Tra amicizia e solidarietà antifranchista. Giorgio Agosti, Franzo Grande Stevens e José Martínez
Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 262,      1a edizione  2019   (Codice editore 985.38)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 30.00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 21.00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Quella tra José Martínez, Giorgio Agosti e Franzo Grande Stevens è la storia di un’amicizia all’insegna dell’antifascismo e della solidarietà. La storia di un gruppo che seppe intessere con gli esuli spagnoli, sostenendoli anche finanziariamente, un legame di affetto e collaborazione, come emerge dalla ricca scelta delle lettere scambiate per più di due decenni tra i tre protagonisti.
Presentazione del volume

Quella tra José Martínez, Giorgio Agosti e Franzo Grande Stevens è la storia di un'amicizia all'insegna dell'antifascismo e della solidarietà. Martínez, giovanissimo combattente nella guerra civile spagnola, è il direttore di Ruedo Ibérico, una delle case editrici più significative dell'esilio antifranchista a Parigi. Negli anni Sessanta conosce Giorgio Agosti - commissario politico regionale delle formazioni partigiane Giustizia e Libertà durante la Resistenza e questore di Torino alla Liberazione - che in quegli anni anima la rivista "Resistenza", capace di attrarre nella sua orbita anche generazioni più giovani, come quella rappresentata dal poco più che trentenne Franzo Grande Stevens, arrivato a Torino da Napoli. Il gruppo intesse con gli esuli spagnoli, sostenendoli anche finanziariamente, un legame di collaborazione e affetto, che emerge da una ricca scelta delle lettere scambiate per più di due decenni tra i tre protagonisti.

Alessio Bottai è dottore di ricerca in storia contemporanea presso l'Università degli studi di Torino e la Universitat de Vàlencia. Si occupa di storia politica e culturale dell'Italia e della Spagna del Novecento. Ha condotto le sue ricerche tra Italia, Olanda e Spagna. Attualmente collabora con il Dipartimento di lingue e letterature straniere e culture moderne dell'Università degli studi di Torino e con il Centro studi Piero Gobetti.

Indice
Franzo Grande Stevens, Prefazione
Introduzione
Gli azionisti torinesi
(Giorgio Agosti e l'ambiente azionista torinese; Giorgio Agosti dopo il "tempo del furore": un impegno civile e culturale; Franzo Grande Stevens nella Torino azionista)
José Martínez e Ruedo Ibérico: "una editorial contra Franco"
(Dissenso culturale, censura e propaganda; Ruedo Ibérico nella storiografia; José Martínez: un libertario in esilio a Parigi; Nascita di Ruedo Ibérico; Ruedo Ibérico e la guerra civil; Da España 1962 a España hoy; I primi tre anni di Ruedo Ibérico: un bilancio; "Cuadernos de Ruedo Ibérico"; Gli ultimi anni di José Martínez)
José Martí nez a Torino, l'antifranchismo azionista
(José Martínez e l'antifascismo democratico torinese; José Martínez, Giorgio Agosti e Franzo Grande Stevens: la pubblicazione di España hoy; La collaborazione con "Il Ponte"; Nuovi progetti: la sezione Spagna presso il Centro studi Piero Gobetti e Horizonte español 1966; Gli ultimi anni del franchismo; L'attentato contro la libreria di Ruedo Ibérico e la morte di Franco; La fi ne dell'esilio e il progetto di ricerca sull'antifranchismo; Le ragioni di un'amicizia)
Appendice. I carteggi di Giorgio Agosti e Franzo Grande Stevens con José Martínez
Nota metodologica
Lettere (1963-1986)
Indice dei nomi.