(Scenari del potere; Politica, potere e dinamiche sociali; Popolo e populismo; Il Popolo e i suoi mondi emozionali; Il mito politico e il populismo; La politica e il dialogo)
La democrazia orizzontale
(Vari tipi di democrazia; Comunicare la democrazia; I quattro assi su cui sviluppare la democrazia orizzontale)
Pino Polistena, Appendice 1. Due parole preliminari sulla semantica del partito
Pino Polistena,
Appendice 2. La costituzionalizzazione dei partiti.