Vorrei una scuola con i suoni del mare. Due giorni a Stigliano, a colloquio con Luigi Berlinguer
Autori e curatori
Contributi
Angelo Foletto
Livello
Saggi, scenari, interventi
Dati
pp. 136,      1a edizione  2019   (Codice editore 449.12)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 16,00
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891782953
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 11,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891793829
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Questo “pamphlet” raccoglie i frutti intellettuali di un incontro tra uno dei protagonisti della storia politica e culturale italiana, Luigi Berlinguer, e l’autore, un musicista/pedagogista di provincia, che, sotto forma di dialogo vivo, hanno voluto sensibilizzare i lettori sulla necessità di rifondare la nostra educazione ad ogni età nel nome dell’avventura e dell’amore per il bello, affermando l’importanza del ruolo della musica come complementare al linguaggio verbale, capace di far maturare una crescita personale armoniosa e una cultura della cittadinanza consapevole, democratica e partecipativa.
Presentazione del volume

Questo "pamphlet" raccoglie i frutti del dialogo intellettuale tra Luigi Berlinguer, protagonista della storia politico-culturale del secondo '900, e un musicista/pedagogista di provincia, che hanno colto reciproche affinità elettive e passioni comuni fin dal primo incontro e dopo decine di convegni e occasioni di dibattito hanno sentito l'esigenza di lavorare a una sintesi delle riflessioni maturate. Hanno scelto per farlo la forma di dialogo vivo, nel quale asserzioni progettuali, dichiarazioni di principio e critiche costruttive si compenetrano con pezzi di storia italiana recente, ma soprattutto s'incarnano in memorie biografiche, in segmenti di storie personali.
Aprirci alla possibilità di rifondare la nostra educazione in ogni età della vita nel nome dell'avventura, dell'amore per il bello, di un'idea di libertà fondata sulla corrispondenza tra una chiara e appagante identità personale e un solido senso di appartenenza a una comunità comporta riconoscere alla musica - luogo di corpo e mente - un ruolo complementare a quello del linguaggio verbale nell'elaborare pensieri, nel maturare una crescita personale armoniosa e una cultura della cittadinanza consapevole, democratica e partecipativa.

Gianni Nuti, musicista e concertista, pedagogista, musicologo, è ricercatore e professore aggregato di Pedagogia dell'integrazione presso l'Università della Valle d'Aosta. Si occupa di didattica e psicologia della musica, temi sui quali ha pubblicato decine di saggi e articoli per riviste nazionali e internazionali e volumi collettanei in italiano, inglese, francese e spagnolo. Tra le pubblicazioni edite da FrancoAngeli, Musica pratica. Scuole di ieri e di domani (2011) e Didattica del pensiero creativo. Uno studio di caso (2014); recente il volume per EME-Harmattan, Pedagogia dell'appartenenza (2019). Già direttore di "Musica Domani" e vicepresidente nazionale della SIEM, dal 2016 è membro del Comitato nazionale per l'apprendimento pratico della musica.

Indice
Angelo Foletto, Introduzione
Le radici
Contro il potere frenante dell'istruzione
Arte, occhiale del mondo
Sulla Disciplina: in alto le cattedre!
Nuovi tempi
Sulle scuole di strada d'un tempo
Altri, ulteriori Spazi
Musica Incarnata
Grandi temi della didattica e dell'educazione
L'uomo, l'umanità di domani
Cadenza perfetta
Appendice 1. Musica e Neuroscienze
Appendice 2. La Legge 15 marzo 1997 n. 59
Bibliografia ragionata.