Reinventare i luoghi della cultura contemporanea. Nuovi spazi, nuove creatività, nuove professioni, nuovi pubblici
Contributi
Ilaria Giuliani, Paolo Dalla Sega, Andrea Rebaglio, Massimiliano Tarantino, Bertram Niessen, Roberta Ferraresi, Francesca Serrazanetti, Carlo Testini, Davide D'Antonio, Alessandro Pontremoli, Domenico Di Noia, Alessandro Mazzone, Nicola Ciancio, Filippo Del Corno, Bruna Gambarelli, Fabio Pascapè, Paolo Aniello, Fanny Bouquerel, Ada Arduini, Dalia Macii, Emanuela Bizi, Antonio Taormina, Giulio Stumpo, Alessandro Bollo, Marco Gambaro, Davide Lorenzo Palla, Carla Peirolero, Stefania Minciullo, Giovanna Crisafulli, Luca Mazzone, Davide Bazzini, Umberto Angelini, Pietro Floridia, Andrea Mochi Sismondi, Massimo Mazzone, Nicola Capone, Andrea De Goyzueta, Renato Quaglia, Felicita Platania
Livello
Testi per professional
Dati
pp. 162,      1a edizione  2017   (Codice editore 31.3)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,00
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 12,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 12,99
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Gli spazi della cultura stanno cambiando. I cinema, i teatri, le biblioteche, i musei erano luoghi deputati a un’unica funzione. Emergono nuove tipologie di spazi, che accolgono diverse discipline e soprattutto diverse funzioni: dall’intrattenimento alla formazione, dall’affiancamento delle start up alle residenze per artisti, alla vendita di prodotti e a vari servizi. Frutto di due anni di ricerca e di incontri nell’ambito delle Buone Pratiche del Teatro, il libro indaga un cambiamento che investe sia la collettività sia gli individui.
Presentazione del volume

Gli spazi della cultura stanno cambiando. I cinema, i teatri, le biblioteche, i musei erano luoghi deputati a un'unica funzione. Emergono nuove tipologie di spazi, che ne accolgono diverse: dall'intrattenimento alla formazione, dall'affiancamento delle start up alle residenze per artisti (e non solo), alla vendita di prodotti e a vari servizi. Hanno spesso una vocazione sociale e svolgono un ruolo importante nella riqualificazione urbana e nei processi di integrazione.
Dopo l'avvento del digitale, questa evoluzione riflette un diverso atteggiamento del pubblico nei confronti della cultura, ma anche profondi cambiamenti della vita sociale, della convivialità e della nostra stessa identità: si abbassano le barriere tra vita pubblica e vita privata, tra tempo libero e tempo del lavoro, tra cultura e divertimento.
Questo libro, frutto di due anni di ricerca e di incontri nell'ambito delle Buone Pratiche del Teatro, indaga un cambiamento che investe sia la collettività sia gli individui. I creatori di questi spazi, provenienti da varie zone d'Italia, raccontano le loro esperienze, innovative e spesso partecipative. Vengono chiamati in causa diversi saperi: dallo spettacolo, all'urbanistica, architettura e design, senza dimenticare l'impatto di questa "rivoluzione dei luoghi" sulla politica culturale delle pubbliche amministrazioni.

Con contributi di Umberto Angelini, Paolo Aniello, Ada Arduini, Davide Bazzini, Emanuela Bizi, Alessandro Bollo, Fanny Bouquerel, Nicola Capone, Andrea De Goyzueta, Nicola Ciancio, Giovanna Crisafulli, Paolo Dalla Sega, Davide D'Antonio, Filippo Del Corno, Domenico Di Noia, Roberta Ferraresi, Pietro Floridia, Bruna Gambarelli, Marco Gambaro, Ilaria Giuliani, Dalia Macii, Alessandro Mazzone, Luca Mazzone, Massimo Mazzone, Stefania Minciullo, Andrea Mochi Sismondi, Bertram Niessen, Davide Lorenzo Palla, Carla Peirolero, Fabio Pascapè, Felicita Platania, Alessandro Pontremoli, Renato Quaglia, Andrea Rebaglio, Francesca Serrazanetti, Giulio Stumpo, Antonio Taormina, Massimiliano Tarantino, Carlo Testini.

Cristina Carlini, dopo gli studi al DAMS di Padova e alla Scuola "Paolo Grassi" di Milano, si è specializzata nell'area della progettazione, dell'advocacy e dell'attività internazionale. Per C.Re.S.Co. sta progettando il "Desk per l'internazionalizzazione dello spettacolo dal vivo".

Mimma Gallina organizzatore, direttore e consulente di teatri, compagnie, amministrazioni pubbliche e fondazioni, è docente alla Scuola "Paolo Grassi". Per FrancoAngeli è autrice di Ri-organizzare teatro (2014 e 2016).

