Città globale e città degli esclusi. Una esperienza di welfare mix nel settore delle emarginazioni gravi
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 384,   3a ristampa 2004,    1a edizione  1998   (Codice editore 1563.36)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 33.00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846410931

Presentazione del volume

Dentro alle nostre città - specie in alcune aree più interne - vanno progressivamente accentuandosi molteplici forme di povertà estrema ; e con esse il proporsi di nuove ed antiche strutture e realtà tendenti a dare, da più angolature, una risposta a questa situazione.

Il libro che andiamo presentando si propone di evidenziare le caratteristiche delle più significative situazioni di questo tipo presenti all'interno di una media città italiana, Bologna, e le crescenti interconnessioni che legano al suo interno i percorsi di esclusione sociale grave .

È la storia di più realtà - caratterizzate da un percorso di costante mutamento - che vanno tra di loro fondendosi in un sistema articolato ed integrato che si prospetta sempre più come un mondo "altro", separato ed autonomo rispetto alla realtà sociale più ampia. Si tratta di un tentativo di leggere - in modo forse inusuale ma vero - questo percorso in atto all'interno della città postmoderna , sempre più luogo di incontro e di confronto delle più differenziate modalità del vivere metropolitano. Segnali inequivocabili che veramente, per le nostre città, si va aprendo una nuova fase storica caratterizzata da differenziate modalità di fruizione del bene città .

È dalla valorizzazione di percorsi come questo che può oggi partire un modello avanzato e realmente efficace di welfare mix ; la cui rilevanza non può certo sfuggire a chi si interessa in modo concreto delle politiche sociali.

Indice



Filippo Sassoli de Bianchi, Lalla Golfarelli
, Presentazione
Paolo Guidicini , Città globale e città degli esclusi
Giovanni Pieretti , La città degli esclusi: soggetti e strutture
Le associazioni
Chiara Francesconi , Una struttura assistenziale complessa: l'Opera Pia Padre Marella
Fabrizio Ralletti , Tra intervento sociale e self help: il caso della Associazione "Amici di Piazza grande"
N. Nicoli Aldini, C. Petio, D. Stirpe, A.M. Mancini , I dieci anni di attività dell'ambulatorio per poveri "Irnerio Biavati"
Il territorio
Fabrizio Ralletti , L'area della stazione centrale di Bologna e dei suoi abitanti irregolari
Patrizia Pischedda , Il servizio mobile di sostegno
Giorgio Bonora , Il posto di ascolto e di indirizzo presso la stazione ferroviaria di Bologna
Sulla frontiera
Patrizia Pischedda , Uno spazio autogestito: "Il riparo notturno"
Rosetta Franchetti, Federica Maselli , Il Centro San Petronio e la sua articolazione di interventi
Simonetta Bergonzini , L'Istituto Antoniano tra adattamento ed innovazione
Federica Maselli , L'attività oggi dell'ambulatorio per i poveri "Irnerio Biavati"
Marina Innorta , Uno spazio di appartenenza: il caso della ex mensa comunale
Chiara Francesconi , Il centro sociale di accoglienza per lavoratori in difficoltà dell'opera "Padre Marella"
I luoghi
Maurizio Bergamaschi, Marco Castrignano , Dall'asilo notturno al Centro di accoglienza "Beltrame"
Federica Maselli , La comunità delle Missionarie della Carità
Barbara Donattini , Una istituzione residenziale per anziani al confine tra comunità e società.