Fuori dal fango. La relazione d'aiuto per superare la violenza di genere
Contributi
Anna Maria Baldelli, Marina Conti, Stefania Guasasco, Caterina Vezzoli
Livello
Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari. Testi per psicologi clinici, psicoterapeuti
Dati
pp. 148,      1a edizione  2016   (Codice editore 1305.235)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19.00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891743350
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891747136
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
L’opera propone un metodo dinamico e performativo per affrontare il fenomeno della violenza di genere e suggerisce alcuni strumenti per migliorare gli interventi d’aiuto e promuovere un reale cambiamento nella vittima. Il testo si rivolge agli operatori delle professioni d’aiuto, interessati a implementare le competenze metodologiche per governare il processo di cambiamento nei rapporti di genere.
Utili Link
Redattoresociale.it Recensione… Vedi...
Presentazione del volume



L'opera propone un metodo dinamico e performativo per affrontare il fenomeno della violenza di genere e suggerisce alcuni strumenti per migliorare gli interventi d'aiuto e promuovere un reale cambiamento nella vittima.
Il volume nasce dell'esperienza di rielaborazione di un percorso di supervisione di un gruppo di operatori di un Centro Antiviolenza e dalla collaborazione professionale delle autrici, l'una psicoterapeuta di scuola junghiana, l'altra assistente sociale esperta in assistenza alle vittime di violenza, criminologia e servizio sociale.
Insieme hanno inteso proporre la loro esperienza teorica ed empirica per fornire un prezioso modello di intervento operativo, che dialoga continuamente con altre proposte di lettura - provenienti da indirizzi teorici diversi - che guardano al fenomeno complesso della violenza.
La rilevanza assunta dalla tematica della violenza domestica è stata posta in relazione sia con le gravi perturbazioni sociali provocate dalla radicalizzazione della religione islamica, sia con gli squilibri del relativismo post-moderno. Si è affrontata la questione delle marginalità socio-culturali dell'occidente, che entrano in gioco nell'alimentare la violenza, per ricondurla alle radici mitiche della nostra società, al fine di più viva partecipazione per il bene comune con la creazione di un modello sociale alternativo di integrazione delle differenze.
Il volume dà spazio anche al tema dell'intercultura, offrendo spunti per una profonda riflessione su come realizzare il dialogo tra le diverse tradizioni per aprirsi al rinnovamento. Il capitolo finale raccoglie inoltre alcune storie anamnestiche di particolare rilevanza ad illustrare i fattori di resilienza implicati nel superare gli eventi traumatici connessi alla violenza familiare.
Il target di lettori cui il testo si rivolge è in primo luogo quello specialistico delle professioni d'aiuto, interessato ad implementare le competenze metodologiche per governare il processo di cambiamento nei rapporti di genere.

Rosanna Rutigliano, psicologa e psicoterapeuta, psicoanalista junghiana, ha svolto per decenni attività di osservazione scientifica della personalità nell'ambito istituzionale con pazienti del Servizio psichiatrico e detenuti in carcere. Specializzata in psicodramma analitico junghiano, in fiaba terapia, è organizzatrice e relatrice a numerosi convegni del settore. Già giudice onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Torino, collabora con varie associazioni onlus che si occupano del disagio sociale, svolgendo attività di supervisione e di formazione. È autrice di numerosi articoli su riviste scientifiche e dei volumi La donna dei sogni. La comunità femminile in carcere come via iniziatica, FrancoAngeli (2004); L'uomo senza paura. Fiabe di individuazione maschile in tossicodipendenti in carcere, Antigone, Torino (2007).

