Dei diritti e delle pene

Servizio sociale e giustizia

Contributi
Anna Amendolea, Renato Breda, Roberto D'Alessandro, Franco Della Casa, Luca Ghedini, Maria Pia Giuffrida, Patrizio Gonnella, Francesco Maisto, Silvana Mordeglia, Domenico Pulitanò, Patrizia Trecci
Livello
Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari
Dati
pp. 176,      1a edizione  2003   (Codice editore 1416.13)

Dei diritti e delle pene. Servizio sociale e giustizia
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20,00
Condizione: esaurito
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788846443762

Presentazione del volume

Questo lavoro, scaturito da un convegno svoltosi a Sarzana (SP) nel novembre 2000, organizzato dal Coordinamento assistenti sociali della Giustizia, analizza l'evoluzione del sistema dell'esecuzione della pena, attraverso il confronto tra i principali protagonisti quali gli assistenti sociali ed i magistrati della cognizione e della sorveglianza, con il contributo di giuristi ed esperti di servizio sociale.

I vari autori cercano di rispondere ai numerosi interrogativi, che negli ultimi anni sono stati portati all'attenzione dell'opinione pubblica, sempre più attraversata da un bisogno di sicurezza. Ci si è interrogati su: la validità dell'attuale sistema normativo penale e sanzionatorio; la corrispondenza dell'esecuzione delle pene ai principi di rieducazione e individualizzazione del trattamento interno ed esterno al carcere; l'opportunità di introdurre elementi finalizzati alla cosiddetta "certezza della pena"; l'adozione di misure esterne al carcere come pene principali; l'inserimento del servizio sociale professionale anche nella fase processuale; il ruolo del territorio, della comunità locale e dei servizi pubblici e privati nella gestione delle misure alternative alla detenzione.

Tra le possibili risposte emerge come, ad una funzione della pena che miri al recupero del condannato, deve corrispondere necessariamente una approfondita conoscenza della persona, pertanto in qualunque fase del processo penale si decida d'intervenire il ruolo del servizio sociale risulta fondamentale. È anche per questo necessario che il servizio sociale e la magistratura avviino un dialogo costante e approfondito, che metta a confronto due culture con radici diverse e apparentemente lontane tra di loro, perché entrambi impegnati con la medesima utenza. Inoltre il territorio deve essere l'elemento centrale di riferimento nell'esecuzione della pena, perché è nel territorio che si delineano le strategie d'intervento per l'inclusione sociale e si sviluppano le reti sia di sostegno alla persona, ma anche di controllo, attraverso apposite agenzie ed interventi mirati, finalizzati al recupero dei più svantaggiati e alla sicurezza di tutti i cittadini.

Il volume si rivolge perciò ai professionisti che si occupano di esecuzione penale e Giustizia nei diversi contesti istituzionali, sia pubblici che del "terzo settore", a docenti e studenti dei corsi universitari finalizzati alla preparazione anche specialistica in questo settore, a responsabili di formazione permanente degli operatori.

Anna Muschitiello assistente sociale coordinatore presso il Centro di servizio sociale per adulti di Milano; segretaria nazionale del Coordinamento assistenti sociali della Giustizia; consigliera dell'Ordine regionale assistenti sociali della Lombardia. È autrice di vari articoli in riviste specializzate del settore penitenziario.

Elisabetta Neve insegna Principi e fondamenti del servizio sociale presso l'università di Verona. Si occupa di formazione permanente degli operatori sociosanitari, anche in collaborazione con il Ministero della Giustizia, sia per il settore adulti che per il settore minori. Fra le pubblicazioni vanno ricordati: Il servizio sociale. Fondamenti e cultura di una professione (Carocci, 2000); "Aspetti metodologici dell'intervento di servizio sociale nei confronti del tossicodipendente" (D.a.p., Corsi di formazione e ricerca metodologica , Roma, 1997); "Il servizio sociale nel sistema della Giustizia tra teoria e prassi" ( Il bambino incompiuto , 4-5/1993), La supervisione (con altri, Angeli, 1997).

Indice


Elisabetta Neve , Introduzione
Parte I. Aspetti giuridici e socio-politici dell'esecuzione penale
Anna Muschitiello , Applicazione dell'ordinamento penitenziario, evoluzione normativa e nuove proposte
Franco Della Casa , Misure alternative alla detenzione ed effettività della pena: situazione attuale e prospettive di riforma
Domenico Pulitanò , Prospettive di riforma del sistema sanzionatorio
Francesco Maisto , Principi costituzionali e parole d'ordine nelle scelte di riforma del sistema sanzionatorio e nell'applicazione delle pene vigenti
Luca Ghedini , La testimonianza di un magistrato di sorveglianza
Patrizio Gonnella , L'ordinamento penitenziario italiano a confronto con gli altri Paesi europei
Parte II. Aspetti tecnico-professionali del servizio sociale nell'esecuzione penale esterna
Anna Muschitiello , Ruolo del servizio sociale della Giustizia. Aspetti tecnico-professionali
Renato Breda , Il servizio sociale nel quadro della riforma penitenziaria
Elisabetta Neve , Il lavoro integrato nel servizio sociale penitenziario: gli aspetti metodologici
Anna Amendolea , Dagli adulti ai minori: alcuni elementi di differenziazione
Parte III. Il servizio sociale: protagonista dei processi di rinnovamento del sistema Giustizia
Silvana Mordeglia , Un dibattito per la crescita e la definizione dei saperi
Roberto D'Alessandro , Il ruolo politico di una professione
Maria Pia Giuffrida , Riorganizzare i Centri di servizio sociale adulti
Patrizia Trecci , Analisi critica per una riorganizzazione dei Centri di servizio sociale per adulti. Le proposte del Gasg: il progetto obiettivo.