Prima i bambini. Il principio dei best interests of the child nella prospettiva costituzionale
Autori e curatori
Contributi
Livia Pomodoro
Argomenti
Livello
Saggi, scenari, interventi
Dati
pp. 150,      1a edizione  2016   (Codice editore 1590.1.4)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20,00
Disponibilità: Buona





Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13,99
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Tipologia: E-book (ePub) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 13,99
Formato: Epub con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare

In breve
Il principio del superiore interesse del minore si ritrova ovunque. È un argomento efficace, perché basta richiamarlo per mettere tutti a tacere. Il volume affronta e combatte l’uso retorico del principio. Una corretta interpretazione costituzionale non contempla la tirannia di un diritto o di un valore su tutti gli altri e guarda con sospetto la retorica dei diritti dei bambini.
Utili Link
Diritticomparati.it Recensione (di Tatiana Guarnier)… Vedi...
Il Sole 24 Ore Per i bambini prioritaria la dignità (di Francesca Rigotti)… Vedi...
Bambini Più facile a dirsi (di Giulia Tosoni)… Vedi...
Presentazione del volume

Il principio del superiore interesse del minore si ritrova ovunque: nelle carte internazionali e sovranazionali dei diritti, nella legislazione, nel dibattito parlamentare, nei discorsi giornalistici e in ogni provvedimento giurisdizionale che si occupa della situazione di un bambino o di un adolescente.
È un argomento efficace, perché basta richiamarlo per mettere tutti a tacere.
Chi oserebbe sostenere che il bene degli adulti viene prima di quello dei bambini?
È un abito buono per tutte le stagioni e per tutte le occasioni, perché su ciò che è davvero meglio per un bambino le opinioni sono le più varie. Il principio non serve forse a sostenere una soluzione e anche il suo contrario?
È, infine, un ottimo pretesto per giustificare decisioni che realizzano anche o soprattutto interessi diversi, sui quali tuttavia sarebbe molto più difficile raccogliere consenso.
Una corretta interpretazione costituzionale non contempla la tirannia di un diritto o di un valore su tutti gli altri e guarda con sospetto la retorica dei diritti dei bambini che fa leva sul principio del superiore interesse del minore.
Le armi con cui il volume affronta e combatte l'uso retorico del principio sono l'analisi del paradigma dei best interests of the child nella tradizione anglo-americana dei childrens's rights, l'indagine circa la sua possibile collocazione all'interno della tradizione europeo-continentale dei diritti e la descrizione di come esso effettivamente opera nella giurisprudenza delle corti europee di Strasburgo e di Lussemburgo.

Elisabetta Lamarque insegna Giustizia costituzionale e Istituzioni di diritto pubblico presso il Dipartimento di Giurisprudenza-School of Law dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca. Ha pubblicato più di cento contributi su vari argomenti di diritto costituzionale e le monografie: Le norme e i limiti per la ricerca della paternità. Contributo allo studio dell'art. 30, quarto comma, della Costituzione (Cedam 1998); Regioni e ordinamento civile (Cedam 2005); Corte costituzionale e giudici nell'Italia repubblicana (Laterza 2012). Ha curato, da ultimi, i volumi: La richiesta di pareri consultivi alla Corte di Strasburgo da parte delle più alte giurisdizioni nazionali. Prime riflessioni in vista della ratifica del Protocollo 16 alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo (Giappichelli 2015); Cibo e acqua. Sfide per il diritto contemporaneo. Verso e oltre Expo 2015 (con B. Biscotti; Giappichelli 2015); Dove va il sistema italiano accentrato di controllo di costituzionalità? Ragionando intorno al libro di Victor Ferreres Comella Constitutional Courts and Democratic Values (con L. Cappuccio; Editoriale Scientifica 2013).

Indice
Livia Pomodoro, Prefazione
Introduzione
Uno sguardo d'insieme. Il principio dei best interests of the child all'interno delle tradizioni occidentali dei diritti
(Preludio; Diritti dei minori o children's rights? Tradizione europea continentale e tradizione anglo-americana a confronto; Il chiaro posto del paradigma dei best interests of the child all'interno della tradizione anglo-americana dei children's rights...; ... e la sua difficile collocazione altrove; Ambiguità concettuali di un principio polivalente; Ambiguità semantiche e la deriva retorica del principio)
Il principio dei best interests of the child nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo
(L'emersione giurisprudenziale del principio dei best interests of the child e la sua attuale straordinaria fortuna; Ambiguità concettuali e definizioni ondivaghe; Interessi dei minori, interessi degli adulti o prese di posizione astratte e pregiudiziali?)
Il principio dei best interests of the child nella giurisprudenza della Corte di Giustizia dell'Unione europea
(I minori e l'Unione europea: un po' di retorica, qualche interessante contenuto; L'interesse del minore nel diritto primario e derivato Dell'Unione europea; Segue. Ancora sul testo dell'art. 24 della Carta dei diritti fondamentali; L'interesse del minore nella giurisprudenza della Corte di Giustizia dell'Unione europea).




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi