Le nostre spedizioni verranno sospese per la pausa estiva dal 27 luglio al 21 agosto (inclusi). Buone vacanze!
Scrivere per comunicare inventare apprendere.

A cura di: Rosa Calò

Scrivere per comunicare inventare apprendere.

Percorsi curricolari per la scuola dell'obbligo

Edizione a stampa

27,00

Pagine: 240

ISBN: 9788846450739

Edizione: 1a ristampa 2012, 1a edizione 2003

Codice editore: 612.1

Disponibilità: Buona

Il volume "Scrivere per comunicare, inventare, apprendere. Proposte per un curricolo" inaugura la nuova Collana GISCEL. Esso è un ulteriore prodotto del "Laboratorio di scrittura" che, dal 1998 ad oggi, ha permesso di attuare una ricca collaborazione tra il Ministero dell'Istruzione e il GISCEL nel campo della formazione in servizio e della ricerca didattica. L'insieme dei contributi che lo compongono - riflessioni teoriche, ricerche ed esperienze sul campo - pone all'attenzione degli insegnanti l'educazione alla scrittura come compito irrinunciabile della scuola dell'obbligo e oltre: interrogarsi sul raccordo fra il triennio della scuola media e il primo anno della secondaria di secondo grado significa ricercare gli elementi che possono assicurare continuità di apprendimento della scrittura agli alunni e alle alunne dagli 11 ai 14 anni.
Nella fase attuale, in cui la scuola dell'autonomia si avvia a far proprie le Indicazioni nazionali per i piani di studio personalizzati , il volume offre forti sollecitazioni a ripensare il curricolo di educazione linguistica, e in particolare l'insegnamento della scrittura, in un'ottica di continuità, di flessibilità e di integrazione delle abilità e dei saperi in vista dello sviluppo di competenze personali rispondenti a bisogni di espressione, di apprendimento e di comunicazione.
La pluralità di contributi e la varietà di proposte del volume delineano un itinerario di formazione per gli insegnanti che vogliono affrontare il problema della costruzione del curricolo in dimensione verticale.

Rosa Calò è ispettore tecnico di scuola secondaria per il settore linguistico. Ha pubblicato articoli di analisi linguistica e di didattica delle lingue in riviste italiane e francesi. Ha curato, con S. Ferreri, il volume della precedente Collana GISCEL: Il testo fa scuola. Libri di testi, linguaggi ed educazione linguistica , La Nuova Italia (1997). Ha una lunga esperienza nei campi della formazione in servizio dei docenti di lingua e della ricerca didattica.


Cristina Lavinio , Presentazione
Rosa Calò , Introduzione. Continuità, curricolo e didattica della scrittura
Parte I. Per un curricolo continuo di scrittura
Tullio De Mauro , La scrittura e lo sviluppo delle capacità di linguaggio
Cristina Lavinio , Processi di produzione di testi scritti e apprendimento
Daniela Bertocchi , Il curricolo di scrittura nella scuola dell'obbligo: possibili percorsi e traguardi
Parte II. Tra continuità e discontinuità
Maria Antonietta Marchese , Forme testuali e pratiche di scrittura nella scuola dell'obbligo
Alessandra Bino, Antonella Lorenzi , Sulle tracce
Pino Arpaia, Daniela Bertocchi, Maria Cristina Castellani, Maria Nicolina Errico , Alcune aree di sofferenza nella scrittura
Anna Maria Catalano , Progettare... in continuità
Parte III. Il laboratorio di scrittura
Alessandra Bino , "Pretesti per scrivere testi". Situazioni, scopi, documenti per scrivere forme testuali diverse
Antonella Lorenzi , Scrivere in situazione: variazioni sul tema e sulla forma
Maria Cristina Castellani , Fra il profumo della lavanda e il gusto di cioccolato
Roberto Didoni , Web-story. (Ri)utilizzare informazioni storiche all'interno di un testo narrativo
Pino Arpaia , Scrivere per imparare... a parlare
Maria Nicolina Errico , Produrre riassunti di una varietà di testi con scopi diversi.

Contributi: Pino Arpaia, Daniela Bertocchi, Alessandra Bino, Maria Cristina Castellani, Anna Maria Catalano, Tullio De Mauro, Roberto Didoni, Maria Nicolina Errico, Cristina Lavinio, Antonella Lorenzi, Maria Antonietta Marchese

Collana: Giscel

Argomenti: Didattiche disciplinari - Strumenti per insegnanti

Livello: Testi per insegnanti, operatori sociali e sanitari

Potrebbero interessarti anche