Tracce nella rete. Le trame del moderno fra sistema sociale ed organizzazione
Contributi
Fulvio Camilli, Egeria Di Nallo, Giuseppe Longo, Michel Maffesoli, Tomas Maldonado, Giovanni Mantovani, Oscar Marchisio, Massimo Negrotti, Paolo Zurla
Argomenti
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 210,   1a ristampa 2004,    3a edizione  2003   (Codice editore 266.1.3)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19.50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846417992

Presentazione del volume

La rete è una metafora che diviene nel sociale contemporaneo sempre più una realizzazione concreta per opera della crescita e della diffusione di tecnologie connettive dell'informazione e della comunicazione.

La rete può imbrigliare e catturare come la tela del ragno o sostenere come quella del trapezista; ha funzioni cognitive come la rete neurale, comunicative come la rete di telecomunicazione o di coesione come la rete dei trasporti. È necessario quindi riflettere sulle sue possibilità e contraddizioni. Occorre saper relazionare da una parte la sua capacità di incarnare le globalità, le peculiarità del macro, le realtà transnazionali, le visioni olistiche; dall'altra la sua propensione a rispecchiare i localismi, le relazioni intersoggettive, le singolarità, le visioni riduzionistiche.

Questo volume fornisce al lettore esperto, così come al semplice curioso, due lenti per seguire le tracce che la dimensione di rete lascia in modo più o meno evidente nella realtà contemporanea. La prima serve per "mettere a fuoco", ed è la lente teorica, che indaga le mutazioni del sociale, della comunicazione e dell'uomo nell'affermarsi delle culture digitali. La seconda, che lavora come un telescopio, è operativa ed indica le strategie che le organizzazioni utilizzano all'interno di un sistema economico e sociale sempre più orientato alla globalizzazione.

Giovanni Boccia Artieri , è ricercatore presso la Facoltà di Sociologia dell'Università di Urbino dove insegna Teoria e Tecnica del Linguaggio Radio-Televisivo. Si occupa dei temi connessi alla virtualizzazione del sociale e alle dinamiche di rete relativamente ai quali ha pubblicato diversi articoli su riviste italiane e straniere. È autore dei volumi L'ambigua frontiera del virtuale. Uomini e tecnologie a confronto con G. Mazzoli (Milano 1997) e Lo sguardo virtuale. Itinerari socio-comunicativi nella deriva tecnologica (Milano 1998).

Graziella Mazzoli , è ordinario di Sociologia della Comunicazione presso l'Università di Urbino e insegna Teoria dell'Informazione alla Facoltà di Scienze Politiche di Bologna. È direttore del Laboratorio di Ricerca sulla Comunicazione Aziendale e Nuove Tecnologie (LaRiCA). Ha pubblicato fra gli altri Profili sociali della comunicazione e nuove tecnologie (Milano, 1995), Le "Voci di dentro". Analisi delle strutture comunicative nei processi di produzione industriale con. E. Mascilli Migliorini e O. Valenti (Milano, 1997).

Saggi di : Giovanni Boccia Artieri; Fulvio Camilli; Egeria Di Nallo; Giuseppe O. Longo; Michel Maffesoli; Tómas Maldonado; Giovanni Mantovani; Oscar Marchisio; Graziella Mazzoli; Massimo Negrotti; Paolo Zurla.

Indice


Parte I. La rete
Michel Maffesoli , La forma del sociale: cultura e immagini del corpo comunitario
(Alcune precauzioni epistemologiche; Una violenza spettacolare che fa "corpo")
G. O. Longo , La cultura delle reti
Tomas Maldonado , Il futuro della memoria in rete
Giovanni Boccia Artieri , Comunicazione, rete e virtualità: forme emergenti del sociale
(Alcune coordinate iniziali; La forma comunicativa e la virtualizzazione: la comunicazione luogo; Evoluzione dei media della comunicazione: i fatti, le cose, i corpi nella rete dell'informazione; La strategia evolutiva della comunicazione; Doppio movimento di resa e cattura: il farsi virtuale del sociale; La telematica come macro sistema mediale; Logica della rete; Grammatica della rete; Multimedialità vs. pervasività e convergenza di tecnologie della comunicazione che supportano un immaginario mondializzato; Ipertestualità vs crescita delle potenzialità connettive; Interattività vs progressiva digitalizzazione del comunicabile; Telepresenza vs crescita di presenza a distanza; La virtualizzazione e lo st(r)ato del sociale: cultura della rete; Le cose virtualizzate: infoggetti; Il corpo virtualizzato: corpo tecnorganico e corpo postorganico; Volatilizzazione ed eccesso di corporeità: tra estetica della sparizione ed estatica dell'apparizione; Il sociale virtualizzato)
Oscar Marchisio , Per navigare fra le reti, la deriva è la socialità
(Tra il mercato e lo stato scivola la rete; La comunità: interstizio vitale galleggiante su rete; La città fra la carne e la rete; "Extended Producer Responsability": l'immagine ribaltata di una possibile forma di autovalorizzazione; Una pratica utopistica: tutti "produttori di media"; La città come mappa di reti)
Massimo Negrotti , Internet e la trappola dell'informazione
(La rete come struttura artificiale; Internet in teoria; Internet in pratica: pubblicare nella rete?; Internet in pratica: cyberspace o labirinto di cunicoli?; Internet in pratica: aggiornamento in tono minore; Internet in pratica: lo stupore di ritorno; Internet in pratica: la rete-mercato; Conclusioni: Internet fra informazione e conoscenza)
Giovanni Mantovani , Tra teoria ed empiria: uno sguardo fra maglie e nodi)
Parte II. La rete
Graziella Mazzoli , La rete fra azienda e mercato
(L'azienda immateriale: mutare il punto di vista; Il paradigma di rete e le sue proprietà; La connettività; Dalla figura allo sfondo; Dalla struttura al flusso; I comportamenti organizzativi; La competenza comunicativa; Interazione cooperativa nella rete; L'evoluzione della rete)
Fulvio Camilli , Valgono più i soldi o le persone? Introspettiva di Electolux Zanussi
(Sono le persone che fanno la differenza. Slogan o verità?; Redditività d'impresa; Il paradosso: come bilanciare cultura d'impresa e redditività nel breve periodo?)
Egeria Di Nallo , Il modello a rete ed il meeting point
Paolo Zurla , Telelavoro ed innovazione tecnologica oltre la società industriale
(Innovazione tecnologia e metanarrazioni; Il telelavoro al di là dei miti; Alcune considerazioni conclusive).