La società possibile. Una lettura del Contrat social di Jean-Jacques Rousseau
Autori e curatori
Collana
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 318,      1a edizione  2018   (Codice editore 230.104)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 35.00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 24.50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 24.50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Il volume offre una lettura del Contrat social di Rousseau, il testo che delinea il progetto possibile, sebbene non attuabile qui ed ora, di una Repubblica costruita sul patto normativo. Creando una comunità cooperativa, il contratto sociale trasforma gli individui in cittadini in un modo che richiama il ruolo del Legislatore, una sorta di mediatore politico e sociale tra le varie componenti dello Stato; il problema della convivenza politica trova così nuove e originali risposte.
Presentazione del volume

Rivisitando in una cifra del tutto originale le correnti più significative della filosofia politica moderna (giusnaturalismo, contrattualismo, repubblicanesimo), il Contrat social delinea il progetto possibile, sebbene non attuabile qui ed ora, di una Repubblica costruita sul patto normativo. Se il giusnaturalismo rintraccia nel diritto naturale la base pre-politica necessaria al patto, Rousseau cambia paradigma, individuando nella libertà e nell'uguaglianza gli elementi costitutivi della natura umana.
Creando una comunità cooperativa, il contratto sociale trasforma gli individui in cittadini in un modo che richiama il ruolo del Legislatore, una sorta di mediatore politico e sociale tra le varie componenti dello Stato; il problema della convivenza politica trova così nuove e originali risposte.
La Repubblica si fonda sulla sovranità (radicata nel rapporto di reciprocità con i sudditi) e sulla volontà generale, non traducibile in semplici termini numerici; Rousseau la definisce più volte "costante" per sottolineare come essa sia l'unica garanzia di una società che si occupi del bene comune, andando oltre gli interessi individuali che tuttavia la costituiscono.
Un ruolo importante nel Contrat giocano i capitoli sui governi e sulle magistrature romane, i quali, senza porsi in contraddizione con il resto dell'opera, svolgono temi che vanno oltre la sfera della normatività. Ritorna invece su questo terreno l'ultimo capitolo sulla religione civile, che individua nella sociabilité il fondamento della cittadinanza repubblicana.

Annamaria Loche è stata docente di Filosofia politica nell'Università di Cagliari. Si occupa del pensiero politico moderno francese e inglese, di alcuni temi della filosofia politica contemporanea e degli aspetti filosofico-politici della distopia degli ultimi decenni. Presso i nostri tipi ha pubblicato, tra l'altro, Jeremy Bentham e la ricerca del buongoverno (1991); Moralità del diritto e morale critica. Saggio su Herbert Hart (1997); Immagini dello stato di natura in Jean-Jacques Rousseau (2003).

Indice
Abbreviazioni
Avvertenza
Ringraziamenti
Introduzione
Il problema del giusnaturalismo nel Contrat social
(Giusnaturalismo e contrattualismo; Le critiche al giusnaturalismo nel Discours sur l'inégalité; Il Manoscritto di Ginevra: società generale del genere umano e diritto naturale ragionato; Forme del giusnaturalismo nel Contrat social)
Libertà e uguaglianza
(Libertà e uguaglianza nel giusnaturalismo di Rousseau; Premesse teoriche delle tesi di Rousseau: libertà e uguaglianza tra Hobbes e Montesquieu; Libertà; Uguaglianza)
Il patto
(Politica e convenzione; Il patto nel Discours sur l'inégalité; La famiglia e il modello della società convenzionale; Le società ingiuste; Il patto nel Contrat social)
Sovranità e volontà generale
(La sovranità; La volontà generale)
Le leggi, il Legislatore, il popolo
(La legge e le leggi; Il Legislatore; Il popolo e la legislazione)
La gestione dello Stato
(Il governo; Le forme di governo; Istituzione e degenerazione del governo)
Le istituzioni di Roma e la Repubblica possibile
(La Repubblica e la volontà generale; La centralità della volontà generale; Le istituzioni della repubblica romana; La Censura e la religione civile)
Indice dei nomi.