Il testo trasgressivo. Testi marginali, provocatori, irregolari dal Medioevo al Cinquecento

Autori e curatori
Collana
Argomenti
Livello
Dati
pp. 228,      1a edizione  1988   (Codice editore 1052.5)

Il testo trasgressivo. Testi marginali, provocatori, irregolari dal Medioevo al Cinquecento
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 33.00
Condizione: fuori catalogo
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788820426521

Presentazione del volume

Una strampalata parodia di chanson de geste, notissima nel Medioevo, rovescia sullo sbigottito lettore la sua ossessione scatologica. Un predicatore apprezzato tra Quattro e Cinquecento confeziona un Quaresimale con sermoni latini farciti di colorite espressioni dialettali e sfiora imperterrito, nel suo grottesco bilinguismo, il blasfemo e l'osceno. Commediografi di gran successo della Venezia rinascimentale gareggiano nell'esasperazione manieristica del gioco poliglotta.

Queste varie manifestazioni dell'homo ludens, oggetto dei saggi della presente raccolta, ribaltano codici, infrangono regole, s'impongono di prepotenza all'attenzione dei destinatari scegliendo la via dell'irrisione, della polemica, comunque dell'aggressività verbale. Ma dietro il sarcasmo o l'oltranza espressiva si scorge sempre un'inquietudine profonda.

Le vicende stercorarie dell'antieroe Audigier, sempre in bilico tra forze vitali e agguati mortiferi, ripropongono sotto la scorza comico-parodica una ben occultata parabola del destino umano; un destino dominato dall'estrema precarietà dell'individuo (contrapposta all'implicabile continuità della specie) e, in assenza di qualunque riferimento escatologico, crudamente accomunato a quello animale o vegetale.

La violenza linguistica dei sermoni è lo specchio di una società violenta, nella vita quotidiana e nei rapporti familiari prima ancora che nelle tragedie collettive delle guerre e delle devastazioni (subito còlte a pretesto di predicazione apocalittica da falsi profeti e ciurmatori vari, abili a lucrare sulla disperazione dei più colpiti).

Ed è, in fondo, sulla memoria continuamente rimossa di quelle tragedie che prospera la fantasia verbale dei comici veneziani: un'affermazione della propria identità linguistica contro la minaccia della norma toscana, certo; ma anche, dopo tanti errori, un appello (corroborato dal lieto fine che mette sempre d'accordo i personaggi più eterogenei) alla consistenza pacifica.

Indice

Premessa
1. Il cavaliere sul letamaio. Parodia e mito in «Audigier»
2. Da quell'arzillo pulpito. «Sermo humilis» e sermoni macaronici nel Quaresimale autografo di Valeriano da Soncino O.F.P.
Appendice. Testi
1. Scene coniugali
2. Genitori e figli
3. Misteri buffi
4. I discepoli di Emmaus
5. Confessori e predicatori
6. Giustizia e ceti sociali
7. I pettegolezzi delle donne
8. L'innamorato beffato
3. Il ghiribizzo linguistico. Note sulla tradizione poliglotta veneziana.
Indice dei nomi






newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi