Reti delle industrie culturali e creative in Campania. Il contributo delle politiche pubbliche
Contributi
Ivan Cucco, Alessandro De Iudicibus, Nadia Matarazzo, Sara Moccia, Paola Fiorentino, Emanuela Motta, Francesca Caiazzo, Silvio De Majo
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 264,      1a edizione  2017   (Codice editore 365.1157)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 35.00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891753540
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 24.50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891767288
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Alcuni risultati di ricerca dell’Osservatorio Socio-Economico per la valorizzazione del patrimonio culturale a supporto dello sviluppo locale del Progetto SNECS (Social Network delle Entità dei Centri Storici). In particolare il lavoro prende in esame lo studio dell’industria culturale e creativa (ICC) in Campania, che ha goduto di larghi finanziamenti pubblici che non sempre hanno avuto l’effetto di incrementare l’effettiva collaborazione fra i vari soggetti coinvolti.
Presentazione del volume

Il volume raccoglie alcuni risultati di ricerca dell'Osservatorio Socio-Economico per la valorizzazione del patrimonio culturale a supporto dello sviluppo locale del Progetto SNECS (Social Network delle Entità dei Centri Storici) finanziato sul PON Ricerca e Competitività 20007-2013 e condotto nell'ambito delle attività del Distretto DataBenc.
Il lavoro si compone di tre parti. Nella prima si intende fornire, sotto il profilo teorico, metodi di valutazione, utilizzando la Social Network Analysis, delle politiche pubbliche volte a favorire la cooperazione fra diversi attori nel settore della Cultura, analizzando le caratteristiche di rete che presentano maggiori probabilità di produrre, per i soggetti privati, convenienza a partecipare alla rete. L'efficacia della partecipazione alla rete viene valutata sia in un'ottica pubblica sia in un'ottica privata. Di conseguenza, viene condotta un'analisi empirica sullo studio dell'industria culturale e creativa (ICC) in Campania, che ha goduto di larghi finanziamenti pubblici. Si evidenzia come questi ultimi non sempre hanno avuto l'effetto di incrementare l'effettiva collaborazione fra i vari soggetti. I risultati ottenuti, infatti, mostrano che non solo la gran parte dei progetti finanziati dal PON&RC non ha dato vita a reti, ma che le poche reti create con sostegno pubblico nel settore ICC in Campania sono molto poco dense e, in esse, gli attori privati hanno un ruolo relativamente poco attivo.
Nella seconda parte del volume viene sviluppata una analisi di "rete informale", caratterizzata da collaborazioni informali, spesso nate dal basso, nel tentativo di confrontare i risultati ottenuti da tali forme di cooperazione con quelle della prima parte del lavoro, in cui le reti sono il risultato di aggregazioni dettate da una "politica pubblica". Si è analizzato il caso delle reti degli artisti-curatori e degli spazi espositivi (nel settore delle arti figurative) in Campania caratterizzati dalla localizzazione geografica nella provincia di Napoli. In questo caso sembra potersi evidenziare come la collocazione del singolo artista nelle diverse reti abbia un effetto sulla sua rilevanza reputazionale, con un effetto di incentivo a incrementare il proprio capitale sociale attraverso diverse forme di cooperazione.
Nell'ultima parte di questo volume si presenta un'interessante analisi storica del settore della pasta a Gragnano (tipico prodotto idiosincratico caratterizzato da una forte identificazione con la storia e la cultura di un luogo). L'analisi parte dall'800 ed arriva ai giorni nostri. Viene evidenziato come l'ambiente culturale creatosi intorno al settore ne abbia favorito la crescita. Le caratteristiche evidenziate mostrano come, per Gragnano, si possa parlare con certezza di un distretto "evoluto" della pasta.

Massimo Marrelli, PhD in Economics presso York (UK), Professore emerito di Scienze delle Finanze presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II". Autore di numerose pubblicazioni in tema di economia della Cultura.

Alfredo Del Monte, Professore ordinario di Economia Industriale dal 1987 presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II". L'attività di ricerca riguarda temi di sviluppo economico, organizzazione e politica industriale, regolamentazione del settore dei pubblici servizi e dell'economia della corruzione. Su questi temi ha pubblicato sette libri ed oltre 150 articoli su riviste italiane ed estere.

Indice
Alfredo Del Monte, Massimo Marrelli, Prefazione
Massimo Marrelli, Ivan Cucco, Alessandro De Iudicibus, Nadia Matarazzo, Sara Moccia, Le reti delle industrie culturali e creative in Campania: il contributo delle politiche pubbliche
(Obiettivi e rilevanza della ricerca; Studi di settore sulle Industrie Culturali e Creative e perimetro di riferimento; Metodologie di Social Networks Analysis per l'analisi statistica delle reti collaborative; Politiche pubbliche e fondi strutturali: Descrizione politica e finanziamenti; Costruzione e descrizione della banca dati; Risultati; Conclusioni e obiettivi futuri)
Paola Fiorentino, Massimo Marrelli, Emanuela Motta, Le reti e il capitale sociale nell'arte a km 0: il caso delle arti visive a Napoli
(Presentazione; Introduzione; Il Database; Le reti; Topologia della rete ed effetti sul mercato; Conclusioni)
Silvio de Majo, Identità produttiva, cultura e creatività nella storia della pasta di Gragnano
(Introduzione; La formazione dell'identità produttiva tra XVII e XIX secolo; L'affermazione dell'identità produttiva nell'età aurea (1890-1913); La crisi dei pastifici tra le due guerre mondiali; Gragnano nella morsa della selezione naturale degli anni Cinquanta-Settanta; La ricomposizione dell'identità produttiva nell'ultimo ventennio del Novecento; Cultura e creatività per il trionfo dell'identità di Gragnano nel nuovo millennio)
Francesca Caiazzo, Gragnano, città di pastifici. Il sito web
Gli autori.