Competere senza scommettere. Scelte dei consumatori e innovazione
Traduttori
Elisa Tomassucci
Livello
Testi per professional
Dati
pp. 230,      1a edizione  2017   (Codice editore 100.876)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 25,00
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 17,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 17,99
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Il più autorevole esperto di strategie per l'innovazione e la crescita offre alle aziende di tutto il mondo un nuovo eccezionale contributo per trasformare l'innovazione da gioco d'azzardo (una scommessa sulla fortuna) a rigoroso metodo con cui sviluppare prodotti e servizi che i clienti non solo vedano l'ora di comprare, ma per i quali siano ben disposti a pagare un premio.
Presentazione del volume


Il più autorevole esperto di strategie per l'innovazione e la crescita offre alle aziende di tutto il mondo un nuovo eccezionale contributo per trasformare l'innovazione da gioco d'azzardo (una scommessa sulla fortuna) a rigoroso metodo con cui sviluppare prodotti e servizi che i clienti non solo vedano l'ora di comprare, ma per i quali siano ben disposti a pagare un premio.
Quali scelte devono compiere le aziende per riuscire a crescere? Come possono creare prodotti che i clienti desiderino acquistare? L'innovazione può essere programmata ed essere dunque qualcosa di più di una semplice scommessa legata al caso e alla buona sorte?
Dopo aver rivoluzionato anni fa il modo di concepire i processi innovativi con la sua celebre teoria delle tecnologie dirompenti, Clayton Christensen, professore della Harvard Business School, ha provato a fornire una risposta a questi interrogativi, offrendo alle aziende una nuova prospettiva a partire dalla quale sviluppare innovazione di prodotti e servizi.
Dopo anni di ricerca, Christensen e i suoi collaboratori sono giunti a una conclusione fondamentale: l'idea, da tempo diffusa tra le aziende di tutto il mondo, che il modo più efficace per innovare consista nel conoscere il maggior numero di informazioni possibile sui clienti è sbagliata. Questi ultimi non si limitano infatti ad acquistare prodotti o servizi: chiedono a essi di svolgere un compito molto specifico in una determinata circostanza. Per utilizzare la metafora di Christensen, i clienti "assumono" i prodotti e li "licenziano" quando non ne hanno più bisogno. Questo approccio all'innovazione (che prende il nome di Jobs Theory o Jobs to Be Done Theory) è quello utilizzato da alcune delle aziende in più rapida crescita come Amazon, Intuit e Airbnb, per citarne alcune. Questo libro, però, non è stato scritto per celebrare dei successi, ma per fornire strumenti utili per produrne dei nuovi!
Gli autori sostengono che, riuscendo a individuare ciò che spinge i clienti ad "assumere" un prodotto o un servizio, qualsiasi organizzazione potrà migliorare i suoi processi innovativi, creando prodotti e servizi che i clienti vorranno portare con sé nella loro vita, e per avere i quali saranno ben disposti a pagare un premio. La Jobs Theory offre nuove speranze di crescita a tutte quelle aziende frustrate da anni di sforzi e investimenti che non hanno portato ai risultati sperati. Il libro descrive attentamente l'innovativo approccio studiato da Christensen e collaboratori, offrendo una spiegazione completa della teoria e il motivo per cui essa è efficace, ma, soprattutto, spiega come utilizzarla concretamente nel mondo reale e come non sprecare le conoscenze che è in grado di fornire.

Clayton M. Christensen è titolare della cattedra Kim B. Clark presso la Harvard Business School e autore di nove libri, tra i quali il bestseller internazionale Il dilemma dell'innovatore. Nel 2011 e nel 2013 è stato nominato business thinker più influente del mondo in una classifica biennale stilata da Thinkers50.

Taddy Hall è un dirigente del Cambridge Group e uno dei leader del Breakthrough Innovation Project di Nielsen.

Karen Dillon è stata editor della Harvard Business Review e co-autrice del bestseller How Will You Measure Your Life? Nel 2011 è stata nominata da Ashoka una delle donne più influenti del mondo.

David S. Duncan è senior partner di Innosight. Lavora come consulente in ambito di strategia e crescita innovativa.

Indice
Introduzione. Perché dovreste "assumere" questo libro
(Migliorare nelle cose sbagliate; Qual è il compito per cui hai "assunto" quel prodotto?)
Parte I. Introduzione alla Jobs Theory
Il dilemma del milk-shake
(Milk-shake a colazione; Un curriculum per la margarina; Jobs Theory e innovazione)
Migliorare, non creare prodotti
(Come pensare, non che cosa pensare; Definiamo il termine "job"; Che cos'è un job?; Che cosa non è un job?; L'individuazione del compito; Modificare il paesaggio competitivo; I limiti della Jobs Theory; Una rivoluzione copernicana)
I job nel mondo reale
(Competere con... il nulla; Profondità e ampiezza del raggio di applicazione; I job nel mondo B2B; Metà della funzionalità al doppio del prezzo; "Capiamo perfettamente le tue esigenze")
Parte II. L'applicazione della Jobs Theory: difficoltà e vantaggi
Caccia al compito!
(Dove sono i compiti?; Il "carico emotivo"; C'è una spiegazione a tutto)
Capire quello che i clienti non dicono
(Le storie dei clienti; Il problema del materasso; Un acquisto d'impulso (... o forse no?); Un antidolorifico, una Red Bull o un materasso nuovo?; "E all'improvviso vedi la strada...")
Costruirsi un curriculum
(Decodificare la complessità; Esperienze e premium price; Rimuovere gli ostacoli; L'esperienza Uber; Come faccio a sapere se il prodotto è quello giusto?; I purpose brand)
Parte III. Jobs Theory e realtà aziendale
Integrare un job nei processi aziendali
(L'ingrediente segreto; Organizzarsi sulla base di un customers' job; Misurare = fare; Ansia alla guida? C'è OnStar)
Non perdere di vista il compito da svolgere
(I tre errori relativi ai dati sull'innovazione; È la fonte dei dati a porre il problema; I dati passivi necessitano di una gestione attiva)
L'organizzazione "job-centrica"
(Un programma intuitivo; Una bussola "a due facce"; Misurare ciò che conta; I job hanno cambiato tutto; Mai allontanarsi dal contesto)
Osservazioni finali sulla Jobs Theory
(Possiamo davvero chiamarla "teoria"?; Quando la teoria non è valida; I limiti della teoria; Profondità e ampiezza dell'applicabilità della teoria; Come la teoria può aiutare voi)
Ringraziamenti
Gli autori.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi

Management

Finanza. Amministrazione. Controllo

Marketing. Pubblicità. Comunicazione. Vendite

Produzione. Logistica. Qualità.

Risorse umane

Banca, credito e assicurazioni

Commercio e turismo


Segnalazioni

Pubblicità