Terzo settore e nuove politiche sociali in Italia e in Europa
Autori e curatori
Contributi
P. Abrahamson, Achille Ardigò, A. Bassi, R. Bauer, L. Boccacin, D. Bramanti, J. Lane, W. B. Melief, G. Rossi, S.K. E. Saxon-Harrold, P. Six, J. D. Smith, J. P. Tabin, V. Tchernonog
Livello
Dati
pp. 264,   figg. 7,     1a edizione  1994   (Codice editore 1307.49)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 21.50
Condizione: fuori catalogo
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788820488666

Presentazione del volume

Con questo torniamo ad occuparci di volontariato e, più in generale, il terzo settore e della relazione fra questo e le politiche sociali dal sistema politico-amministrativo in un contesto in cui entrambi i poli della relazione e, conseguentemente, la relazione fra essi sono significativamente diversi dal come erano al momento in cui La Ricerca Sociale ha presentato il precedente numero monografico dedicato al tema.

Per quanto riguarda il nostro Paese, infatti, l'approvazione, nel 1991, della legge-quadro sul volontariato (I.n. 266/91) e della legge sulle cooperative sociali (I.n. 381/91) ha segnato un momento importante (li discontinuità rispetto al passato, momento che meritava l'avvio di una riflessione sociologica prospettica. E' quanto si è cominciato a fare nei saggi che compaiono nella seconda parte di questo volume.

Non solo in Italia, tuttavia, le cose sono cambiate.

In tutta l'Europa comunitaria compresi i Paesi scandinavi, lo schema relazionale delle politiche sociali sta passando dalla relazione duale di tipo compromissorio tra Stato e mercato, tipica del modello di welfare stale, ad uno schema a tre poli che comprende il terzo settore. Ciò mentre nei Paesi europei ex comunisti si stanno costituendo sia il polo del mercato che il terzo settore, come documenta il contributo di A. Ardigò.

I segnali della nuova attenzione del sistema politico-amministrativo europeo verso il terzo settore sono molteplici.

Di questa nuova dimensione dà conto la prima parte del volume, che pubblica le relazioni presentate al Seminario di studi su «Il volontariato all'interno del terzo settore in Europa», promosso e organizzato dal Centro Nazionale del Volontariato e dal Dipartimento di Sociologia dell'Università degli Studi di Bologna.

