Regionalità. Il concetto di regione nell'Italia del secondo dopoguerra (1943-1970)
Autori e curatori
Collana
Livello
Dati
pp. 268,      1a edizione  1984   (Codice editore 620.48)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 36.50
Condizione: fuori catalogo
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788820443566

Presentazione del volume

Indice

• Introduzione
• Autonomisti e federalisti: il regionalismo: Autonomismo e regionalismo dei Cln locali
• Separatismo ed autonomismo: le regioni ad ordinamento speciale;
* federalismo e regionalismo. "L'Unità europea" e l'ispirazione cattaneana
• Il federalismo nazionale: "Il Cisalpino"
• Federalismo e regionalizzazione. la proposta di Adriano Olivetti
• I nomi regionali
• Il regionalismo alla verifica istituzionale: Ambiguità della "Relazione alla Assemblea costituente".
• Il dibattito della seconda sottocommissione
• Il contributo disciplinare
• Tradizionalità delle forze politiche;
*..cauta evoluzione della geografia
• Centrismo e centralismo: Continuità del centralismo
• La pianificazione del paesaggio geografico
• Il ragionalismo meridionalista di Grieco
• Primo Ipotesi di programmazione: Liberismo e programma economico a lungo termine
• Le ragioni di piano
• Miracolo economico e schema Vanoni
• Contraddizioni nella geografia: nuova sensibilità e tradizionalismo
• Crisi del centralismo
• Piano e programma: Aree omogenee e regione economica
• Disagio delle periferie
• Regioni geografiche e comprensori di piano
• La regionalizzazione sociale Pianificazione e regionalizzazione: Centro-sinistra e nuovo corso economico
• Partizione statistica e aree economiche
• Primo programma quinquennale e regionalizzazione
• Immutate regionalità
• Progetto '80 e attuazione delle regioni.