Cinzia Spriano, Assistente Sociale Specialista, lavora presso il Consorzio dei Servizi Sociali C.I.S.S.A.C.A di Alessandria. Socia volontaria del Centro Antiviolenza Me.dea, è formatrice a numerosi convegni e co-progettatrice nella stesura di bandi provinciali, regionali e nazionali. È referente provinciale ai tavoli interistituzionali, creati per monitorare il fenomeno della violenza e per condividere le buone prassi, e referente per i progetti implementati nel campo della violenza e della prostituzione sul territorio alessandrino. È tutor di tirocini per le Università, Servizio Sociale di Asti e Genova. Ha pubblicato Insieme oltre al silenzio, Erickson (2012).

Indice
Ringraziamenti
Caterina Vezzoli, Prefazione
Stefania Guasasco,
Introduzione
Premessa
Il dialogo come antidoto alla frammentazione
(L'interconnessione dei saperi; Saper riconoscere il conflitto; Forme di conduzione; La gerarchia dei ruoli nel gruppo; Il valore sociale della ricerca di senso; Muoversi come nomadi nel flusso di una realtà complessa; Il conflitto spinge a più alte conquiste personali e sociali; Il centro interiore tra incertezze e senso di sé; Confronto professionale e libertà di azione; La co-conduzione: problemi e sviluppi)
Abilità introspettiva e creazione dei legami nel gruppo
(La relazione a fondamento della conoscenza; Nuove inquietudini nella trasformazione dei ruoli; Il potere della cura si manifesta nella cura; Problemi organizzativi ed emozionali nel gruppo di supervisione; Metamorfosi del gruppo; Il legame che crea il gruppo)
Strumenti utilizzati per la trasformazione del gruppo
(Nuovi scenari di intervento professionale; Apertura all'incontro Io/Tu; Tecniche di rilassamento; Motivi e immagini-guida; Role playing; Tecniche dello psicodramma; La fiaba messa in scena; La documentazione professionale; La relazione sociale: sperimentazioni di scrittura professionale; La bussola delle 9 mosse per redigere una buona relazione; L'ecomappa; Il genogrammma; La mappa del viaggio personale)
Il mito produttore di senso
(Figure del mito; Il viaggio attraverso il mito; Endimione, la coscienza crepuscolare; Hermes, o Mercurio; Il labirinto e il controllo delle emozioni negative)
Il furto dell'identità dell'Altro e la violenza in ambito familiare
(La pressione al controllo è nemica della vita; L'ascolto dell'Altro e della sua narrazione; Osservazione generale amnestica; La violenza di genere; Stereotipi: lavoriamo sulla consapevolezza; Ciclicità ed effetti della violenza; Le competenze genitoriali indebolite; La libertà di scelta; Proposte per la riflessione individuale)
Alcuni casi clinici
(Uscire dal fango; Scheda clinica n. 1; Percorsi di sostegno in presenza di violenza assistita; Scheda clinica n. 2)
Intercultura e conflittualità di genere
(I saperi dell'integrazione; Ridefinizione dell'integrazione e peculiarità da indagare; Spunti per un lavoro interculturale; Scheda clinica n. 3)
Conclusioni
Bibliografia
Annamaria Baldelli, Postfazione
Marina Conti,
Postfazione.


  • Psichiatria, neuropsichiatria, neuroscienze, psicofisiologia, psicobiologia
  • Psicologia cognitiva, psicologia della personalità
  • Psicologia sociale, di comunità, politica, ambientale, dell'emergenza, del turismo
  • Scienze e tecniche psicologiche per l'intervento clinico

    Scienze e tecniche psicologiche per il lavoro, l'impresa, le organizzazioni

    Teoria e tecniche dei test, psicometria, psicodiagnostica

    Scienze e tecniche psicologiche dello sviluppo e dell'educazione

    Teoria e tecniche per la riabilitazione

    Prevenzione e clinica delle dipendenze

    Psicologia giuridica, investigativa, forense, criminale, psicologia della devianza

    Psicologia della salute, psicologia del benessere, educazione al benessere

    Psicologia dell’arte e della letteratura, psicologia estetica

    Storia della psicologia

    Professione psicologo

    Servizi di cura


    Pubblicità