Tecnodiritto. Temi e problemi di informatica e robotica giuridica
Autori e curatori
Contributi
Bruno Barel, Alberto Lupoi, Enrico Maestri, Letizia Mingardo, Silvio Riondato, Paolo Sommaggio, Anna Chiara Zanuzzi
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 224,      1a edizione  2017   (Codice editore 503.23)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25.00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891760500

In breve
I giuristi che qui presentano i propri lavori riflettono criticamente e in forma interdisciplinare su vari aspetti del tecnodiritto, ossia del diritto nella dimensione tecnico-informatica dell’uomo contemporaneo. È una declinazione della filosofia del diritto, ma anche il luogo di un dialogo per la costruzione di future professionalità digitali.
Presentazione del volume

Le forme della tecnica che hanno determinato le più rivoluzionarie trasformazioni pratiche e sociali negli ultimi anni sono sicuramente quelle informatica e telematica, la cui accelerazione ha ormai sorpassato la possibilità della scienza di riflettere su di esse o elaborarne una teoria. Anzi, la crisi della scienza occidentale ha dimostrato che essa non è, forse, una conquista irreversibile, ma un evento storico singolare e limitato nel tempo e nello spazio, mentre la tecnologia è più originaria ed è parte strutturale dell'essenza dell'uomo. Pertanto, è su queste basi teoriche e con riferimento alle produzioni provenienti dalle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, nonché dalla robotica e dall'intelligenza artificiale, che, oggi, è parso opportuno tematizzare e problematizzare alcune delle questioni giuridiche più attuali poste dalla sfida tecnologica dell'epoca contemporanea: la trasformazione digitale dell'avvocato ibrido; la tutela dei diritti nel data mining; la legge applicabile nei contratti elettronici; le implicazioni del diritto penale nella robotica; le relazioni tra Internet of things e privacy; l'evoluzione delle Online Dispute Resolution; l'ordine informatizzato dei mercati finanziari; la lex informatica come nuova fonte del diritto; il cloud computing.
I giuristi che qui presentano i propri lavori riflettono criticamente e in forma interdisciplinare su vari aspetti del tecnodiritto, ossia del diritto nella dimensione tecnico-informatica dell'uomo contemporaneo. È una declinazione della filosofia del diritto, ma anche il luogo di un dialogo per la costruzione di future professionalità digitali.

Paolo Moro è professore ordinario di Filosofia del Diritto nell'Università degli Studi di Padova (sede di Treviso). In questa collana ha curato i volumi Etica Informatica Diritto (Milano 2008) e Il Diritto come Processo (Milano 2012) e ha pubblicato la monografia Alle origini del nómos nella Grecia classica (Milano 2014).

Claudio Sarra è professore associato di Filosofia del Diritto nell'Università degli Studi di Padova. Per questa collana ha pubblicato la monografia Lo Scudo di Dioniso. Contributo allo studio della metafora giuridica (Milano 2010) e ha curato con Paolo Moro il volume Positività e giurisprudenza. Teoria e prassi nella formazione giudiziale del diritto (Milano 2012).

Indice
Paolo Moro, Claudio Sarra, Introduzione
Paolo Moro, L'avvocato ibrido. Tecnodiritto e professione forense
Claudio Sarra, Business Intelligence ed esigenze di tutela: criticità del c.d. Data Mining
Bruno Barel, Le clausole di scelta di legge e di scelta del foro nei contratti elettronici B2C
Silvio Riondato, Robot: talune implicazioni di diritto penale
Anna Chiara Zanuzzi, Internet of things e privacy. Sicurezza e autodeterminazione informativa
Letizia Mingardo, Online Dispute Resolution. Involuzioni ed evoluzioni di telematica giuridica
Alberto Lupoi, Dal mercato "alle grida" al Sistema Multilaterale: l'ordine tecnico
Enrico Maestri, Lex informatica e soft law. Le architetture normative del cyberspazio
Paolo Sommaggio, Dalla scrivania alla nuvola e ritorno. Riflessioni filosofi co-giuridiche sul cloud computing
Gli autori.