Oliviero Ponte di Pino, a lungo nell'editoria e nel giornalismo, ha fondato nel 2001 ateatro.it, cura il programma di Bookcity Milano e conduce Piazza Verdi (Rai3). Presso la FrancoAngeli è coautore con Giulia Alonzo di Dioniso e la nuvola (FrancoAngeli, 2017) e con Mimma Gallina di Le Buone Pratiche del Teatro (2014) e Oltre il Decreto (2016).

Indice
Introduzione. I nuovi luoghi della cultura: caratteristiche, opportunità, criticità
(Una galassia multiforme...; ... ma con alcune caratteristiche distintive; Il trend: il bando Culturability; Questo libro; Il progetto continua)
MilanoCORTEmporanea
(Il metodo ateatro; La nuova geografi a degli spazi culturali di Milano; "MilanoCORTEmporanea". La presentazione del progetto; Una mutazione non solo culturale; I luoghi della cultura: evoluzione degli spazi ed innovazione sociale. #BP2016 Prologo per #MilanoCORTEmporanea | Nuovi spazi nuove creatività; Gioca la città. Che cosa è la cultura contemporanea?; Ilaria Giuliani, Milano e l'innovazione culturale; Cristina Carlini, Una tendenza, quale futuro?; Cristina Carlini, BASE Milano; Cristina Carlini, Mare Culturale Urbano; Cristina Carlini, Santeria)
Nuovi spazi, nuove creatività, nuove professioni, nuovi pubblici
(Le Buone Pratiche del Teatro; Le Buone Pratiche del Teatro. Nuovi spazi, nuove creatività, nuove professioni, nuovi pubblici. Il documento di convocazione e il programma; Il sapore del futuro. La guida gastronomica di Perfida de Perfidis; Dalla giornata del 4 marzo ai percorsi urbani)
Modelli e sostenibilità
(Paolo Dalla Sega, La natura degli spazi culturali; Andrea Rebaglio, Modelli e sostenibilità: per una tassonomia dei nuovi spazi; Massimiliano Tarantino, Il nodo della sostenibilità; Bertram Niessen, Potenzialità e carenze dei nuovi modelli; Roberta Ferraresi, I "laboratori del nuovo" nella cultura italiana del Novecento: dalla ricostruzione alla contestazione, e oltre; Francesca Serrazanetti, Riprogettare l'identità degli spazi; Carlo Testini, L'ARCI di fronte ai cambiamenti)
Nuovi linguaggi per nuovi spazi
(Davide D'Antonio, Il ruolo delle residenze teatrali; Alessandro Pontremoli, Il terzo paesaggio della danza; Domenico Di Noia, Il cinema come esperienza culturale; Alessandro Mazzone, La creatività culturale in campo musicale; Nicola Ciancio, Modelli ibridi e aggregatori: lo spazio pubblico e il caso Non Riservato)
Le politiche culturali e il rapporto con la città
(Filippo Del Corno, La sinergia pubblico-privato nella riqualificazione degli spazi a Milano; Bruna Gambarelli, Co-progettare cultura; Fabio Pascapè, I commons e le politiche del Comune di Napoli)
Confronti internazionali
(Cristina Carlini, EuropaCORTEmporanea: evoluzione degli spazi, tendenze e scenari; Paolo Aniello, I modelli internazionali di Mare Culturale Urbano; Fanny Bouquerel, A sud del Mediterraneo: spazi indipendenti e spazio pubblico; Ada Arduini, Trans Europe Halles; Dalia Macii, Gli Impact Hub)
Prospettiva lavoro
(Emanuela Bizi, Per una nuova politica del lavoro culturale; Antonio Taormina, Formare alle nuove competenze; Giulio Stumpo, Luoghi in cui sperimentare nuove forme di distribuzione del reddito)
Pubblici orizzontali e verticali
(Alessandro Bollo, L'audience development e il fattore luogo; Marco Gambaro, I consumi del tempo libero; Davide Lorenzo Palla, Il pubblico di Shakespeare nei bar; Carla Peirolero, Un mercato multi-culturale)
Casi e territori
(Stefania Minciullo, Roma e i suoi nuovi spazi; Giovanna Crisafulli, Laboratori urbani in Puglia; Luca Mazzone, Forme di resilienza in Sicilia; Davide Bazzini, Le Case del Quartiere; Dalia Macii, Impact Hub Trentino; Umberto Angelini, Uovo, Teatro Grande, Crt La Triennale; Ada Arduini, Interzona; Pietro Floridia, Cantieri Meticci; Andrea Mochi Sismondi, Atelier Si; Massimo Mazzone, MAAM Museo dell'Altro e dell'Altrove; Nicola Capone, Andrea De Goyzueta, Ex Asilo Filangieri; Renato Quaglia, FOQUS - Fondazione Quartieri Spagnoli; Felicita Platania, Associazione Zo)
Oliviero Ponte di Pino,
Conclusione. Passaggi, prototipi
Ringraziamenti
Bibliografia
Sitografia.

Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo

Pubblicazioni in Open Access