Economie distribuite. Per un nostro futuro sostenibile
Autori e curatori
Contributi
Emanuele Plata
Traduttori
Gianni Berna, Maya Plata
Livello
Saggi, scenari, interventi
Dati
pp. 152,      1a edizione  2019   (Codice editore 1420.1.199)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20,00
Disponibilità: Discreta





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Il concetto di Economie distribuite è stato coniato dall’Autore per identificare una nuova strategia atta a guidare lo sviluppo industriale verso una maggiore sostenibilità, promuovendo innovazione da parte delle piccole e medie imprese. L’Italia, per la sua cultura sociale e per la sua struttura economica, fatta di una vitalità imprenditoriale diffusa (anche in ambito rurale) e su piccola scala, può esserne un modello?
Presentazione del volume

"L'esperienza italiana di vita del professore Johansson, finlandese, lo porta a riflettere sulla particolare presenza diffusa delle piccole e medie imprese in Italia nel commercio e non solo, arrivando a considerarle un esempio di approccio allo sviluppo sostenibile, in totale convergenza con quanto Planet Life Economy Foundation afferma." Emanuele Plata, Presidente Planet Life Economy Foundation

Allan Johansson riflette sui cammini meno dolorosi per raggiungere lo stato che, così seduttivamente, è chiamato sviluppo sostenibile.
Partendo dalla consapevolezza che le sfide della nostra società non possono essere puramente tecniche e economiche, l'autore suggerisce un modo totalmente nuovo di guardare lo sviluppo locale come perno della sostenibilità.
Il concetto di economie distribuite fornisce una strategia economica completa, sia per lo sviluppo locale, ma anche per una riqualificazione di molte aree urbane, non più attraverso una rivoluzione, ma un'evoluzione industriale.
Buon cibo, natura pulita per il tempo libero, relazioni e svago sono ingredienti vitali per il benessere dell'uomo. L'Italia sembra poter essere un modello, sia per la sua cultura sociale, sia per la sua struttura economica, fatta di una vitalità imprenditoriale diffusa e su piccola scala, anche in ambito rurale.

Allan Johansson è stato professore al Quantum Chemistry all'Åbo Akademi, Finlandia, ricercatore alla Cambridge University, Inghilterra e al Battelle Centre of Research a Ginevra. Professore emerito per la ricerca (Clean Technology) al Technical Research Centre of Finland (VTT) dal 1983 al 2012, co-fondatore dell'International Institute for Industrial Environmental Economics (IIIEE) presso la Lund University in Svezia, è Membro della Corte Suprema di Finlandia. È stato membro del consiglio e co-fondatore della DELabs Foundation a Landskrona, Svezia dal 2005 al 2012. Proprietario di 20 brevetti (Finnish National Inventors Award 1978, Battelle Distinguished Inventor's Award 1986) relativi alla produzione pulita, è autore di più 100 pubblicazioni scientifiche in chimica teorica e tecnologia pulita.

Indice
Emanuele Plata, Prefazione
Allan Johansson, Introduzione all'edizione italiana
Introduzione
Il principio della storia
Il risveglio della coscienza ambientale
Il Novecento: l'era del cambiamento
Cambiamento climatico: un primo esempio di sfide globali?
Il potere seducente delle metafore
L'uso delle metafore nelle scienze ambientali
Il messaggio nascosto delle metafore nelle scienze ambientali
Tecnologia e ambiente
L'economia del pigro
Economia e ambiente o l'economia del brutto
Tecnologia, economia e estetica
I cambiamenti sono necessari, ma quali?
Il ruolo dell'energia
La complessità del sistema di produzione
Linee guida per uno sviluppo sostenibile
Il nostro insolito futuro
Il retaggio genetico: la nostra comune ascendenza
Economie distribuite
Il nostro mirabile nuovo mondo.