I bambini degli altri. Il percorso adottivo tra clinica e ricerca nell'area materno infantile
Contributi
Chiara Fusco, Daniela Ferrone, Maria Carmela Napolitano, Andrea Cece, Giuseppe Cafariello, Maria Rosaria De Monte, Rosa Pizza, Filomena Tuccillo, Michela Saviano
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 246,      1a edizione  2018   (Codice editore 1240.416)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 30.00
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Compito dei professionisti della trasversalità è di promuovere un’adozione che tenga conto della vulnerabilità evolutiva del minore e che ne rispetti le competenze preesistenti all’atto adottivo, garantendo una continuità esistenziale che non sia dimentica della storia pregressa di ogni bambino. Questo volume descrive nei dettagli la possibilità di seguire nei servizi territoriali questo percorso.
Presentazione del volume

Tema centrale del libro è quello della genitorialità adottiva. La mission che lo sottende è riuscire a formalizzare quanto in natura gli affetti ci suggeriscono da sempre: la possibilità di scegliere e scegliersi responsabilmente, attraverso una disponibilità scevra da aspirazioni idealizzanti, libera da forzature di carattere manipolativo.
Al centro di ogni proposito è dunque posto il bambino, i suoi bisogni evolutivi, la dignità di coloro che sono veramente pronti ad amarlo senza condizioni. Nella prospettiva di nuove geometrie, la genitorialità diventa esercitabile travalicando i confini dell'essere padre e dell'essere madre nell'accezione biologica, per accogliere bambini reali e non immaginari, rispettare le loro naturali attitudini, sostenere i loro bisogni nella cornice di un progetto adottivo praticabile, che preservi le origini, la provenienza etnica, il credo religioso, l'identità culturale e di genere, in tutte le sue declinazioni ed espressioni.
Compito dei professionisti della trasversalità è dunque promuovere un'adozione che tenga conto della vulnerabilità evolutiva del minore e che ne rispetti le competenze preesistenti all'atto adottivo, garantendo una continuità esistenziale che non sia, dunque, dimentica della storia pregressa di ogni bambino.
Questo volume descrive nei dettagli la possibilità di seguire nei servizi territoriali questo percorso. Integrando l'osservazione e la ricerca con un contributo esperienziale che, in questi anni, ha favorito la pianificazione di protocolli operativi praticabili, il testo propone un modello di contenitore istituzionale flessibile, animato da operatori resilienti, che hanno fatto del lavoro di rete, dell'integrazione e dei protocolli d'intesa, la massima espressione della loro professionalità.

Michela Di Fratta, dirigente psicologo psicoterapeuta U.O.C. Prevenzione e Cura delle Patologie della Donna e del Bambino - Referente Percorso Abuso e Maltrattamento Minori per il Dipartimento Integrato Materno Infantile Asl Na3sud, Resp.le G.I.L.1 Area Vesuvio Est, Coord. Equipe Integrata Adozioni Ambiti N23/N26.

Anna Esposito, pediatra, neonatologa, igienista, direttore del Dipartimento Integrato Materno Infantile Asl Na3sud, direttore della U.O.C. Prevenzione e Cura delle Patologie della Donna e del Bambino Asl Na3sud.

Paolo Valerio, professore ordinario di Psicologia Clinica presso l'Università di Napoli Federico II, direttore del Centro di Ateneo SInAPSi, presidente della Fondazione Genere Identità e Cultura e dell'Osservatorio Nazionale sull'Identità di Genere.

