L'attuarsi della società

Saggi teorici sull'azione sociale e il realismo sociologico

Autori e curatori
Contributi
Giuseppe Padovani
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 288,      1a edizione  2002   (Codice editore 222.2.6)

L'attuarsi della società. Saggi teorici sull'azione sociale e il realismo sociologico
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 33,00
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788846440099

Presentazione del volume

Il modo in cui il pensiero sociologico concepisce, mette in opera e riflette su uno dei fondamenti che istituiscono il suo sapere, cioè l'azione sociale, è anche una delle porte di accesso privilegiate per comprendere gli sviluppi, non sempre lineari, della sua storia passata e presente, nonché della sua concreta operatività.

I saggi qui raccolti, presupponendo i guadagni che la riflessione sociologica ha ottenuto sul tema, si sono però orientati in direzione dei confini su cui, forse troppo acriticamente, si è assestato. Questo per forzarne i limiti e allargare le possibilità di comprensione che, attraverso l'azione sociale e una epistemologia realista, l'elevatissima differenziazione dei fenomeni sociali oggi chiede a chi fa ricerca. Il "ritorno" dell'attore, e della sua intrinseca natura sociale, la scoperta della sua immanente relazionalità, se da una parte ridimensionano ulteriormente la stagione, che è pur stata ricca di stimoli, in cui l'azione veniva pensata come "prassi" trasformativa o come oggetto di una teoria generale, dall'altra rilanciano il pensiero e la ricerca su un orizzonte tutto da esplorare, in cui il sociale viene scoperto, o riscoperto, come parte di noi prima ancora di essere noi parte di esso. Questa reciproca appartenenza ci obbliga a riformulare la nozione di società sulla "realtà sociale", intesa come attuazione relazionale degli attori, entro cui si trova celata una intrascendibile appropriazione, quella tra società e persona.

Emmanuele Morandi insegna Sociologia del mutamento presso la Facoltà di Scienze Politiche II dell'Università di Bologna (sede di Forlì) e Sociologia dei Processi culturali e comunicativi presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Verona. È co-direttore della rivista "Con-tratto" di Padova (con Riccardo Panattoni) e da molti anni è impegnato sul fronte interdisciplinare della ricerca sociale. Tra le sue pubblicazioni, ricordiamo, per i nostri tipi: "Il contributo di Popper alla conoscenza sociologica. Un'introduzione interdisciplinare alla sociologia", in Porcu S. (a cura di), Ritratti d'autore (2000); La Società accaduta: tracce di una nuova scienza sociale in Eric Voegelin (2000); "'Scienza sociale neutrale' e 'Scienza sociale morale'. Le incidenze delle scienze sociali sui comportamenti sociali", in C. Cipolla (a cura di), La spendibilità del sapere sociologico (2002).

Indice


Giuseppe Padovani , Prefazione
Parte I. La morte dell'attore sociale: prassi e rivoluzione
L'irreparabile come condizione: prassi e dualismo in Karl Marx
(La critica alla filosofia speculativa: la fondazione del marxismo come sociologia; La scienza al servizio della prassi; L'azione come Critica alla moderna società borghese)
Un "esito". Potere e sessualità: la rivoluzione della "profondità"
(Uno sguardo d'insieme; L'Uomo duplice; La psicanalisi come prassi rivoluzionaria: Wilhelm Reich; Il Bio/potere e il dispositivo di sessualità: Michel Foucault; Conclusione)
Parte II. La riabilitazione dell'azione
Il ritorno dell'attore sociale: Hannah Arendt e l'azione sociale come antropofagia
(La "condizione": l'impossibilità di rappresentare l'azione entro un modello; L'eventuarsi dell'età moderna: il mondo negli "schemi" della mente; L'azione come attuarsi: i presupposti della praxis; L'azione come rivelazione e l'"avvento della società": la critica all'homo laborans; L'azione come relazione: la critica al solipsismo e le metamorfosi dell'homo faber; Conclusione: una critica alla correlazione tra cristianesimo, vita e azione nella Arendt)
Parte III. Prolegomeni ad una fondazione realistica della sociologia
La dimensione sociale dell'anima, ovvero azione e natura: Platone e la sociologia
(Natura e Società: l'ordine e l'anima platonica; La differenza come fondamento dell'uguaglianza; Conclusione metodologica)
Una seconda premessa: l'alterità sociale come azione
(L'alterità e l'articolazione, ovvero ciò che dà esistenza alla società)
Realismo sociologico, ovvero l'ambiente metafisico della sociologia: verità e persona
(Introduzione; Parte I: La modernità sociologica; La scienza della moltitudine insostanziale: la verità come pre-visione; Parte II: Il ritrovamento di una sociologia degli "antichi ": la radice metafisica del sociale; Prima di ogni paradigma: la partecipazione, ovvero "che cos'è la società?"; La causalità in sociologia: i presupposti epistemologici di una verità sociologica).