Media Culture Design. Introduzione alla cultura dei media per il design della comunicazione
Autori e curatori
Contributi
Derrick de kerckhove
Livello
Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 186,   2a ristampa 2019,    1a edizione  2017   (Codice editore 313.3.7)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 16.50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891760272

In breve
Il volume tenta di identificare i caratteri progettuali che hanno scandito momenti di passaggio, cambiamento e innovazione nel tessuto sociale e nel Design. L’individuazione dei meccanismi e dei pattern alla base di questi fenomeni inscrive la cultura del progetto di comunicazione in una dimensione cooperativa tra discipline, innescando inedite connessioni... I contenuti mediali e i mezzi di comunicazione diventano così il punto di partenza per un Design che possa riflettere su sé stesso e sull’ibridazione delle sue possibilità critiche e operative.
Presentazione del volume

Affrontare in modo critico temi quali il passaggio dall'oralità alla scrittura, l'evoluzione dei media, la nascita e lo sviluppo della società in rete, le retoriche digitali e transmediali, i paradigmi della convergenza e della rimediazione, le teorie di costruzione della conoscenza bottom-up, la formazione delle audience e l'emergenza del prosuming, la cultura Hacker e quella Maker, gli aspetti di policy e licensing open source, e molteplici altri concetti propri di differenti culture, aiuta a identificare i caratteri progettuali che hanno scandito e continuano a segnare momenti di passaggio, cambiamento e innovazione nel tessuto sociale e nel Design. L'individuazione dei meccanismi e dei pattern alla base di questi fenomeni inscrive la cultura del progetto di comunicazione in una dimensione cooperativa tra discipline, innescando inedite connessioni tra conoscenze e pratiche emergenti, tra linguaggi e tecniche di traduzione, tra professionisti e pubblici partecipi. I contenuti mediali e i mezzi di comunicazione diventano così il punto di partenza per un Design che possa riflettere su sé stesso e sull'ibridazione delle sue possibilità critiche e operative.

Matteo Ciastellardi Ricercatore Senior presso la Scuola del Design del Politecnico di Milano, è docente dei corsi di Sociologia dei Media e Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi. Dopo una Laurea in Filosofia sugli aspetti teoretici delle architetture della rete e un Dottorato di Ricerca in Disegno Industriale con una tesi sulla gestione bottom-up dell'informazione online, è stato Research Fellow a Toronto presso il McLuhan Program in Culture and Technology, diretto da Derrick de Kerckhove, e successivamente Senior Research Fellow presso l'Internet Interdisciplinary Institute - IN3, centro di ricerca dell'Università Oberta de Catalunya diretto da Manuel Castells. Vincitore del bando Rita Levi Montalcini per il "rientro dei cervelli", è tornato in Italia dove svolge attività di ricerca presso il Politecnico di Milano su temi che riguardano principalmente la cultura dei media nel Design della Comunicazione e le modalità grassroots e swarm nella progettazione dell'informazione in rete, con particolare interesse per i modelli emergenti dei social network e la progettazione transmediale. È Editor in Chief dell'International Journal of Transmedia Literacy e autore di diversi contributi scientifici, tra cui due monografie: Le architetture Liquide (2009) e La gestione bottom-up dell'informazione in rete (2017).

Indice
Prefazione. Derrick de Kerckhove, La cultura del progetto in un mondo a più schermi
Il mezzo... e i messaggi. Il progetto di comunicazione dall'oralità primaria al thumbtexting
(Comprendere i media; Il Design dall'acustico al visuale verso la terza oralità; La cultura del progetto dalla galassia Gutenberg alla Tripla Rivoluzione)
Progettare per le tribù del villaggio globale
(Mass-cast. Le audience e il progetto; Il cambio delle audience: il design tra convergenza e partecipazione; Sciamani e artigiani: la progettazione dall'intelligenza connettiva alla cultura maker)
Il progetto dei nuovi media. Liquido, visuale, grassroots
(Dalla griglia alla rete: design tra complessità ed emergenza; Total surround: il progetto di comunicazione nei social media; Disegnare la mappa dell'impero. Big Data e l'imperativo visuale)
La connessione profonda. Schede didattiche online
(Design for Sharing - Economica. Dalla lunga coda ai crowd-model; Design Activism - Politica. Dall'attivismo all'oclocrazia digitale; Participative Design - Pedagogica. Cultura convergente e alfabetizzazione transmediale; Visual Design - Estetica. Letteratura digitale e nuova techné)
Bibliografia.