Indice
Paolo Valerio, Presentazione
Michela Di Fratta, Anna Esposito, Paolo Valerio, Premessa
Michela Di Fratta, Anna Esposito, Chiara Fusco, Introduzione al proposito adottivo
(L'evoluzione di un desiderio; Seguendo una linea guida)
Michela Di Fratta, Anna Esposito, Il progetto adottivo tra gioco e realtà: storia di un'antica controversia
(Sostenere la genitorialità nell'Area Materno Infantile)
Michela Di Fratta, Dalla parte del bambino
(L'adozione del minore abusato: storia di un bambino con bisogni speciali; Un percorso, il servizio, la stanza; Dario, un bambino nato vecchio)
Michela Di Fratta, Paolo Valerio, Il counselling di gruppo
(La buona pratica di gruppo: audit, intervisione e mediazione; Un corpo elastico emittente: il gruppo; Il gruppo come spazio trasformativo; Il gruppo come metafora della circolarità; I gruppi come onde di frequenza; Il gruppo come spazio intermedio; Il gruppo e la sua lingua)
Michela Di Fratta, Daniela Ferrone, Maria Carmela Napolitano, Immagini e parole. Un'esperienza di mediazione emotiva e formativa
(Immagini ed emozioni nel percorso adottivo; Vedere, sentire, comprendere; Quando una casa famiglia media la formazione)
Michela Di Fratta, Andrea Cece, L'osservazione clinica per sostenere la genitorialità
(L'integrazione praticabile; Storie di cattiva genitorialità; Abusare il corpo, abusare l'identità; Verso una genitorialità competente; Jacopo: dall'abuso al dilemma esistenziale; Ricordi, sogni, riflessioni)
Michela Di Fratta, Giuseppe Cafariello, Maria Rosaria De Monte, Osservare e sostenere la genitorialità nel percorso adottivo
(Orientare all'adozione secondo un modello integrato; Orientare all'adozione nell'Area Materno Infantile; Il percorso psicologico di approfondimento; La relazione psicologica; Stili e procedure nella conduzione dell'approfondimento psicologico; La formazione di gruppo in materia di adozione; Come scrivere per sostenere l'adozione; La resistenza al cambiamento a partire dalle istituzioni)
Michela Di Fratta, Giuseppe Cafariello, Rosa Pizza, Note, emozioni e pensieri. L'esperienza clinica nella supervisione di un gruppo
(Dall'ispirazione alla riflessione condivisa; Note e armonie in supervisione: storia di un ragazzo invisibile; La Grande Madre; La supervisione come contenitore istituzionale)
Michela Di Fratta, Filomena Tuccillo, Una ricerca di ispirazione clinica
(L'oggetto privilegiato: il protocollo dell'osservatore; Metodologia di studio e ricerca; Strumenti e procedura; Finalità e risultati attesi; Strategie di analisi; Risultati; Interpretazione ed esiti della ricerca; Prospettive di intervento)
Michela Di Fratta, Giuseppe Cafariello, Filomena Tuccillo, Michela Saviano, La vita dopo l'adozione: storie di ordinaria genitorialità
(Genitorialità mite, genitorialità aperta; Il dirupo dell'adozione; L'adozione tra sogni e bisogni; In nome del Padre)
Michela Di Fratta, Conclusioni
Ringraziamenti
Riferimenti bibliografici
Glia autori.


  • Psichiatria, neuropsichiatria, neuroscienze, psicofisiologia, psicobiologia
  • Psicologia cognitiva, psicologia della personalità
  • Psicologia sociale, di comunità, politica, ambientale, dell'emergenza, del turismo
  • Scienze e tecniche psicologiche per l'intervento clinico

    Scienze e tecniche psicologiche per il lavoro, l'impresa, le organizzazioni

    Teoria e tecniche dei test, psicometria, psicodiagnostica

    Scienze e tecniche psicologiche dello sviluppo e dell'educazione

    Teoria e tecniche per la riabilitazione

    Prevenzione e clinica delle dipendenze

    Psicologia giuridica, investigativa, forense, criminale, psicologia della devianza

    Psicologia della salute, psicologia del benessere, educazione al benessere

    Psicologia dell’arte e della letteratura, psicologia estetica

    Storia della psicologia

    Professione psicologo

    Servizi di cura


    Pubblicità