Indice

Introduzione di Ivo Colozzi
Parte I - Terzo settore e volontariato in Europa:
criteri di classificazione e di ricerca
1. Volontariato e welfare state in Europa: il difficile cammino verso e oltre lo stato del benessere, di Achille Ardigò
Volontariati e welfare state in Europa occidentale Welfare state e volontariati nei Paesi dell'Est europeo
2. Che cos'è un'associazione? Definizione dei settori non-profit e dell'associazionismo, di Perry Six
1 . Introduzione
2. Definizioni nella letteratura
3. Scopi
4. Metodi di definizione
5. Uno schema per le definizioni
6. Costituzione ed autonomia
7. Organizzazioni non-profit
8. Le sottrazioni e la cultura, l'identificazione e il comportamento «volontari»
9. Lo schema di definizione e gli scopi
10. Conclusione
Bibliografia di riferimento
3. Volontari, organizzazioni di volontariato e settore dell'associazionismo, di Willem B. Melief
1. Definizioni
2. I confini dell'attività di volontariato
3. Base valoriale
4. Le attività del volontario: sistema organizzativo e rapporti con il settore dell'associazionismo e con altri settori della società olandese
5. Ricerche su attività di volontariato, organizzazioni di volontariato e settore dell'associazionismo in Olanda
6. Alcuni problemi di ricerca
Bibliografia di riferimento
4. Volontari, volontariato e associazioni in Germania, di Rudolph Bauer
1. Termini e definizioni: il sistema intermediario delle associazioni
2. Configurazione legale e strutturale, entrate e regime fiscale delle associazioni di assistenza
3. Importanza delle associazioni di assistenza e delle attività volontarie di assistenza
4. Ragioni tradizionali del voluntarism e dell'attività di volontariato in Germania
5. Cambiamenti passati e tendenze future del volontariato e delle associazioni in Germania
Bibliografia di riferimento
5. La nuova enfasi sul volontariato nel modello scandinavo: il caso della Danimarca, di Peter Abrahamson
1 .Introduzione
2. Un modello triangolare per la fornitura dei servizi di assistenza
3. I volontari in Danimarca
4. Associazioni in Danimarca
5. Dare nuovo rilievo al settore dell'associazionismo
Bibliografia di riferimento
6. Cosa sappiamo dell'attività di volontariato in Gran Bretagna: informazioni fornite dalle indagini, di Justin Davis Smith
1. Introduzione: problemi di quantificazione
2. Quanta attività di volontariato?
3. Chi sono i volontari?
4. Cosa fanno i volontari
5. Differenze nel tipo di attività volontaria secondo il sesso
6. Differenze nel tipo di attività volontaria secondo l'età
7. Differenze nel tipo di attività volontaria secondo la classe sociale
8. Ambiti dell'attività volontaria
9. Tendenze dell'attività di volontariato
10. Motivazioni dell'attività di volontariato
11. Uno studio qualitativo delle motivazioni
12. Confronti internazionali
13. Conclusione
7. La nebulosa del volontariato, di Jean-Pierre Tabin
1. Il contesto della discussione sull'attività di volontariato sociale
2. Solidarietà
3. Crisi
4. Definizione/i
5. Un oggetto sociale non identificabile
Bibliografia di riferimento
8. Alcuni punti di riferimento quantitativi sul lavoro volontario e il settore associativo in Francia, di Viviane Tchernonog
1. L'importanza del lavoro volontario in Francia
2. L'ambito associativo in Francia
3. Il ruolo del lavoro volontario nelle associazioni
9. Donazioni e attività di volontariato: per un confronto internazionale, di Susan K.E. Saxon-Harrold e Jacqueline Lane
1 . Introduzione
2. Tematiche complessive: la necessità di un chiarimento
3. La ricerca della Charities Aid Foundation su donazioni e attività di volontariato
4. Questioni e implicazioni per un'indagine internazionale
5. Risultati dell'Indagine internazionale su donazioni e attività di volontariato
6. Confronto fra paesi
7. Attività volontarie
8. Avvertimenti e conclusioni
Bibliografia di riferimento
Parte Il - L'istituzionalizzazione del terzo settore in Italia
elementi di un'analisi sociologica
10. La relazione tra pubblico e volontariato: quali implicazioni per la politica sociale, di Giovanna Rossi Premessa
1. La pluralizzazione degli attori delle politiche sociali
2. La relazione tra pubblico e terzo settore nella risposta ai bisogni sociali
3. La relazione tra pubblico e volontariato nelle ricerche empiriche
4. La legge 266/91 sul volontariato: quali indicazioni per le politiche sociali
5. La relazione tra pubblico e volontariato in una prospettiva sinergica
Bibliografia di riferimento
11. Le leggi regionali sul volontariato: un'analisi sociologica, di Andrea Bassi
1. Introduzione
2. La legge nazionale 266/91
3. Le leggi regionali
4. I progetti di legge della Regione Emilia-Romagna
5. Note conclusive
Bibliografia di riferimento
Riferimenti giuridici ed amministrativi
12. Volontariato ed organizzazioni non-profit- la dimensione socio-economica del terzo settore, di Lucia Boccacin
1. Alcune chiarificazioni preliminari
2. Cosa è una organizzazione non-profit
3. Alcune tipologie classificatone del settore non-profit
4. Peculiarità delle organizzazioni non-profit in relazione alla produzione di beni e servizi
5. L'area del non-profit e il panorama legislativo italiano: nodi aperti
6. Tratti emergenti delle organizzazioni non-profit: il caso del volontariato regionale lombardo iscritto al registro
7. In sintesi
Bibliografia di riferimento
13. La formazione, uno strumento per operare. Analisi del ruolo della formazione nell'azione volontaria: tra desiderio di appartenenza e richiesta di professionalità di Donatella Bramanti
1. Premessa: alcuni possibili modelli di formazione
2. Uno sguardo alla storia passata
3. Uno spaccato particolare: la realtà dei gruppi lombardi
4. Conclusioni
Bibliografia di riferimento