Atlante dei prodotti tipici: i formaggi
Autori e curatori
Contributi
D. Acconci, D. Cinelli, Cristina Di Carpegna, L. Martirano, A. Miglietta, G. Picchi, A. Politi, E. Saraceno, S. Signantini, G. Sineri, O. Taddei, T. Tirelli, L. Tola
Livello
Dati
pp. 588,   figg. 26,     2a edizione  1991   (Codice editore 960.21)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 59.00
Condizione: fuori catalogo
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788820497804

Presentazione del volume

"Come si può governare un paese che ha più formaggi che giorni in calendario?" Si lamentava De Gaulle. Ma il dispetto dei generali programmatori esalta l'indipendenza dei popoli. E se la libertà si misura dal numero dei formaggi, l'Italia è ancora più libera della Francia.

Il censimento dei formaggi tipici curato dall'Istituto nazionale di sociologia rurale per conto del Ministero dell'agricoltura e foreste ha infatti individuato oltre 400 prodotti tipici. Di questi una trentina, tra cui quasi tutti i più corposi della variegata geografia casearia italiana, sono già coperti da denominazioni di origine o tipiche tutelate a norma di legge.

Non sono dunque meno di 370 quelli a cui la tutela potrebbe essere utilmente estesa: anche al fine di non perdere colpi su un mercato del latte che riesce molto spesso ad essere rimunerativo solo se trasformato in un prodotto tipico. Attraverso una razionale programmazione delle Doc altri 2 milioni di quintali potrebbero ottenere una conveniente tutela, soprattutto in montagna.

L Istituto nazionale di sociologia rurale (Insor) è nato nel 1959 ad iniziativa di Giuseppe Medici. Ha oggi per presidente Corrado Barberis e per consiglieri Carlo Aiello, Giangiacomo Dell'Angelo, Giovanni Marciani, Gilberto Marselli, Biagio Notarangelo, Vincenzo Siesto, Tullio Tentori. Conta tra i suoi soci benemeriti le grandi confederazioni dell'agricoltura e dell'artiginato nonché numerose regioni ed enti di sviluppo.

Indice

introduzione, di Corrado Barberis
Parte prima. In tema di tipicità
1. La tipicità: presupposti tecnologici, intervista di Letizia Martirano a Graziella Picchi
2. La tipicità: esempi da difendere, di Donatella Acconci, Donatella Cinelli, Graziella Picchi
1. Il Bruss
2. Il Pecorino delle crete senesi
3. Mozzarella di bufala
4. Il Caciocavallo podolico
5. Nella galassia dei caprini lucani: il Cacioricotta
Parte seconda. Il censimento dei prodotti
1. Dalla Summa lacticiniorum alla Guida all'Italia Gastronomica del Touring Club, di Cristina di Carpegna
2. Le Alpi e la Padania di Donatella Acconci, Attilio Politi, Elena Saraceno, Ottone Taddei
1. Piemonte
2. Valle D'Aosta
3. Lombardia
4. Trentino Alto Adige
5. Veneto
6. Friuli Venezia Giulia
7. Liguria
8. Emilia Romagna
3. Il Centro e il Mezzogiorno, di Letizia Martirano, Angelico Miglietta, Graziella Picchi, Sergio Signanini e Tiziana Tirelli
1. Toscana
2. Umbria
3. Marche
4. Lazio
5. Abruzzo
6. Molise
7. Campania
8. Puglia
9. Basilicata
10. Calabria
4. La Sicilia, di Girolamo Sineri
5. La Sardegna, di Lorenzo Tola
Appendice
1. Elenco regionale delle schede
2. Guida alla lettura delle schede, di Ottone Taddei
3. Le alterazioni dei formaggi, di Graziella Picchi
4. Formaggi tipici segnalati in varie edizioni della «Guida all'Italia Gastronomica» del Touring Club Italiano