Le reti di imprese

Vantaggi competitivi e pianificazione strategica

Autori e curatori
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 264,      1a edizione  2003   (Codice editore 364.90)

Le reti di imprese. Vantaggi competitivi e pianificazione strategica
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 19,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846453068

Presentazione del volume

L'adozione di strategie di sviluppo "esterno" avviene sempre più frequentemente mediante l'ausilio di forme organizzative di tipo reticolare, soprattutto da parte di imprese minori. La partecipazione ad una rete garantisce alle imprese vantaggi in termini di rapidità di applicazione delle innovazioni, condivisione degli investimenti e quindi frazionamento dei rischi, elasticità dei costi. Occorre tuttavia, considerare, i rischi della struttura rappresentati soprattutto dalla sua instabilità, dalla perdita del controllo del know-how dei processi esternalizzati, dai comportamenti opportunistici dei partner. Gli obiettivi di questo lavoro sono fondamentalmente due: valutare il vantaggio competitivo delle imprese appartenenti ad una rete; verificare l'opportunità di mercato di introdurre in queste realtà organizzative processi di panificazione.

La pianificazione, oltre a rafforzare il coordinamento della rete, le dà "visibilità", favorendo in tal modo opportunità di mercato, maggiore potere contrattuale, condizioni meno onerose di finanziamento. I principali ostacoli all'applicazione dei processi di pianificazione nelle reti sono rappresentati dalle stesse imprese che vi partecipano, prive sia della cultura aziendale capace di percepire i vantaggi della pianificazione, sia delle competenze per svolgere funzioni di programmazione e controllo. Tuttavia, in questi ultimi anni si rileva la presenza di alcuni fenomeni che potrebbero incentivare il ricorso alla pianificazione in queste organizzazioni. Si fa riferimento, da un lato, alla diffusione di reti di imprese nel settore aeronautico che in virtù dell'applicazione della pianificazione da parte dell'azienda centrale presentano maggiore stabilità, dall'altro lato alla necessità da parte soprattutto delle Pmi di ottenere un rating che migliori il loro merito creditizio, anche in vista delle nuove regole imposte dall'accordo di Basilea 2.

Antonio Ricciardi è professore associato di Economia aziendale e docente di Strategie e politiche aziendali presso la facoltà di Economia dell'Università della Calabria. È autore di pubblicazioni riguardanti le modalità operative e le tecniche di controllo dell'outsourcing strategico, le relazioni non competitive tra imprese, gli effetti delle più recenti innovazioni finanziarie sugli equilibri di gestione delle banche.

Indice

Antonio Ricciardi, Prefazione

Le relazioni non competitive tra imprese

(Introduzione; Alleanze tra imprese: un'ipotesi di classificazione; La cooperazione tra imprese: un sistema di relazioni tra "gerarchia" e "mercato"; Relazioni tra imprese e vantaggio competitivo; Caratteristiche tecniche e mobilità operative di alcune forme evolute di cooperazione tra imprese)

Reti di imprese e modelli reticolari

(Introduzione; Definizione di rete e caratteristiche distintive; Tipologie di modelli reticolari; Le reti di imprese in Italia)

Vantaggi competitivi e rischi della struttura a rete

(Introduzione; La creazione di un circuito di trasferimento di conoscenze; La focalizzazione sulle competenze distintive; La riduzione dei costi ed il ridimensionamento del fabbisogno finanziario; La maggiore rapidità nell'applicazione di innovazioni tecnologiche; I comportamenti opportunistici dei partner; Le divergenze degli obiettivi e le asimmerie dei contributi apportati dai singoli partner)

La pianificazione strategica nelle reti di imprese

(Introduzione; Evoluzione delle strutture organizzative e adattamenti dei processi di pianificazione; Le fasi della pianificazione nella gestione strategica delle reti; La pianificazione nelle reti evolute: la gestione strategica dei progetti di innovazione; Gli effetti della pianificazione sull'equilibrio della gestione finanziaria dei partner della rete; La pianificazione strategica nel "sistema rete" del settore aeronautico: una verifica empirica)

Conclusioni